Dolce Paleolitico Mandorle e Cocco

Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare del Dolce Paleolitico Mandorle e Cocco! Tutti con le mani in su, vero? Oggi vi catapulterò nel passato, esattamente nell’era paleolitica superiore o età della pietra, certo un po’ romanzata, ma alla fine il dolce è semplicissimo, non vi spaventate…

Dolce Paleolitico Mandorle e Cocco
Dolce Paleolitico Mandorle e Cocco

Però bisogna ammettere che non si finisce mai di imparare, infatti invitata a pranzo dalla mia amica Caterina mi ha fatto assaggiare il suo pane pàleo…”che sarà mai?” Mi sono chiesta…e la curiosità come al solito ha avuto il sopravvento…all’assaggio ho notato che il sapore del pane virava sul dolce a motivo delle farine usate e subito ho pensato di trasformarlo in un dolce senza glutine essendo già da un pò alla ricerca di farine alternative per un dolcetto per i miei amici celiaci. E così la trasformista che si nasconde in me si mette all’opera…Vogliamo vedere come ho fatto?

Ecco gli ingredienti 

per realizzare il Dolce Paleolitico Mandorle e Cocco:

  • 50 grammi di farina di cocco fine
  • 200 grammi di farina di mandorle fine
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • 150 grammi di uvetta sultanina
  • 8 uova piccole di galline libere e felici

Inoltre

  • semi di sesamo da distribuire sulla superficie

Ecco la preparazione semplicissima del

Dolce Paleolitico Mandorle e Cocco

  1. Mettere in ammollo l’uvetta per 3 ore in acqua calda (io tutta la notte) e poi asciugarla bene tamponando con un canovaccio pulito e spolverarla con la farina di cocco per non farla andare a fondo nel dolce.
  2. Unire alle farine tutti gli ingredienti in polvere.
  3. Montare benissimo le uova intere tenute precedentemente a temperatura ambiente finchè diventano gonfie e spumose, raccomando di usare la planetaria così amalgamando le farine non si sgonfieranno molto.
  4. Amalgamare delicatamente le polveri alle uova montate mescolando dall’alto verso il basso.
  5. Disporre il composto in uno stampo o tondo a cerniera da 26 cm. di diametro, col fondo rivestito di carta da forno.
  6. Distribuire sopra l’uvetta e i semi di sesamo non tostati in superficie.
  7. Infornare in forno preriscaldato a 150° per circa 50′ facendo la prova stuzzicadenti a fine cottura e lasciare in forno spento ancora 5′.

Dolce Paleolitico Mandorle e Cocco

Il profumo di questo Dolce Paleolitico Mandorle e Cocco è delizioso e può essere consumato sia così per colazione oppure spalmato con crema o cioccolato come dessert di fine pasto, a voi la scelta.

Ma ci pensate?

Niente zucchero

niente farina

niente burro

niente olio

Solo tanto gusto e bontà dato dalle mandorle e dal cocco con la sola dolcezza dell’uvetta…e ora provate anche voi!

Dolce Paleolitico Mandorle e Cocco!

In effetti mi sono imbattuta in un vero e proprio stile del mangiar sano, secondo natura, che si rifà addirittura all’era paleolitica della storia umana prima ancora che si iniziasse a coltivare la terra.

Ma cosa mangiava allora la gente? Ovviamente quello che offriva la natura, prima della trasformazione degli alimenti di base. Immaginate le donne che raccolgono e macinano le mandorle… grattugiano il cocco… le vedete mentre  sperimentano…provano, inventano le prime ricette? Non vi vedete anche voi a raccogliere frutti selvatici in boschi incontaminati col desiderio di creare qualcosa di buono da gustare? Oppure pensate che fossero tutti degli scimmioni primitivi? No no l’omo sapiens era un vero e proprio uomo intelligente, gli mancava l’esperienza certo…ma mi accorgo che mi sto addentrando in una materia molto discussa e controversa…meglio lasciar perdere e concentrarsi sulla ricetta

Dolce Paleolitico Mandorle e Cocco
Dolce Paleolitico Mandorle e Cocco

Io intanto provo la versione salata, non siete curiosi? allora seguitemi…non vorrete mica lasciarmi sola con questi primitivi…AIUTOOOOOOO

Che ne dite di quest’altra torta alle mandorle con zucca e zucchine?

Ti è piaciuta questa ricetta? Ringraziandoti per aver visitato il mio blog ti invito a venire e mettere il tuo ”mi piace” sulla mia fanpage su Facebook!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.