Zuppa tartara

Un dolce fresco col sapore della frutta, la Zuppa tartara, alleggerito dalla ricotta, veloce e facile da fare visto che prevede una base di savoiardi, blasonato visto che la ricetta è nientedimeno che di Pellegrino Artusi, che per chi non lo sapesse ha scritto uno dei più conosciuti manuali di cucina.

La mia versione del dolce è un po’ semplificata in quanto non prevede la ripetizione degli strati, ma un’unica alternanza di sapori, chi volesse farla più simile all’originale deve solo continuare ad alternare savoiardi, marmellata, savoiardi e crema di ricotta.

Si può usare qualunque marmellata, la mia era alle fragole che credo si sposi bene con la ricotta, ma nulla vieta sperimentazioni varie; la ricotta, preferibilmente di pecora.

Rispetto all’originale ho aumentato lo zucchero a metà peso della ricotta.

Zuppa tartara
Zuppa tartara

Zuppa tartara

Ingredienti:

200 g. di ricotta
400 g. di marmellata a piacere
1 bicchierino di brandy (che ho diluito con un bicchiere di acqua)
300 g. di savoiardi
100 g. di zucchero a velo
2 cucchiai di panna liquida

Preparazione:

Passare la ricotta attraverso un setaccio, per eliminare i grumi e renderla più leggera, unire la panna liquida e lo zucchero. Amalgamare con una spatola in modo da far sciogliere per bene lo zucchero.
Bagnare i savoiardi nel liquore diluito con l’acqua, disporli in una terrina in uno strato e ricoprire con la marmellata. Ripetere lo strato di biscotti bagnati e coprire con la crema di ricotta.
Mettere in frigorifero per almeno un’ora.

Precedente Insalata di sgombro al salmoriglio Successivo Risotto primavera