Muffin salati vegani senza glutine

I think that cooking is a way to show love to humans, cooking vegan is a way to show love to humans and respect animals. You will know by now that I love to experiment, some experiments turn out right some experiments don’t. Yesterday for example I tried to make vegan chocolate muffins and the result was far from perfect (that’s why I didn’t post the recipe), today I tried vegan salted muffins and I took another step, I made them gluten free. The result was pretty good, improvable but good. I’ll share with you this recipe but I promise that I will work on it to make it better. If you have suggestions please feel free to write them in the comments.

Credo che cucinare sia un gesto d’amore verso gli esseri umani, cucinare vegano è un gesto d’amore verso gli esseri umani e di rispetto verso gli animali. Avrete capito, ormai, che mi piace fare esperimenti, alcuni esperimenti riescono e altri no. Ieri per esempio ho provato a fare i muffin al cioccolato in versione vegana ed il risultato è stato tutt’altro che perfetto (per questo non ho pubblicato la ricetta). Oggi ho provato a fare i muffin salati ma ho voluto fare un passo in più, li ho fatti senza glutine. Il risultato mi è piaciuto, sono migliorabili ma buoni. Condivido con voi questa ricetta e prometto di lavorare per migliorarle. Se avete consigli sentitevi liberi di commentare.

Ingredients (6 large/grandi+12 small/piccoli)

vegan muffins ingredients

 

 

  • 500g pumpkin/zucca
  • 300g buckwheat flour/ farina di grano saraceno
  • 200g rice flour/farina di riso
  • gluten free baking powder
  • 400ml rice milk/latte di riso
  • 100ml olive oil/olio d’oliva
  • 50g dry porcini mushrooms/funghi porcini secchi
  • poppy seeds/semi di papavero
  • salt/sale

Cut the pumpkin in pieces and put it in the steamer until it becomes soft. Put the mushrooms in a cup of warm water, after a few minutes drain them well and chop them to pieces. Put the flours and baking powder in a bowl. In another bowl put the rice milk and olive oil and, when it’s ready, the pumpkin. Using a blender, blend together the pumpkin with the olive oil and rice milk until creamy. Slowly pour the cream onto the flours and mix with a whisk. When it’s all mixed and smooth add the salt and the dry mushrooms. Pour the batter in your muffin molds and decorate with poppy seeds. I used sunflower/snowflake shaped muffin molds so I decorated the bottom with poppy seeds, if you have normal muffin molds you can put the poppy seeds on top of the batter. Put in the oven, pre-heated at 180°C. I cooked the sunflowers (large muffins) for 1 hour, the snowflakes (small muffins) cooked for 35 minutes, regular muffin molds take 45 minutes.

Tagliate la zucca a pezzi e cuocetela a vapore fino a quando non sarà morbida. Mettete i funghi a bagno in una tazza d’acqua calda, dopo qualche minuto scolateli bene e tagliateli a pezzi. Mettete le farine ed il lievito in una ciotola. In un’altra ciotola mettete il latte di riso e l’olio d’oliva e, quando è pronta, mettete la zucca. Con il frullatore a immersione frullate la zucca con olio e latte fino a farla diventare una crema. Versate lentamente la crema nelle farine mentre mescolate con una frusta. Quando avrete ottenuto un composto liscio ed omogeneo aggiungete i funghi ed il sale. Versate l’impasto negli stampi da muffin e decorate con semi di papavero. Io ho usato stampi a forma di girasole e fiocco di neve quindi ho decorato sul fondo, con gli stampi normali potete decorare dopo aver versato l’impasto. Mettete in forno pre riscaldato a 180°C. I girasoli (muffin grandi) si sono cotti in 1 ora, i fiocchi di neve si sono cotti in 35 minuti, i muffin normali in 45 minuti.

Salted vegan muffins

Buon appetito!

main course, picnic food, Vegan , , , ,

Informazioni su vegitalianfood1

Avete presente quei giorni in cui tutto va storto? Quelli che quando ti alzi sbatti il mignolino sul comò, poi rimani intasata nel traffico, fai tardi al lavoro, perdi le chiavi...ecco, in quei giorni nati male io mi sfogo in cucina! Preparare da mangiare mi rilassa e mi calma, con una crostata raddrizzo la giornata! Perché proprio la cucina vegetariana? Perché io non mangio carne né pesce, e in realtá ultimamente ho ridotto anche i formagggi (ma ogni tanto cedo). Mi piace sperimentare quindi provo a fare dolci senza uova, impasti vari senza glutine...insomma ogni tanto mi lancio una sfida, a volte la vinco e a volte la perdo. Le sfide vinte finiscono sul blog, quelle perse ce le mangiamo in casa, un po' controvoglia ma il cibo non si butta! Spero che vi piacciano le mie ricette!

Precedente Tofu al curry Successivo Zucchine al vapore croccanti