Torta salata con ricotta spinaci e prosciutto

La Torta salata con ricotta spinaci e prosciutto è una torta saporita, veloce e facile da fare, un piatto gustoso e completo che unisce le salutari verdure alla ricotta e al prosciutto riunendo questi sapori in un croccante guscio di pasta sfoglia.

Le torte salate sono per me, non solo un modo per smaltire avanzi ma anche un modo per presentare le verdure in modo più appetibile e nascosto, un po’ come le polpette e le frittate. Spesso le mie figlie non capiscono neppure cosa c’è dentro e mangiano alimenti che da soli e riconoscibili avrebbero fatto fatica a mangiare. Frullando e tritando, camuffando con creme e salumi riesco a cucinare quasi tutto con piena soddisfazione mia e dei miei esigenti familiari.

Al posto degli spinaci si possono usare bietole e borragini oppure altre verdure di campo, provatela e non ve ne pentirete .

Torta salata con ricotta spinaci e prosciutto

Ingredienti:

350 g di spinaci anche surgelati
100 g di prosciutto cotto a fette
250 g di ricotta
50 g di formaggio grana grattugiato
2 uova
2-3 cucchiai di panna

500 g circa di pasta sfoglia

Preparazione:

Stufare gli spinaci in poca acqua salata. Scolarli. Rosolare in poco olio uno spicchio d’aglio, unire gli spinaci  e insaporirli qualche minuto.
Togliere l’aglio, mettere gli spinaci ormai freddi nel tritatutto e tritare, unire il formaggio grattugiato, la ricotta, le uova e la panna, aggiustare di sale. Dividere la pasta sfoglia in 2 parti, di cui una i 2/3 dell’altra e stenderle. In una teglia antiaderente adagiare la parte più grande, che farà da guscio, bucherellarla e coprirla con alcune fette di prosciutto. A questo punto versare sopra la crema di spinaci e coprire con altre fette di prosciutto e poi con l’altro disco di sfoglia che io ho preparato a reticolo con lo strumento per crostate. Se non l’avete tagliate a strisce la pasta e adagiatela a formare un reticolo classico. Infornare a 200° per circa 35 minuti.

Precedente Uova in purè di patate Successivo Crostata al cioccolato di Ernst Knam