Sfince siciliane dell’Immacolata

Le sfince siciliane dell’Immacolata sono un dolce tipico della cucina siciliana. Si preparano durante tutto il periodo che precede il Natale, già dalla vigilia dell’Immacolata e sono un goloso intermezzo durante le partite a carte o a tombola. Ci sono tante versioni di sfince, queste con le patate sono forse le più conosciute e le più famose, semplici da preparare e soffici per più giorni.
La tradizione prevede anche ingredienti con cui farcirle, dalle gocce di cioccolato, alla ricotta, all’uvetta, comunque sempre fritte e golosamente ricoperte di zucchero semolato che ti incolla le dita. Troppo buone, una tira l’altra.

Sfince siciliane dell’Immacolata
Sfince siciliane dell’Immacolata

Sfince siciliane dell’Immacolata

Ingredienti:

1 kg di farina 00
500 g di patate
1 bustina di lievito di birra
2 cucchiaini di zucchero
1 cucchiaino di sale

olio di semi di girasole
zucchero semolato

Ingredienti facoltativi:

Uva passa
gocce di cioccolato
Ricotta

Preparazione:

Lessare le patate con la buccia, partendo da acqua fredda salata, cuocere per circa 20 minuti dall’ebollizione, ma dipende dalla grandezza delle patate. Se usate una pentola a pressione basteranno 10 minuti dal fischio. Sbucciare e schiacciare le patate quando sono ancora calde o almeno tiepide. In una ciotola capiente versare la farina, unire il passato di patate, il lievito e lo zucchero. In una conchetta laterale mettere il sale, perché non venga in contatto col lievito. Impastare tutti gli ingredienti, aggiungendo un bicchiere di acqua tiepida. Dovrà ottenersi un composto liscio e omogeneo. Far lievitare in luogo tiepido per circa due ore. Versare l’olio in un pentolino a bordi alti e portarlo a ebollizione. Per provare che sia alla giusta temperatura prendere una piccola pallina di impasto e controllare che soffrigga senza bruciare, in caso regolare la fiamma. Con un cucchiaio bagnato prendere una quantità di impasto e versarlo nell’olio spingendolo delicatamente con un dito, a poca distanza dall’olio o gli schizzi potrebbero colpirvi. Fare altre palline alla stessa maniera, friggere alcuni minuti a fiamma moderata girando per far dorare dall’altra parte poi scolare su carta assorbente. In un piatto mettere dello zucchero semolato e passarvi le sfince ancora tiepide. A piacere potete mescolarvi delle gocce di cioccolato, oppure dell’uvetta o ancora della ricotta ben asciutta a dadini.

 

Precedente Tortino di riso filante Successivo Farfalle con ragù in crema di zucca