TARALLI NZOGNA E PEPE (taralli sugna e pepe con mandorle)

Ecco una ricetta straordinariamente PARTENOPEA.Una di quelle ricette ,nate per recuperare la pasta del pane avanzata..
E’ una esplosione di gusti..Una miscela di ingredienti Il sapore piccante del pepe,il gusto dolce delle mandorle e poi lo strutto che dona loro una fragranza unica.
Si ! insomma ,una cosa che non si puo’ non provare..E’ il vero sapore di Napoli,come lo e’ la pizza e la pastiera .Se andate a Napoli, troverete ancora delle bancarelle che li vendono ..Assaggiatene almeno uno e non ne potrete piu’ fare a meno.Una vera goduria per il palato..Il tarallo non e’ certamente dietetico,ma che importa E’ TROOOOPPPOOO BUONO.

ty

Vi lascio qui’ una ricetta semplificata (per alcune vi e’ anche la preparazione del pre- lievito ,cioè la pagnottella da far lievitare in precedenza, per poi unirla ai restanti ingredienti)..In questa invece non c’e’.).
(ALLA FINE DELLA RICETTA VI DO ALCUNI CONSIGLI IN MERITO)

Per il metodo di lavorazione metto prima l’acqua e poi il resto in una ciotola..TEMPO ADDIETRO SI UTILIZZAVA LA FANTASTICA MADIA che tra breve comprero’,io vi consiglio naturalmente una ciotola o l’impastatrice 

INGREDIENTI
500 g di farina  00
 280 g di acqua
250  strutto
12 g sale
3 grammi di lievito
 12 g pepe (per la prima volta  che li fate provate con questo quantitativo,poi la volta dopo regolatevi a secondo dei gusti )
 200 )  g di mandorle Una parte verranno tritate  e le altre intere

(abbondiamo per gusto) (in questa foto ce ne sono di meno perchè il supermercato era ormai chiuso e il figliuolo si era slappato un bel po’ di mandorle )

PROCEDIMENTO 
1)  (Potete usare anche una impastatrice -planetaria con frusta a uncino)
mettete in una ciotola  capiente l’acqua  ( meglio se usate l’impastatrice ) con un cucchiaino raso di zucchero , e il lievito. sciolto in un po’ di acqua .Iniziate a miscelare gli ingredienti unendo un po’ per volta l.a farina A meta’ quantità di farina ,aggiungete il sale ,il pepe  e quasi e 100 gr di mandorle tritate grossolanamente e lo strutto . (io metto l’impasto sulla spianatoia e aggiungo  lo strutto  lavorandolo a mano ..Ma voi potete continuare ad                                                                           utilizzare la planetaria )
 Fatelo  amalgamare  bene  durante la lavorazione
2)   lavorate  fino a creare una pasta liscia e omogenea(sara’ un po’ piu’ morbida della pasta per la pizza,grazie alla presenza dello strutto (sugna)
Lasciate riposare circa 10 minuti e rilavoratela per 5 minuti
Fate questa operazione per 3 volte circa.
Al termine ,fate riposare per 15 minuti
Tagliate a pezzetti l’impasto come qui’ nella foto attendete 5/10  minuti e poi arrotolateli
sul tavolo leggermente infarinato formando dei bastoncini
Spero che le foto vi possano aiutare.(questa foto e’ puramente dimostrativa.(FATE I BASTONCINI UN PO’ PIU’ SOTTILI)
Ponete ognuno sulla placca, foderata con  carta da forno (io preferisco senza,ungendo la teglia con un po’ di olio  o strutto ) e decorate con le mandorle intere  ,premendole leggermente sull’impasto
Fate lievitare fino a farne  raddoppiare il volume (circa 1 e mezza. Il tempo e’ relativo naturalmente)   ) in un luogo tiepido e lontano da spifferi
Spennellate delicatamente  con uovo sbattuto ed infornate a 200° per circa 20 minuti o fino a doratura
                                                               Ora dobbiamo biscottarli
Lasciateli  intiepidire e poi infornateli ancora a 150°  finche’ non saranno ben asciutti.
Quando li rompete devono essere friabili e rompersi appunto  come un biscotto.Deve fare il classico crok. E’ un passaggio indispensabile per la buona riuscita del prodotto
Fate asciugare ancora per 10 minuti a forno spento
Gustateli freddi o leggermente tiepidi con una buona birra insieme agli amici
Spero che questa ricetta sia di vostro gradimento
 
 
CONSIGLI 
!) Come dicevo all’inizio qui’ non ho messo il famoso panetto (lievitino) da  aggiungere all’impasto
Se volete farlo ,mettete in una ciotola un po’ d’acqua ( prendetela dalla quantità segnata negli ingredienti )a temperatura ambiente e il lievito .Unite un po’ di farina (sempre presa dalla quantita’ indicata 
(Il composto deve  risultare molle).Fate lievitare finchè non raddoppia di volume 
Aggiungeletelo poi all’impasto 
 
 2) Il sale deve essere aggiunto (Questo vale per tutti gli impasti di pane ) a meta’ lavorazione.Questa operazione fa in modo che il  sale non tocchi il lievito .( il sale inibisce il   lievito)
 
 
 
Precedente La focaccia Successivo Crepes dolci e salate Paste base

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.