Spaghetti integrali con vongole e limone

Questi spaghetti integrali con le vongole sono un piatto fresco e autentico.

400 grammi di Vongole o fasolari
15 grammi di Sale
150 grammi di Pasta integrale, Spaghetti
1 cucchiaio da tè di Buccia di limone, grattugiata
30 grammi di Olio extravergine d’oliva (EVO)
1 bicchierino di Vino bianco
1 presa di Prezzemolo

Per preparare le vongole: mettetele in una ciotola e copritele con acqua del rubinetto. Aggiungete due cucchiai di sale fino (13 g) e lasciatele immerse per 2/3 ore, girandole di tanto in tanto.

Trascorse le due ore, mettetele in uno scolapasta, passatele sotto l’acqua corrente ed eliminate quelle aperte o con il guscio rotto.

Mettete le vongole in una pentola, chiudete con un coperchio e accendete il fuoco. Giratele e fate in modo che quelle in superficie vadano in basso per essere più vicine al fuoco ed aprirsi.

Dopo alcuni minuti, aprite e vedete se sono tutte ben aperte. Spegnete il fuoco. Separate una metà delle vongole dal proprio guscio e tenetele da parte. Le restanti toglietele dalla pentola e dall’acqua che hanno rilasciato.

In una padella mettete a scaldare 2 cucchiai di olio evo (28 g) con uno spicchio di aglio e quando inizia a soffriggere aggiungete sia le vongole sgusciate che le altre, sfumate con il vino bianco e lasciate andare a fuoco lento fino a quando non sentirete più odore di alcol.

A parte, portate ad ebollizione l’acqua e fate cuocere i vostri spaghetti in acqua salata. Per i tempi di cottura, seguite le indicazioni segnate sul pack della pasta per la cottura al dente.

Una volta cotta, scolate e unite la pasta alle vongole e lasciate andare a fuoco vivo girandola. Se vi sembra secca, potete aggiungere un po’ dell’acqua delle vongole sempre filtrandola con una garza.

Nella stessa pentola grattugiate la scorza di un limone non trattato e aggiungete del prezzemolo tritato. Impiattate e finite con altro prezzemolo e ancora l’olio evo rimanente a crudo.

240 Visite totali, 1 visite odierne

Precedente Filetto di manzo in crosta con spinaci alla panna Successivo Torta con recupero dei fondi di caffè

Lascia un commento