Pecorelle di Pasqua

E se non le avete già fatte questa è la  ricetta per fare le pecorelle di Pasqua, la più facile, la più veloce, metodo a freddo , a prova di imbranati.

La pecorella di pasta di mandorle è una tradizione ben radicata in Sicilia, l’agnello pasquale simbolo della Pasqua si ritrova in tutte le case assieme a cassate e pupa cu l’ova, da regalare e da consumare per la gioia di grandi e piccini.

Non è difficile realizzarle a casa, bastano pochi ingredienti che si trovano facilmente, tranne la formina di gesso, che fuori la Sicilia sarà un po’ difficile procurarsi.

Con questa ricetta vi auguro una buona Pasqua da passare in pace e serenità.

 

Pecorelle di Pasqua
Pecorelle di Pasqua

Pecorelle di Pasqua

Ingredienti per circa 10-11 pecorelle:
1/2 Kg di farina di mandorle
1/2 Kg di zucchero a velo
50 g. di miele
55 g. di acqua
1 bustina di vanillina
2 fiale di aroma mandorla
formine da pecorella di Pasqua da 100 grammi
 
Preparazione:
Versare tutti gli ingredienti in una ciotola capiente e incominciare ad amalgamare. Piano piano le mandorle cominceranno a buttare fuori il loro olio e la pasta comincerà a compattarsi.
Continuare a lavorarla finché non diventa liscia e compatta. Dividere poi il panetto in pezzi da 100 g circa, tali da poter riempire la formina acquistata. Foderare le due parti della formina con della pellicola.
Mettere il panetto metà da una parte e l’altra metà nell’altra formina, pressare bene, unire le due parti e pressare ancora, rifinire la parte di sotto e poi staccare la pecorella con l’aiuto della pellicola. Mettere da parte e continuare con le altre. Fare asciugare 18-24 ore.
Diluire un cucchiaio di cacao con un cucchiaio circa di acqua e con un pennellino colorare a piacere le pecorelle, fare asciugare. Decorare con bandierine o fiocchetti.
Pecorelle di Pasqua
Pecorelle di Pasqua
Pecorelle di Pasqua
Pecorelle di Pasqua
Pecorelle di Pasqua
Pecorelle di Pasqua
Pecorelle di Pasqua
Pecorelle di Pasqua
Pecorelle di Pasqua
Pecorelle di Pasqua
Precedente Mezze maniche ai tre colori Successivo Margherite alle cozze, olive e capperi