Archive of ‘secondi piatti’ category

Cozze Ripiene

By ungiroincucina2

cozze riepieneLe cozze ripiene piatto che contiene in sè per me e per mia mamma una storia particolare, lo so che  questa settimana c’è  l’#mamma ed è per questo che pubblico questa ricetta, io le amo moltissimo le cozze fatte in questo modo, e mia madre lo sa, quindi io ricordo la festa della mamma perchè mia madre festeggia me e non lei, e credo che questa sia la migliore espressione di amore di una madre.

Ingredienti:

1kg di cozze pulite

150g  di pana grattato,

prezzemolo tritato a piacere

sale e pepe q.b

2 cucchiai di cacio cavallo

Olio extravergine di oliva q.b.

Olio di semi di arichide per friggere

4 pomodorini

1 uovo.

Iniziamo con aprire le cozze, mettiamole in un tegame, e lasciamole aprire, filtriamo la loro acqua, e mettiamola da parte. Buttiamo via

soltanto una valva.

Nel frattempo prepariamo il ripieno, in una ciotola versiamo il pan grattato, il prezzemolo tritato, olio sale  e pepe, i pomodorini tagliati piccolini, il cacio, e versiamo

l’acqua delle cozze piano piano fin quando l’impasto risulta abbastanza morbido, a questo punto riempiamo le cozze soltanto per metà,

passiamole nell’uovo e friggiamo in abbondante olio bollente.

Servite calde

Peperoni piccoli al forno e tutto prende un aspetto diverso

By ungiroincucina2

Un bel BENTORNATA A ME che ci vuole sempre,  dopo tanti mesi ritorno nel mio blog, l’ho lasciato solo ed abbandonato, lui però sapeva che il mio pensiero era rivolto sempre qui, che prima o poi sarei tornata come in un vecchio film, dove l’amore quello vero non si dimentica mai e ritorni con la coda in mezzo alle gambe e lui ti perdona sempre, perchè sa che in fondo lo ami, ami la cucina, ami la tua passione e vuole a tutti i costi che tu non lo abbandoni mai!
E così che dopo svariati tentativi andati a male, tra cui un’altra gravidanza, mi ritrovo a dover ricominciare tutto daccapo, si ho messo un bel punto e a capo ed ho ricominciato.
Non è così che fanno le persone forti? Si loro fanno così!!
Ma io invece? io che faccio? Io (e permettetemi un po’ sano e puro egocentrismo) mi risollevo con le gambe piegate, ma non spezzate, raccolgo le mollichine di un pranzo che non mi è piaciuto e vado avanti. Il rifiuto e vado avanti serve proprio a non mollare, e mai lo farò! Il vado avanti serve a definire i contorni di una vita già scritta in un libro dove la protagonista principale non sono io..ma mia figlia,  ed è il mio pensiero principale, non passa giorno ora o momento che io non pensi a lei, alla sua crescita, alla sua infanzia che per via del mio continuo cercare un bambino le sto togliendo. Ora basta me lo sono e ce lo siamo detti una volta per tutte io e mio marito, abbiamo una famiglia meravigliosa,  nulla e dico nulla ci distruggerà, definiti quei contorni ti appare tutto più chiaro, non hai bisogno più di farti domande,  le tue incertezze diventano improvvisamente certezze,  alla fine di quel tunnel vedi la luce…e sai che sarai felice per il resto della tua esistenza.
Ho una mare di fotografie conservate di piatti e ricette che nonostante tutto ho realizzato e fotografato, questi peperoni sono stati realizzati a maggio, ed ora che siamo quasi a fine ottobre in realtà non avrebbe senso neanche postarli, ma da una ricetta si deve pur ricominciare, ed io ricomincio da questa, salutando l’estate e aumentando il peso dei miei bagagli di ricordi , certezze, amarezze , delusioni e buoni propositi. Perchè in fondo io sono tutto il contrario di niente…e magari resterò così…

Ingredienti:
7 Peperoni piccoli
500 g di mollica di pane;
2 cipollotti;
10 olive nere grosse;
200 g di pomodorini datterini;
1 uovo
Olio evo q.b.
60 g di parmigiano grattugiato;
60 g di formaggio tipo provola ragusana a cubetti;
In una padella facciamo rosolare le olive e la cipolla, lasciamo sfrigolare un pochino, togliamo dal fuoco  e aggiungiamo la mollica, i pomodorini tagliati a dadini, l’uovo ed infine i  formaggi e giriamo il tutto ed amalgamiamo, se l’impasto vi risulta al tatto molto secco aggiungete allora altro olio, in pratica l’impasto dovrà risultare con una polpetta.
Puliamo i peperoni tagliamo la testa, svuotiamoli dai semi e riempiamoli  ad uno ad uno e rimettiamoci su la testa.

Inforniamo a 200° per circa 30 minuti.
Serviamo caldi.

Cosce di pollo al forno e si ritorna alla realtà

By ungiroincucina2

Buon pomeriggio cari, con oggi si aprono le feste Pasquali, e prima di congedarmi per un pochino voglio lasciarvi questa ricettina molto facile e semplice.
Ma non prima di avervi detto un paio di cosucce, mi sento ancora di vivere tutto un sogno, dopo tutto quello che ho passato…Il masterfoodie è stata una gran botta di vita, adesso però è arrivato il momento di ritornare con i piedi per terra e di riprendere la mia vita.
Intanto devo ringraziare tutta l’organizzazione per i magnifici momenti che mi hanno regalato, e più di tutti devo ringraziare una mamma..si una mamma tra cielo e terra, che proprio mentre io stavo gareggiando al Masterfoodie lei partoriva il suo dolce pargoletto Sara, a tutte noi mamme tra cielo e terra ci ha reso felici.
Ringrazio Dio per  tutte noi che  con grande fatica e sforzo piano piano ci riprendiamo la nostra vita e i nostri figli, per noi tutte (ma purtroppo non ancora per me) c’è una Pasqua di resurrezione per tutte…Vi amo ragazze e grazie anche a Katy che anche lei ha dato alla luce un altro pargoletto proprio Martedì.
Insomma cari amici adesso vi lascio la ricetta…e spero che prima o poi ci sia una Pasqua di resurrezione pure per me.
Ingredienti:
8 fusi di pollo;
1 cipolla rossa a fette;
una decina di foglioline di menta;
origano q.b.
sale e pepe qb.
Olio evo 
10 pomodorini datterini.
 In una teglia abbastanza capiente e profonda rivestita di carta forno, adagiamo i fusi di pollo, saliamo e pepiamo, aggiungiamo l’olio e la mentuccia, l’origano, la cipolla rossa tagliata a fette ed infine i pomodorini datterini.
Inforniamo a 200° per circa 20 minuti, passiamo la T del forno a 250 e lasciamo cuocere per altri 20 minuti.
Buona Pasqua e a presto

Lo spezzatino per MTC

By ungiroincucina2

Eh si…miei cari eccomi…mancavo da due mesi, e la sensazione di non ritornare più ad aggiornare il mio blogghino prendeva sempre più corpo, poi all’improvviso mi sveglio da questo torpore e mi ritrovo senza lavoro, senza casa, ma con tanta voglia di ricominciare, adesso ho un nuovo lavoro, avrò presto una nuova casa, cambierò città insomma signori c’è nell’aria tempo buono, ed io non ho nessunissima intenzione di uscire con l’ombrello :-p
Ed eccoci con l’ennesima sfida dell’MTC stavolta trattasi dello spezzatino e qui gioco in casa, e che si fa? Si gioca!
Quando ho visto  la proposta di Chiara e Marta io che di tradizione me ne intendo “l’è vero sinori” mi sono detta che non dovevo farmela scappare e così ho fatto, ma come al solito ottocentomila foto per una quasi decente e ottocentomila piatti sporchi per una presentazione quasi decentE, p.s. ho pure rotto la lavastoviglie!!
Dunque veniamo a noi per chi non lo avesse chiaro la sfida di questo mese è lo spezzatino ecco il banner:

Ed ecco la ricetta:
Ingredienti:
600 gr di taglio maiale magro per spezzatino;
1 cipolla rossa;
1 gambo di sedano;
3 carote;
Olio evo 4 cucchiai;
1L di brodo vegetale;
600 gr di patate 
1/2  bicchiere di vino bianco
Per prima cosa infariniamo la carne e rosoliamola in padella con un cucchiaio di olio evo, tritiamo cipolla sedano e le carote, rosoliamo appena e aggiungiamo la carne facciamola sfrigolare e poi aggiungiamo il vino bianco lasciamolo evaporare, e a poco a poco aggiungiamo il brodo vegetale lasciamo cuocere il tutto a fuoco lento, mescoliamo e qualora fosse necessario aggiungiamo qualche mestolo di brodo. 
Facciamo cuocere per circa 2 ore, in ogni caso io mi regolo che lo spezzatino è pronto, quando infilzando la forchetta nella polpa di carne, quest’ultima si sfilaccia a quel punto aggiungiamo le patate tagliate a tocchetti e lasciamole cuocere per circa 30 minuti.
Per il pane :
Ingredienti per la biga.
125 gr di Farina 0
125 gr di Manitoba
150 ml di acqua tiepida
3 gr di lievito di birra secco
Ingredienti per il 2° impasto
1 kg di Farina 0
la biga 
250 ml di acqua tiepida
30 gr di sale
Sciogliamo il lievito di birra nell’acqua tiepida, impastiamo tutti gli ingredienti della biga nell’impastatrice munita di gancio e lasciamo lievitare per circa 12-16 ore a temperatura ambiente di 23°;

io ho preparato la biga la sera prima.

Impastiamo tutti gli ingredienti del secondo impasto nell’impastatrice, esclusa l’acqua, e aggiungiamo la biga, e a filo aggiungiamo l’acqua amalgamiamo tutto e lasciamo lievitare per circa 2 ore, sformiano e diamo la forma di pagnotte e filoncini, intagliamo a centro con un coltello una croce e lasciamo lievitare per altre due ore,  inseriamo nel forno un pentolino con acqua e preriscaldiamo il forno a 230° posizioniamo le pagnotte in una placca antiaderente foderata di carta forno e cuociamo il pane per 15 minuti, dopodichè ultimiamo la cottura senza il vapore a 180° per circa 30 minuti.
Buon appetito miei cari..

I miei personalissimi libri di pollo

By ungiroincucina2

E ci siamo si ricomincia anche con il RECIPETIONIST DELLA MIA FLAVIA
Questo mese ha vinto la Mai, bellissimo blog, bravissima in cucina, bravissima nelle foto, insomma una foodblogger perfettaaaaa. Ho scelto questa ricetta perchè a me il pollo piace moltissimo e poi la variante con la pancetta è senza dubbio per me un tocco di lussiorosa goduria lo eleva ad un gusto più corposo, e allo stesso tempo però lo lascia molto saporito e delicato visto appunto gli ingredienti presenti al suo interno.
Dato che non sono capace a fare le cose piccole, diciamo che non ho proprio rispettato la regola della forma da “libro di pollo” così come la Mai ha chiamato il suo piatto, ma spero di essere riuscita comunque nell’intento. La ricetta è presa pari pari dalla MAI
” Ingredienti per 2:
6 filetti di petto di pollo
12 fette di pancetta sottili
70 g di ricotta sarda grattugiata
vino bianco q.b.
3 foglie di salvia
3 foglie di basilico
Rosmarino
10 olive (nere e verdi)
Pepe
Olio extra vergine
Sale

In una ciotola mischiare gli aromi: lavati, asciugati e tritati. Aggiungerci la ricotta, le olive sminuzatte, un pò di pepe, un filo d’olio e il vino quanto basta per fare morbido il ripieno. Amalgamare e tenere da parte mentre si prepara la carne.
Appiattire i filetti battendoli (io ancora con il solito battitore di legno…). Stenderli e uno a uno riempirli con il preparato, poi salare; ma poco perché il ripieno e la pancetta sono già molto saporiti; e piegarli a metà come un libro, poi chiuderli con l’aiuto di due fette di pancetta avvolta intorno, in questo modo non ci serve nessuno stecchino.
Cuocere in una casseruola o una padella con un filo d’olio, i primi 5 minuti coperti con coperchio e poi senza, fino che sono cotti e dorati e la pancetta è croccante! ”

Io mi sono presa l’ulteriore licenza di presentarli con un pochino di rucola
Divertitevi 
Con questa ricetta partecipo al contest della mia adorata EliFla conoscete già il regolamento.

Ungiroincucina come foodblogger entra in ferie

By ungiroincucina2

Buon mercoledì cari amici, mancano esattamente 7 gg lavorativi dall’inizio delle mie ferie..e poi…finalmente tutti al mare.tutti al mare a vedere le xxxxx chiareeee… -.-  chiudo battenti fino a settembre, manco per tutti e per tutto, stacco smartphone( non ci credete questo non lo staccherò), pc, radio TV, ipad, lavatrici, lavastoviglie,aspirapolvere,  ferro (sopratutto, ed in primis) condizionatori (no questi no ! ) caricabatterie ( nooooo e poi come faccio con il mio smartphone),   tutto e non ci sono per nessuno! ^_^
E siccome sto per terminare le scorte frigorifere, e siccome non ho voglia (stranamente) di nulla, pure i miei fornelli stanno andando in vacanza, anzi loro si sono messi in ferie molto tempo prima rispetto alla sottoscritta   ieri sera per cena mi sono data al tritato (tanto per cambiare) e alle melenzane di seta lucente, e allora che ci faccio con entrambe le cose?
Questi pseudo involtini di melenzane, o rotoli di melenzane, non lo so è da stamattina che ci penso e un nome giusto a questa ricetta non riesco a darglielo. Vi giuro se poi accompagnate “a queste non so cosa” un riduzione di aceto di vino bianco con rosmarino e qualche spicchietto di aglio, ma che ve lo dico a fà!! la morte loro!
Dunque per la ricetta delle polpette vi rimando qui , quindi anche gli ingredienti saranno gli stessi, poi tagliate a fette non spesse le melenzane per la loro larghezza adagiate un pochino di impasto delle polpette, infilzatele negli stecchini grandi, oleate la teglia ed infornate a 200° per circa 20 minuti.
Dico non so se avete capito la modalità vacanza è arrivata anche qui..con un anticipo di 7 gg ma fa lo stesso, quindi non resta che salutarvi sperando di portarvi buone nuove a settembre e chissà…chissàà 
un bacio a tutti BUONE FERIE BUONE VACANZE UN GIRO IN CUCINA ENTRA UFFICIALMENTE IN FERIE COME FOODBLOGGER 

Arrosto di maiale al latte

By ungiroincucina2

Domenica, giornata ricca, tempo di riposo, ma anche di quaresima, tempo di starsi a casa dopo una settimana che ti rompi..”il di dietro”, e quindi quale migliore occasione se non darsi ai fornelli, visto che durante gli altri giorni l’arrosto non hai tempo per farlo. Quindi bando alle ciance o ciancio alle bande, vado subito alla ricetta, anche perchè c’è parecchio da scrivere e non possiamo star qui mica a pettinare le bambole ;-p..
Ingredienti:
2 Kg di Arrosto di Maiale;
1 Lt di Latte intero;
1 Cipolla;
2 Gambi di sedano;
5 carote;
1 bicchiere di vino bianco;
Olio evo;
1 Dado;
Sale e pepe q.b.;
Circa 5 foglie di alloro.
Tagliamo a dadini sia le carote che il sedano e sminuzziamo la cipolla, in un’ampia casseruola mettiamo due giri di olio evo aggiungiamo, il dado, la cipolla, il sedano e le carote e facciamo rosolare per bene, appena saranno ben rosolate, poniamo delicatamente l’arrosto e facciamolo rosolare in tutta la sua interezza, facendo attenzione a non tostarlo troppo.

Sfumiamo con il vino bianco, appena l’alcool sarà evaporato incorporiamo il latte, copriamo con un coperchio e lasciamo cuocere per circa 2 ore e mezza a fuoco lento, l’arrosto sarà cotto internamente quando infilzando un stecchino uscirà del liquido bianco, altrimenti se fosse ancora crudo uscirebbe del liquido rosa.
Non appena sarà abbastanza cotto, usciamolo dalla casseruola, scoliamolo per bene, adagiamolo su di un tagliere e lasciamo raffreddare per un’altra ora come minimo, dopodichè togliamo la rete, e tagliamo delle fette dello spessore di circa mezzo cm, adagiamo su di un piatto da portata. Tutto quello che rimane nella casseruola possiamo frullarlo e poi adagiarlo caldo sopra le nostre fette di arrosto, oppure (come ho fatto io) non frullarlo e adagiare comunque sopra il tutto. ^_^

Polpette nelle foglie di limone

By ungiroincucina2

Buongiorno miei adorati nell’attesa che si compia un miracolo vi delizio con le polpette cotte al forno con le foglie di limone, tipico secondo di piatto della nostra zona orientale sicula, questa ricetta nasce come una tradizione anche i macellai le vendono, ma..attenzione!!! e qui viene il bello!!! perchè non fregare qualche foglia qui e là a qualche contadino che onestamente ne ha troppe? Ma poi dico che se ne deve fare di tutte ste foglie di limone, quando ci sono io che grazie a questa ricetta ne mangio e ne consumo a quintalate??? E me le porto pure in ufficio, e mi attengo alla tanto famigerata superdieta DUKAN iperproteica, che mi ha fatto dimagrire un etto in 4 settimane?
Detto questo mi mostro gli ingredienti:
Per la ricetta delle polpette vi rimando alla ricetta del polpettone
Gli ingredienti per l’impasto delle polpette sono gli stessi.
Invece per la cottura l’argomento è diverso:
Dunque appena l’impasto di carne è pronto, riscaldiamo il forno a 250° modalità grill, foderiamo la placca del forno di carta forno, prendiamo un po’ del composto di carne circa 50 gr a polpetta e adagiamole su una prima foglia e copriamo con un’altra foglia e così via fino al finire dell’impasto.
Vi regalo una dritta:
Accertatevi che le foglie siano in numero mooooooolto elevato rispetto alla carne a disposizione.
Inforniamo, se il forno è già caldo, in 10 minuti avrete le vostre belle polpette ^_^

Pollo croccante

By ungiroincucina2

Allora volete una ricettina veloce e buona, oggi poi che siamo a lunedì e tanta voglia di cucinare non ce l’avete..visto la domenica trascorsa?
Eccovela non ci vuole niente di eccezionale e soprattutto è gradita a grandi e piccini..ma soprattutto a piccini.
Per chi mi conosce non amo mangiare ai “grandi Fast Food”…non per me ma per la mia piccolina..qualsiasi cosa cerco sempre di riprodurla ma di farlo in maniera genuina e naturale..e con ingredienti quanto meno di conosciuta provenienza, quindi ho riprodotto i nuggets di pollo..ma non li ho fritti ( e qui il fegato ringrazia, devo ancora smaltire la sbornia colestorolomica post arancine e pitoni messinesi)..quindi li ho messi al forno..e devo dire che il risultato è stato abbastanza eccellente e di comprovata bontà.
Ingredienti:
500 gr di petto di pollo tagliato a cubettoni larghi;
1 uovo;
Sale e pepe q.b.;
150 gr Pan grattato circa;
80 gr di parmigiano grattugiato;
Olio evo (io olio Dante)
Tagliamo i cubettoni di pollo saliamoli e mettiamoli da parte, nel frattempo sbattiamo l’uovo.., nella mollica mettiamo il parmigiano, il sale ed il pepe.
Passiamo il pollo nell’uovo  e poi  nella mollica, e procediamo fino alla fine, foderiamo la placca  con carta forno versiamo qualche goccia di olio adagiamo il pollo e inforniamo a 220° per circa 20 minuti…Serviamo caldo ma soprattutto versateci tanto limone ( io succo di limone polenghi)…a me piace così…

Polpette in umido con piselli e carote

By ungiroincucina2

Non cazziatemi….con 500 gr di tritato ne sono venute fuori 22, (vi rivelerò il mio segreto), ed io ne ho fatti fuori 4, mia figlia 2, mio marito 5..che cosa ne abbiamo fatto delle altre?..sono nella borsa frigo..con me…per il pranzo in ufficio, e per chi mi dovesse dire…”ma non eri a dieta”…ecco è giusto rispondere…”hai detto bene lo ero!”
Ingredienti:
500 gr di macinato di maiale;
5 fette di pan carrè;
80 gr di parmigiano grattugiato;
100 ml di latte;
1 uovo;
belle foglie di prezzemolo;
Sale e pepe q.b.;
1 noce di burro;
250 gr di pisellini freschi;
4 carote;
1/2 cipolla;
1 gambo di sedano;
1 dado.
Olio evo
2 bicchieri di acqua calda.
Nel wok facciamo rosolare la cipolla con il sedano, la noce di burro, e il dado, l’olio,  le carote ed i piselli (già cotti, io li cuocio a vapore) nel frattempo prepariamo l’impasto delle polpette..in una ciotola versiamo il macinato, il pan carrè ammollato già nei 100 ml di latte, l’uovo, il prezzemolo, il parmigiano, aggiustiamo di sale  pepe e impastiamo con le manine bagnate, dopo formiamo delle palline ( con tutto quelle fette di pan carrè hai voglia…di polpette..ecco il mio segreto) e le adagiamo nel wok… versiamo l’acqua copriamo con il coperchio  e facciamo cuocere per circa 25 minuti a fuoco basso..^_^ serviamo le polpettine calde.

1 2 3