Archive of ‘secondi piatti’ category

Gnocchi di Pollo fritti…io li chiamo gnocchi..,ma sentitevi liberi di chiamarli come volete

By ungiroincucina2

Questi gnocchetti di pollo sono molto semplici..ma sono anche un riciclo del pollo al forno avanzato la domenica.
Volete sapere se mia nonna li faceva?
La risposta è si! Li faceva, ma con la variante di un pollo non riciclato..io mi sono persa la licenza..di riciclarlo..visto che non avevo voglia di mangiarlo come lo avevo cucinato domenica…e cioè cosce di pollo al forno con pomodori e cipolla…siccome mi sono stufata.. gli ho dato la fine che si meritava, dunque ieri pomeriggio quello che era rimasto l’ho dissossato, ridotto in brandelli…e poi…
ecco la ricetta:
Ingredienti:
250 gr Pollo ( petti di pollo vanno benone), il mio erano cosce e sovracosce.
150 gr di riso bollito (quasi sfatto);
100 gr di parmigiano grattuggiato;
1 uovo;
2 cucchiai di Mollica di pane per aggiustare il composto se troppo mollo;
100 gr di Mollica di pane, per l’impanatura;
Prezzemolo abbondante;
1/2 cipolla;
Sale  e pepe q.b.
1/2 l di olio di semi di arichide.
In una ciotola mettete il pollo (arrostito), ridotto in brandelli, aggiungiamo il riso scolato, il parmigiano, l’uovo..se il composto risulta troppo mollo aggiungiamo un po’ di mollica di pane, prezzemolo, la cipolla, aggiustiamo di sale e pepe, formiamo dei pseudo barilotti con le mani umide, passiamoli nella mollica e friggiamoli in abbondante olio di semi..meglio se usate una friggitrice…e mangiamoli caldissimi..
State tranquilli che non si aprono..non c’è stato bisogno di passarli nell’uovo..sono perfetti così. ^_^

Sofficini di Carne di vitello agli spinaci…e un solo credo…

By ungiroincucina2

Un solo credo perchè questo piatto era il piatto che mio nonno ne andava matto..ma di brutto e che io ho ereditato come gusto..per lui la carne andava fatta così…perchè dava un sapore in più…ma era semplice e lui adorava le cose semplice..e proprio questo è uno di quei piatti..dei quali personalmente impazzisco, è un piatto ed è semplice ma soprattutto abbastanza veloce.
Ingredienti per 3 persone:
6 fette di lacerto taglio medio;
250 gr di spinaci lessi;
6 fette di formaggio filante;
1 uovo sbattuto;
1/2 cipolla;
1 noce di burro;
150 gr di Mollica di pane;
1 pugno di Parmigiano grattuggiato;
Olio di semi di arichidi.
Olio evo.
Sale e pepe q.b.
In una padella soffriggiamo leggermente la cipolla con l’olio evo, buttiamoci dentro gli spinaci (già lessati), facciamoli rosolare, aggiungiamo la noce di burro, aggiustiamo di sale e pepe e facciamoli raffreddare.
Nel frattempo in un piatto prepariamoci mollica ed il parmigiano grattugiato anche qui aggiustiamo di sale e pepe, in un tagliere invece sistemiamoci le fette di lacerto, poniamo al centro un pochino di spinaci freddi adagiamo una fettina di formaggio, chiudiamo a modo di sofficino, passiamo il tutto nell’uovo e poi nella mollica, avendo cura però di prestare attenzione che le fettine restino ben sigillate con la mollica, eventualmente ripassatele nuovamente sia nell’uovo che nella mollica, friggiamo in abbondante olio di semi di arichidi e serviamo caldissime, non appena si apriranno uscirà un cuore morbido, di spinaci e formaggio. Una bontà che va gustata calda..^_^

Spezzatino per un ricordo “eccezionale”

By ungiroincucina2

Dopo esperimenti vari e prove allo spascio, ora so che se volessi provare a rifarlo sarei in grado di riuscire nell’intento.
Circa 6 anni fa per un periodo di tempo ho vissuto con la mia nonnina, lo dico sempre, lei mi faceva trovare piatti caldi mi preparava il bagno, tornava a casa tutta bagnata come un pulcino e sporca come se fossi stata dentro una discarica.
Il mio lavoro “sono una geologa”, mi ha portato all’inizio a stare sempre in cantiere tra professionisti arroganti e presuntuosi e operai gentili e cordiali e molto  ma dico molto rispettosi….ed ecco non è per far classismo o altro, a volte quelli che hanno studiato di meno sono più riguardevoli di chi ha le scuole alte, ma lasciamo perdere quest’argomento altrimenti mi dileguerei troppo con discussioni che mi farebbero allontanare dal nocciolo della questione.
Quindi, quando tornavo a casa la mia nonnina era sempre pronta lì ad accudirmi, a togliermi le scarpe “zozze” ed i vestiti umidi, mi accendeva la stufa mi rilassavo tanto tanto, e nel frattempo arrivava un odorino dalla cucina, mi faceva impazzire, scappavo dal bagno per vedere cosa mi avesse cucinato, e in una delle tante sere, scappai dal bagno, spinta dalla curiosità, verso la cucina, e dritta filai a spiare, e lì, mia nonna era fuori che parlava con  la vicina dal balcone, alzai il coperchio del tegame, cominciai ad assaggiare e vai e rivai e rivai, lo spezzatino era sparito…ricordo ai gentili lettori che in quel periodo non so perchè ma potevo permettermi il lusso di mangiare e fagocitare la qualsiasi, visto l’ago della bilancia che era sempre fermo su 49kg per 1.64 mt..!! :-(
Quando mia nonna rientrò dal balcone cominciò a gridare…e tutto l’amore nei miei riguardi era finito….visto che giusto quella sera c’era mio padre a cena con noi….alla fine una spaghettata non ce la levò nessuno, e l’amore ritornò…ma dal quel momento non si allontanò più dai fornelli. Oscuro presagio aleggiava sul suo piano cottura 😉
Mettetevi l’anima in pace per cuocere lo spezzatino ci vogliono minimo 2 ore!
Ingredienti:
500 gr di coppa di maiale;
1/2 cipolla;
10 pomodorini pixel;
4 Patate medie;
1/2 bicchiere di vino bianco
2 litri di Brodo;
Olio evo 
Sale e pepe q.b.
In un ampissimo tegame fate rosolare la cipolla con l’olio, riponete il maiale,  fatelo scottare appena appena sfumate con il vino bianco alzate la fiamma, appena sarà evaporato aggiungente, i pomodorini,  1 mestolo di brodo e procedete così per circa 2h!
..lo spezzatino come dice sempre la mia nonnina: “PIU’ CUOCE E MEGLIO E’ “! 
Appena sarà passata all’incirca  un’ora e tre quarti aggiungo le patate a dadini….e continuo la cottura. Io mi accorgo che lo spezzatino  è abbastanza cotto quando infilzando la forchetta penetra perfettamente.^^

A mio marito il pollo piace così: Straccetti di polli con uva passa e olive nere

By ungiroincucina2

Ieri sera mi chiama mio marito e mi dice:” faccio tardi!” e quindi non possiamo uscire a fare la spesa insieme, e io rispondo :” ma ho un sacco di cose da comprare”!!. 
E lui :” Eh Lo so ma non posso farci niente..!” 
Quindi siccome poi alla fine anche se ero molto arrabbiata perchè mi aveva lasciata sola mi ha intenerito dicendo che per cena avrebbe voluto il pollo come “piace a lui”, allora ho ceduto a parte che mi sono ritirata a casa tardissimo, a parte che non ci vuole niente a farlo, a parte che viene squisito, alla fine l’ho mangiato anch’io..nonostante  a me non piaccia moltissimo il pollo.
Ingredienti per due persone:
4 fette di petto di pollo tagliate sottili;
1/2 cipolla;
100 gr di Uva passa ammollata;
8 olive nere;
1 bicchiere di vino bianco;
3 cucchiai di Olio evo;
Sale e pepe q.b.
Erba cipollina a piacere.
In una padella grande soffriggiamo la cipolla con l’olio e facciamo attenzione a non bruciarla, 
adagiamo gli straccetti e lasciamoli rosolare, appena rosolati sfumiamo con il vino bianco, lasciamo evaporare, aggiungiamo l’uva passa e le olive lasciamo assaporare e sposare i sapori, aggiustiamo di sale e pepe, togliamo dal fuoco e spolveriamo con erba cipollina. Serviamo caldo, anche perchè il pollo freddo perde la sua croccantezza..e perde soprattutto  moltissimo di sapore. ^_^

Straccetti di manzo per la dieta a punti da due settimane iniziata

By ungiroincucina2

Non ci volevo credere quando mia cognata mi ha detto:” provala che in sei settimana ho perso circa 6 kg…” mi chiedevo ma è vero..ma è mai possibile..tutto ciò?…Allorquando fossi capace di portare a termine qualcosa, ultimamente come si è visto non lo sono molto, direi che questa è una di quelle che porterei a termine molto volentieri anche perchè non ho la necessità di pesare necessariamente quello che mangio, e per di più non ho il divieto di usare i grassi, certo le quantità si sono notevolmente ridotte, e anche i grassi ad onor del vero, ma  mi aiuta molto sapere che per qualsiasi cosa io abbia intenzione di mangiare c’è un punto appropiato,. e quindi ecco un limitato senso di sfogo alla fantasia ma esiste quanto meno lo sfogo,…ecco questo credo sia importante, e quindi mi ritrovo già con circa 1.5kg in meno…sarà la dieta.., sarà che porto ancora ahimè i resti di una “storia” finita piuttosto male, ma in ogni caso dei risultati li sto notando e mi permetto di dire non solo io!
Quindi credo conosciate tutti gli straccetti di manzo io li propongo nella mia versione piuttosto “light” punti appropiati circa, per lo meno, su per giù: 8 
Ingredienti:
350 gr di Fesa di Lacerto tagliata per carpaccio;
1 Mazzetto di rucola;
10 pomodorini pachino;
Olio evo 1 cucchiaio;
2 spicchi d’aglio
1 bicchiere di vino bianco.
Sale e pepe q.b.
In una padella mettiamo l’olio gli straccetti, stracciati, gli spicchi d’aglio, facciamo rosolare per circa e non di più 5 minuti, aggiungiamo una tazza di acqua calda, facciamo evaporare, sfumiamo con il vino bianco e serviamo sul letto di rucola e pomodorini, possibilmente serviamo caldo…^_^ Ce lo so troppo light..ma per adesso questo passa il convento,  mi sono alzata dal tavolo appena finito di cenare e fame non ce n’era nemmeno l’ombra!

Scaloppine alla menta..con fagiolini “arriminati” per MTC DI Giugno

By ungiroincucina2

Non potevo mancare..questo mese non potevo farlo, per tanti motivi, il primo perchè l’MTC è un’appuntamento unico..e questo mese poi il piatto che ha scelto Elisa è forte, perchè a me piacciono moltissimo le scaloppine…e le proporrei sempre..anche se mi rendo conto che non posso farlo..poi la sfida è diventata realtà..la mia piccolina ieri sera è riuscita a mangiarne 3 fettine…ed io e mio marito siamo rimasti lì…a guardarla…pensando che sia giusto che a 3 anni lei mangi tutto..anche appropriandosi  di gusti che in questo caso sono abbastanza forti.
Le fettine di carne che vi presento sono di Filetto di maiale non è stato necessario batterle con il batticarne erano abbastanza sottili e morbide.
Ingredienti:
400 gr di Filetto di maiale
Olio evo
2 bicchieri di Crema di Whisky
2 bicchieri di brodo di Carne
80 gr di Farina OO Molino Chiavazza
Qualche fogliolina di menta fresca
Sale 

Per I fagiolini
400 gr di Fagiolini freschi
2 cucchiai di Mollica di pane tostato
2 cucchiai di Parmigiano reggiano grattuggiato
2 spicchi d’aglio
Olio evo
Sale e pepe q.b.

In un piatto molto ampio mettiamo la farina passiamo il filetto di maiale , nel frattempo in una padella scaldiamo l”olio poniamo le fettine e facciamo cuocere avendo cura di girarle, non appena saranno cotte togliamole dalla padella e poggiamolo su di un piatto, e saliamo.
Deglassiamo il fondo di cottura con Crema di Whisky , lasciamo evaporare e aggiungiamo il brodo di carne che abbiamo preparato precendentemente, che ci servirà per il fondo di cucina, poniamoci due tre foglioline di menta e lasciamo assaporare..Poniamo la salsa in un colino facciamola scolare, e adagiamola direttamente sulle fettine.
Intanto in abbondante acqua salata cuociamo i fagiolini..scoliamoli, in una padella rosoliamo l’aglio saltiamo i fagiolini, spolveriamo con la mollica ed il parmigiano, aggiungiamo un pochino di pepe, e serviamo insieme alle scaloppine…^_^


EL POLPETTON….

By ungiroincucina2

E’ un piatto dal sapore domenicale, un piatto di quelli che personalmente preparo quando devo mettere d’accordo i gusti di tutti, e sono sicura che piace a tutti, e un piatto estremamente versatile perchè in alternativa alla pancetta si può usare lo speck ed in alternativa ai carciofi i funghi…o altro….e per questo che lo posiziono tra le ricette tradizionali, perchè il polpettone a casa mia ha un retrogusto di ricordi..mia nonna Santina accompagnava il polpettone con le patate fritte ma non era lei a friggerle ma mio nonno!….ahahhah che ridere..si metteva un cannovaccio sulle spalle, si armava di padella ed olio..e friggeva quantità industriali di patate…ed il primo di noi nipoti che si avvicinava al piatto pieno di patate fritte…con un cucchiaio di legno faceva saltare le mani…ahahhah non era violenza….ahahah voleva solo che le patate arrivassero a tavola…ma morale della favola..non ci arrivavano mai….e mio nonno restava imbrociato…e noi tutti lì a ridere…perchè le nostre pancie erano già sazie….
Ingredienti:
500 gr di macinato di carne;
100 gr di parmigiano reggiano;
5 fette di pan carrè:
100 ml di latte;
200 gr di pan grattato;
3 uova;
erba cipollina q.b.
sale e pepe q.b.;
150 gr di pancetta o lardo;
4 carciofi;
1 spicchio d’aglio
150 gr di fette sottili di formaggio filante.
Olio evo
Prepariamo in una ciotola tutti gli ingredienti ad esclusione della pancetta del formaggio filante e dei carciofi  impastiamo per benino, e lasciamo riposare in frigo per almeno 2 ore.
Nel frattempo puliamo i carciofi come in questa ricetta, rosoliamoli nella padella con uno spicchio d’aglio rigorosamente in camicia, aggiustiamo di sale e  non appena saranno pronti lasciamo raffreddare. In una teglia prepariamo il nostro primo strato del polpettone, adagiamo i carciofi, il formaggio filante e chiudiamo con la restante parte di carme e bagniamoci le mani e cerchiamo di chiudere il polpettone con le mani umide verso la parte bassa chiudiamo con le fette di pancetta copriamo con la carta alluminio ed inforniamo a 240° a forno caldo per circa 20 minuti, passati i quali toglieremo la carta alluminio e faremo tostare leggermente…
Consiglio utile…cuciniamo questa ricetta magari non appena il caldo si deciderà ad allentare la sua morsa….^_^ e potete immaginare perchè! 

Filetto di maiale al Marsala

By ungiroincucina2

Non ditemi che è difficile per favore perchè non vi credo..anzi …
Questo piatto è tipico di Marsala, perchè? Bhe..perchè in quella zona quasi tutto viene sfumato con il marsala…e potete immaginare il motivo!
Ingredienti:
600 gr di filetto di maiale tenero;
100 gr di Farina rimacinata io uso Molino Chiavazza
2 bicchieri di Marsala dolce all’uovo;
Sale e pepe q.b;
2 spicchi d’aglio in camicia;
Olio evo
Infarinate le fettine di maiale, da una parte e poi dall’altra, nella padella mettiamo un filino di olio e gli spicchi d’aglio adagiamo le fettine e facciamo rosolare per bene, aggiustiamo di sale e pepe, appena avremo finito sfumiamo con il marsala e serviamo su un piatto,,,et voilà…ditemi quanti tempo c’è voluto…poco anzi pochissimo ^_^

Polpette in umido

By ungiroincucina2

Le polpette sono un piatto estremamente “leggero”, ahahahahahaha; stuzzicante, e soprattutto facile da fare, perchè non ci sono tecniche particolare, ma solo tempi diversi di cottura che vanno conciliati.
Ingredienti:
600 gr di Macinato di maiale;
1 Uovo;
80 gr di parmigiano reggiano grattugiato;
5 fette di pane raffermo o in sostituzione pan carrè;
100 ml di latte;
2 cipolline fresche;
Sale e pepe q.b.
Per l’umido:
1/2 cipolla dolce
1 L Passata di pomodoro ;
2 cucchiai di zucchero
500 gr di patate
Sale e pepe q.b.
Olio evo;
In una ciotola prepariamo l’impasto delle polpette, mettiamo il macinato, il pancarrè, il latte, l’uovo le cipolline, il sale ed il pepe, impastiamo con le mani umide e prepariamo piccole polpettine, nel frattempo in un ampio tegame soffriggiamo la cipolla e versiamo la passata di pomodoro e facciamo cuocere per circa 20 minuti, correggiamo di sale e aggiungiamo lo zucchero, nel frattempo mettiamo sul fuoco una padella nella quale friggeremo leggermente le polpettine appena avremo finito le verseremo nel tegame con la passata di pomodoro in questo modo continueranno a cuocersi per altri 10 minuti, infine tagliamo le patate a tocchetti e versiamole nel tegame insieme alle polpette copriamo e dovremmo ottenere una cottura in totale di circa 40 minuti, ma dipende dalle patate, (assaggiatele sempre) non appena le patate saranno pronte spegnete il fuoco e servire caldo…..^_^

TORNATI DALLE FESTE ECCO IL POLLO DEL GIORNO DI CAPODANNO

By ungiroincucina2

Intanto tanti auguri di buon anno a tutti anche se lievemente in ritardo, e poi certo proporvi il pollo ripieno dopo le feste mi sembra un tentativo molto inutile di farvi acquistare ancora Kili…ma del resto se voleste magari riprovarci questa domenica non so forse per il triste ricordo delle vacanze potreste farlo così anche l’ultimo scorcio natalizio va via e non ci pensate più, tanto restano solo 350 giorni al prossimo natale!
Comincio con il dirvi che mi sono fatta completamente dissossare questo pollo dal macellaio, io francamente non ne sarei stata capace, per il resto ho messo dentro:
450 gr di macinato di carne di maiale;
80 gr di parmigiano grattuggiato;
1 uovo;
Sale e pepe q.b.
250 gr mortadella a tocchetti;
Ho impastato tutto e poi ho messo il tutto dentro il pollo, che ho chiuso con lo spago da cucina , cotto in forno a 180° per almeno 3 ore abbondanti.
Nella teglia per la cottura ho messo 2 carote tagliate piccole, 1 cipolla grande; 1 dado;
tante foglie di alloro, olio evo, sale e pepe q.b. e due bicchieri di vino rosso.
Quando il pollo era abbastanza cotto, il sughetto che è rimasto l’ho trasferito in una ciotola e l’ho frullato e poi l’ho versato sopra.

1 2 3