Strudel di mele

Questo strudel di mele (versione calza della befana) lo potete preparare come dolce per il giorno dell’Epifania, ma se non lo ripiegate potete benissimo usarlo come dolce velocissimo e facilissimo alla fine di ogni pasto di festa.

Un dolce fragrante, da mangiare tiepido, un dolce salutare e delicato.

Lo strudel molto diffuso in Trentino Alto Adige deriva dal Baklava, un dolce turco a base di pasta fillo, con un ripieno di sciroppo di zucchero e frutta secca. Con la conquista dell’Ungheria da parte degli imperi Ottomano e asburgico, il dolce venne arricchito di mele, e arrivò in Austria e da lì in Alto Adige dove prese il nome di  strudel, che in tedesco vuol dire ‘vortice’.

Esistono numerose varianti, sia dolci che salate dello strudel, e anche la sfoglia può variare, qualcuno sceglie la pasta frolla, qualcun altro la pasta sfoglia, ma la ricetta originale richiede una pasta fatta soltanto con farina, acqua e olio. E, perché il risultato sia perfetto, questa deve essere così sottile da permettere di leggervi in trasparenza un articolo di giornale o una lettera d’amore.

 

Strudel di mele (versione calza della befana)
Strudel di mele (versione calza della befana)

Strudel di mele (versione calza della befana)

Ingredienti:

un rotolo di pasta sfoglia rettangolare
3 mele
4 cucchiai di pangrattato dorato in un pezzo di burro,
uvetta
marmellata di albicocche
cannella
1 tuorlo d’uovo

Preparazione:

Tostare il pangrattato in una padellina con una noce di burro. Sbucciare le mele e tagliarle a spicchi e poi a fette più sottili. Srotolare la sfoglia, oppure stenderla in forma rettangolare, abbastanza sottile. Coprire la parte centrale con il pangrattato tostato, le mele, l’uvetta, una spolverata di cannella. E’ possibile aggiungere anche una manciata di pinoli. Cospargere il tutto con la marmellata. Richiudere la pasta sopra il ripieno, arrotolare e chiudere le estremità. In questo caso, per fare la calza ho leggermente ripiegato un’estremità. Spennellare la pasta col rosso d’uovo sbattuto. Cuocere in forno caldo a 200° per circa 30 minuti . Cospargere di zucchero a velo. Servire tiepido.

 

Precedente Rigatoni con ricotta e olive Successivo Linguine alle cozze con pesto e patate