Spaghetti alla puttanesca – Ingredienti e ricetta

Quante volte ci capita di desiderare un primo diverso dal solito ma non abbiamo nè tempo nè ingredienti per prepararlo?

Gli spaghetti alla puttanesca sono un primo facilissimo della tradizione napoletana; il sugo alla puttanesca è preparato con pomodoro, olio d’oliva, aglio, olive nere di Gaeta, capperi, origano fresco.

Di seguito la mia ricetta, a cui ho apportato delle modifiche rispetto a quella originale.

Spaghetti alla puttanesca

Spaghetti alla puttanesca

Gli ingredienti per il sugo alla puttanesca per 4 persone sono:

350 g di spaghetti n°5

150 g di Olive Nere di Gaeta (è una varietà di olive che si trova anche in tutti i supermercati… non fatela con altre olive!)

400 g di pomodori maturi (o un barattolo di pomodori pelati di qualità)

1 spicchio d’aglio

1 mazzetto di prezzemolo fresco

1 peperoncino piccante

Sale e olio extravergine quanto basta

Preparazione

Mettere a bollire una pentola capiente con acqua.
Nel frattempo lavare i pomodori sotto l’acqua corrente, praticare un taglio in cima ad ognuno e farli scottare in acqua per una decina di minuti; scolarli e farli intiepidire. Pelare i pomodori tirando via la buccia e aprirli privandoli dei semi; tagliarli poi a pezzetti.

Se i pomodori non sono di stagione o semplicemente non avete tempo, utilizzate i pomodori pelati in barattolo, omettendo i passaggi precedenti.

Far soffriggere l’olio d’oliva con l’aglio e il peperoncino e aggiungere le olive nere intere (io ho omesso i capperi). Far rosolare le olive e poi aggiungere i pomodori a pezzetti oppure il pelato (tagliandolo a pezzetti). Salare e pepare, coprire con il coperchio e far cuocere a fiamma medio-alta.

In una pentola piena di acqua bollente e salata calare gli spaghetti e farli cuocere. Scolare al dente e far saltare nella padella col sugo.

Servire gli spaghetti alla puttanesca aggiungendo il prezzemolo fresco e sugo a volontà!

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.