Rotolo di Panfocaccia Farcito

Oggi va tutto a rotoli amici…non preoccupatevi dai, è solo il Rotolo di Panfocaccia Farcito! Chiedetemi se è buono? Una vera bontà, soffice e gustoso!!!

Senza impasto e senza impastatrice

Rotolo di Panbrioche Farcito
Rotolo di Panfocaccia Farcito

Andiamo a comprare

gli ingredienti per il

Rotolo di Panfocaccia Farcito?

L’impasto è quello della focaccia, dopo la stesura e la lievitazione avviene la trasformazione!

  • 100 gr. di pasta madre
  • 600 gr. di farina 0 abbastanza forte 230W (dell’Eurospin)
  •  350 grammi di acqua circa
  • 30 grammi di olio extra vergine di oliva
  • 13 grammi di sale

Ripieno:

  • Un cespo di scarola
  • sale
  • un filo di olio extra vergine di oliva
  • una manciata di capperi
  • uno spicchio d’aglio
  • Una manciata di olive nere infornate
  • 100 grammi di caciocavallo grattugiato
  • qualche pomodorino secco sott’olio, io ci ho messo anche delle carotine tagliate a julienne
  • una scamorza a cubetti

E ora via in cucina a preparare il

Rotolo di Panfocaccia Farcito

Se usi la pasta madre ti devi programmare per rinfrescarla nel pomeriggio e impastare la sera dopo che è lievitata raddoppiando in circa 3 ore altrimenti se usi il lievito di birra fresco ne prendi dai 3 ai 5 grammi e lo fai sciogliere in 50 ml. di acqua di rubinetto e lo impasti con 100 gr. di farina forte. Ne prendi 100 grammi e metti a lievitare il panetto in un barattolo di vetro grande circa il doppio, copri con il coperchio senza avvitare, solo appoggiato e tieni al caldo, sui 25° circa. A lievitazione avvenuta circa un’ora puoi impastare. Consiglio: metti un elastico al barattolo come segno di partenza della lievitazione per regolarti del raddoppio.

  1. Versa tutta la farina  in una ciotola e fai il buco il centro, la famosa fontana.
  2. Spezzetta la pasta madre o il panetto di lievito di birra in un po’ dell’acqua prevista e fallo sciogliere e versalo al centro.
  3. Con un cucchiaio mescola l’impasto sommariamente unendo il resto dell’acqua, mi raccomando a poco a poco e poi unisci il sale.
  4. Mescola ancora e poi unisci l’olio a filo lasciandolo assorbire sempre col cucchiaio e non preoccuparti se si presenta bricioloso.
  5. Ora copri con un canovaccio e lascia riposare per un’ora, questo passaggio si chiama autolisi.
  6. Riprendi la ciotola e vedrai che si sta gia’ formando da sola la maglia glutinica, se lo sollevi con le dita diventa elastico e non si spezza. Fai delle pieghe in ciotola ottenendo un composto liscio e morbido e impasta solo per qualche minuto sulla spianatoia infarinata.
  7. Versalo di nuovo in ciotola unta d’olio, chiudi col coperchio e fai partire la lievitazione a circa 26°
  8. Dopo un’ora metti in frigo per la notte così il panfocaccia maturerà diventando più digeribile.
  9. Il giorno dopo lascialo a temperatura ambiente per qualche ora perchè in frigo sarà lievitato poco, il tempo  dipende anche dalla temperatura che hai in casa.
  10. Senza impastare ancora lascialo scivolare sulla leccarda del forno rivestita con carta da forno unta d’olio e coi polpastrelli picchietta partendo dal centro e allarga l’impasto su tutta la superficie.
  11. Spennella la superficie con olio e copri con un’altra teglia capovolta per non far seccare la superficie.
  12. Intanto prepara il ripieno:  metti a bagno in acqua i capperi per dissalarli, non usare quelli sott’aceto che hanno un sapore che non si addice a questa ricetta.
  13. Ripassa in padella con aglio olio e peperoncino la scarola dopo averla lavata e asciugata, unisci i capperi e le olive snocciolate e fai evaporare tutto il liquido di vegetazione, (io l’ho fatta intiepidire e strizzata fra le mani) ora gli altri ingredienti del ripieno.
  14. Spargi sull’impasto ormai lievitato il ripieno completando col caciocavallo grattugiato.
  15. Ora, aiutandoti con la carta da forno, arrotola per il lungo l’impasto senza schiacciare, formando un salsicciotto e chiudendo le due estremità.
  16. Lascia sotto la carta da forno senza stringere troppo e lascia lievitare ancora un po’. A questo punto consiglio mettere il rotolo in uno stampo da plumcake così in cottura cresce in altezza e non si dilata.
  17. Intanto riscalda il forno al massimo con dentro un pentolino con due dita di acqua.
  18. Spennella d’olio il panfocaccia e inforna con tutta la carta da forno, abbassando a 200° in entrata e dopo qualche minuto potrai sfilare via la carta e continuare la cottura, non preoccuparti perchè non si sgonfierà. Dopo 15′ togli il pentolino con l’acqua facendo attenzione a non scottarti. La cottura totale è di circa 30′
  19. La focaccia sarà pronta quando sarà  bella dorata e profumata. Lascia il forno aperto e tienila dentro ancora 10′ e poi spegni e sforna. Questo serve per eliminare l’umidità interna e rendere la mollica leggera.

Vuoi sapere come faccio a capire se è cotta? Niente sonde e termometri, il mio metodo empirico, come per il pane, busso con le nocche sul fondo, se suona a vuoto è cotta e se soppesandola è bella leggera è ok

Qui una simile con ripieno diverso

Quo coi peperoni e la ricotta

Qua gusto pizza

 

 

Rotolo di Panfocaccia Farcito
Rotolo di Panfocaccia Farcito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.