Frittura mista di calamari e gamberi

La frittura di calamari e gamberi è un piatto adorato da grandi e piccoli, che al contempo unisce il sapore del mare al gusto della frittura.

A casa mia solitamente si usa prepararla di venerdì, giorno che di solito si riserva sempre alla preparazione del pesce, ed è obbligatorio prepararla alla vigilia di Natale e Capodanno.

frittura di pesce

Ottenere una frittura leggera e non unta, che conservi bene il sapore del pesce non è facile; è importante la qualità del pesce, che dev’essere fresco e non surgelato. Se possibile è meglio utilizzare olio extra vergine d’oliva per la cottura, perché mantiene meglio le elevate temperature e si brucia meno. Se comunque si preferisce utilizzare olio di semi (di girasole o d’arachidi) bisogna fare attenzione a cambiarlo più volte durante la cottura per assicurarsi una cottura uniforme e pulita.

Per 4 persone gli ingredienti sono:

1 kg di calamari, 500 gr di gamberetti, Farina, Sale, Olio d’oliva, Carta Assorbente.

Per prima cosa bisogna pulire il pesce.  Sotto l’acqua corrente, prendere i calamari ad uno ad uno e togliere la testa, le interiora e l’osso interno, il becco anteriore e gli occhi. In ultimo “sfogliare “ la sottile pellicina esterna. Sciacquarli bene, tagliarli a fettine spesse mezzo centimetro facendo attenzione a non romperli e metterli a sgocciolare, facendoli asciugare benissimo. Lavare anche i gamberetti uno ad uno e pulirli accuratamente, facendo asciugare anche questi. In un piatto versare la farina e infarinare i calamari e i gamberetti poco per volta, facendo in modo che questi siano uniformemente coperti.

Scaldare l’olio in una padella (preferibilmente con i bordi alti). Immergere un “anellino” (da me si chiamano anche così, e da voi?) per testare se l’olio è pronto. Quando lo sarà, ossia quando si formano le bollicine intorno all’anellino di prova, versare gli altri, facendo attenzione che non siano troppi, ma che si dispongano nella padella in un unico strato.

Preparare un contenitore con della carta assorbente, nel frattempo girare una volta gli anellini dall’altro lato per farli dorare uniformemente. Quando saranno cotti toglierli dall’olio e riporli nel contenitore appena preparato, e aggiungere subito alla padella gli altri.

Salare i calamari fritti e asciugarli per bene dall’olio in esubero.

Passare poi a friggere i gamberetti impanati, utilizzando lo stesso metodo dei calamari, e riporli man mano nello stesso contenitore degli anellini, continuando ad asciugarli dell’olio in eccesso e salarli.

Quando saranno tutti cotti, appena prima di servirli, cospargerli di succo di limone, o servire del limone a tavola, in quanto  il limone è “la morte loro”!

Fate attenzione a non coprirli in attesa di portarli in tavola, perché altrimenti diventeranno mollicci e gommosi. Servirli subito!!

Buon appetito!!

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.