Il Pane Ricotta e Pepe è stato davvero una rivelazione, la prima volta che ho provato a farlo ed è venuto proprio buonissimo, solo un tantino troppo pepato! (voglio essere proprio sincera…) ma sicuramente da rifare! Esperimento riuscito anche a motivo della ricetta che ho preso su cookaround da Gi

Ecco come mi è venuto

 OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

 

Il Pane Ricotta e Pepe

In effetti dopo aver fatto il ciambellone con la ricotta mi sono resa conto che la mollica ha proprio una bella consistenza e così ci ho provato anche col pane, naturalmente ho usato il mio lievito naturale che non abbandono più…ma sapete che dopo giorni e giorni è sempre morbido e fragrante? Non si rafferma per niente quindi non c’è bisogno di impastare tutti i giorni, basta fare una bella pagnottona che duri una settimana, io non sono abituata a surgelarlo sia perché ho il freezer piccolo sia perché prende un po’ l’odore delle cose surgelate; lo conservo in un canovaccio di cotone e poi una bustina per alimenti, solo se mi va prima di consumarlo lo avvolgo in un foglio di stagnola e lo riscaldo e sembra appena sfornato.

Ma ora che ho stuzzicato la vostra curiosità vi lascio la ricetta!

Ingredienti:

ho iniziato alle 11,30

Starter

20 gr. Di lievito liquido naturale di semola rimacinata(questo è l’unico ingrediente ‘’strano’’ ma potete usare 5 gr. di lievito di birra e provare come viene anche se non l’ho collaudato).

170 gr. Di acqua

115 gr. Di semola rimacinata di grano duro Di Vella

115 gr. Di farina0

Poi ancora

170 gr. di farina0

160 gr. di semola rimacinata

60 gr. di acqua (più 50 gr. per la fine)

250 gr. di ricotta di pecora ben sgocciolata

10 gr. di sale fino

8 gr. di pepe nero macinato

Ho impastato brevemente nell’impastatrice lo starter e lasciato lì a lievitare per 5 ore

Alle 16,30 ho unito allo starter 250 gr. Di ricotta di pecora ben sgocciolata e cominciato a impastare a minimo con la foglia, ho unito man mano 2/3 delle farine precedentemente miscelate e 60 gr. di acqua continuando a impastare a velocità 2, unire il resto delle farine, 10 gr. di sale e 8 gr. di pepe nero. Ho continuato a impastare a lungo unendo ancora 50 gr. di acqua a cucchiaiate lasciando assorbire prima di unirne altra e aumentando man mano la velocità fino a 4. Il tutto è durato circa 20’

L’impasto si presenta morbido ma incordato ed elastico, segno che la maglia glutinica si è formata, l’ho lasciato lievitare laciandolo nella ciotola dell’impastatrice coprendo con un piatto per circa 2 ore facendo un paio giri di pieghe di tanto in tanto.

Ho formato la pagnotta e messo a lievitare in una teglia spolverata di semola. Al raddoppio l’ho scaravoltato delicatamente aiutandomi con carta forno su un’altra teglia e con le forbici ho fatto i tagli e infornato in forno a gas preriscaldato al massimo con dentro una ciotolina di acqua per il vapore.

Dopo 15’ ho abbassato un po’ la temperatura, ho aperto velocemente e aiutandomi con una spatola l’ho sollevato ed eliminato la carta forno e la teglia lasciandolo sulla refrattaria e cotto per 40’ togliendo la ciotolina in modo che la mollica ha perso la sua umidità, poi ho spento e ho aperto il forno lasciandolo dentro ad asciugare ulteriormente sulla griglia.

E’ buonissimo! Saporito e profumato, ottima ricetta …ottimo pane, grazie Gi!

E ora fatevi una bruschetta…

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.