Mozzarella in carrozza light

Cominciamo col dire che la mozzarella in carrozza è formata da due fette di pancarré con dentro la mozzarella, passate nelle uova e nel pangrattato e poi fritte, ma la mia è una versione di mozzarella in carrozza light, per cui mi sono concessa altre varianti tra cui quella di riempirla di altri ingredienti.

Continuiamo col dire che questa versione oltre a essere light è anche più pratica e veloce, senza l’incognita che si possano rompere le fette o fuoriuscire il ripieno, e più veloce perché è come preparare una sola  grande fetta di mozzarella in carrozza.

E’ possibile considerarla un po’ antipasto, un po’ torta salata e metterci dentro, oltre alla mozzarella qualche salume e qualche verdura che magari giace in frigo, triste e solitaria, rimasta da un’altra preparazione.

Mozzarella in carrozza light
Mozzarella in carrozza light

Mozzarella in carrozza light

Ingredienti:

10 fette di pancarré
due uova
latte
200 g di provola fresca
200 g di fesa di tacchino a fette (il salume)
sale
olio d’oliva

Preparazione:

In un piatto versare il latte, in un altro piatto sbattere le uova, salare.
Oliare una padella antiaderente sia sul fondo che sui lati, usando un pennello per distribuire bene l’olio. Bagnare velocemente le fette di pancarré nel latte e poi passarle nell’uovo, far scolare l’eccesso e disporre uno strato di pancarré, cercando di coprire tutta la base della padella e parte del bordo, in maniera più o meno uniforme, fare uno strato di fesa di tacchino, disporre infine il formaggio a fette o grattugiato con la grattugia a fori larghi.
Ricoprire il tutto con un secondo strato di pancarré passato nel latte e poi nell’uovo, come fatto prima.
Mettere sul fuoco, non forte, e lasciare cuocere per qualche minuto, girare con l’aiuto di un coperchio ben oliato e cucinare anche dall’altro lato. Usate un fornello medio, ma la fiamma deve essere bassa.

 

Mozzarella in carrozza light
Mozzarella in carrozza light
Precedente Risotto allo stracchino e prosciutto Successivo Farfalle con crema di fave e gamberetti