Crea sito

Crostoni con aglio e aneto alla mousse di salmone e baccalà

 Maggio è per me un mese di cerimonie a cui ho partecipato con grande piacere, un mese di colori delicati,  di pastelli chiari di sapori nuovi che ci fanno sentire sempre più vicini all’estate e al caldo. Avevo in testa il rosa e il bianco, la voglia di pesce e le serate calde in cui si cena all’aperto. Così sono nati questi crostoni.

I miei crostoni sono a base di pesce e ne ho scelti due gustosissimi. La lavorazione di entrambi è semplicissima. Lunga ma non complessa  quella della del pane che ho deciso di fare.

Gli ingredienti sono per 8 persone

Ho immaginato una cena con tanti amici che, nell’attesa del primo, assaggiano qualcosa in più di un semplice stuzzichino.

Per la preparazione del pane e del successivo crostino:

170 gr di acqua tiepida

15 gr di lievito di birra

1 cucchiaino di zucchero

100 gr di farina di semola di grano duro

200 gr di farina bianca 00

2 cucchiai di sale

150 gr di burro tenuto fuori dal frigorifero, morbido

2 spicchi d’aglio (preferibilmente spagnolo) schiacciati dopo aver tolto l’anima

aneto a piacere

 

blumirtillo 

 

Metto in una zuppiera grande la farina e il lievito sciolto in acqua tiepida. Lavoro l’impasto con un cucchiaio di legno fino a che non comincia a formarsi un impasto omogeneo. Aggiungo il  sale e lo faccio sciogliere nell’impasto. Il sale non deve venire a contatto con il lievito. Ora trasferisco l’impasto su un piano di lavoro. Impasto per 20 minuti. Quando l’impasto cambia consistenza, divenendo più morbido e lavorabile, elastico e malleabile mi fermo. Formo una palla e con un coltello segno sopra una croce, copro con un telo e mettere a riposare. Dopo 2 ore circa do la forma desiderata al pane e lo lascio lievitare per altre 2 ore almeno.

Lavoro il burro con aglio, aneto e sale qb formando una cremina.

Terminata la lievitazione rovescio l’impasto sul piano di lavoro infarinato e lavoro un poco impastando a mano. Divido l’impasto in due parti. Le stendo entrambe formando un rettangolo. Spalmo con i 3/4 del composto di burro e aglio.

Arrotolo il rettangolo e sigillo bene i bordi e faccio lievitare in uno stampo per circa 1 h, mettendo come copertura  uno strofinaccio inumidito. Accendo il forno a 190° e lo riscaldo per una ventina di minuti.  Scopro le pagnotte e faccio dei tagli sulla superficie.  Spolvero di farina. Inforno per circa 23/25 minuti o fino a doratura.

Per il baccalà:

500 gr di baccalà ammollato e ben pulito

700 ml di latte fresco intero

2 spicchi di aglio (senza anima)

200 ml circa di olio di semi di girasole

Procedimento:

Faccio bollire il baccalà e gli spicchi di aglio nel latte per circa 30 minuti, finchè il latte non si assorbe quasi del tutto. Raffreddo il composto e lo frullo aggiungendo l’olio a filo.  Un po’ alla volta la salsa dovrebbe iniziare a montare.

Per la mousse di salmone:

300 g salmone affumicato;

1 cucchiaino di vodka

150 g di burro salato tenuto fuori dal frigorifero, morbido

1,5 dl di panna liquida fresca

pepe

Procedimento

Metto il salmone nel bicchiere del mixer con la vodka e frullo per qualche minuto fino a ridurlo in crema. Unisco il burro a pezzetti, la panna liquida e il pepe.
Frullo per due o tre minuti a media velocità fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.

Ed ecco tutto l’occorrente per guarnire il mio saporitissimo pane.

Li ho assaggiati per un romantico aperitivo con mio marito. Fantastici!

Salva

Salva

Pubblicato da blumirtillo

Ciao sono Giusy Locati. www.giusylocati.it - ho 44 anni, 1 marito, 5 cani, 8 gatti, amo la cucina, le fotografie e ovviamente gli animali. Sono psicologa e lavoro in provincia di Venezia. Questo blog... a dirla proprio tutta ... lo gestisco con il prezioso aiuto di mamma Rina e papà Gianni che da 300 km di distanza si dilettano a mandarmi qualche suggerimento via e-mail!

2 Risposte a “Crostoni con aglio e aneto alla mousse di salmone e baccalà”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.