Archive of ‘I miei dolci’ category

Croissant integrali

By ungiroincucina2

Croissant integrali

Croissant integrali Ungiroincucina

Buona serata a tutti ritorno dopo un pochino di aasenza, ma credo di farmi perdonare con questa ricettina dei croissant integrali che ho studiato in maniera tale che chiunque possa farla e a chiunque possa riuscire.

Dunque non mi dilungo troppo anche perchè ho davvero pochissimo tempo a disposizione ecco gli ingredienti.

550 g di Farina integrale (Farina Spadoni integrale di grano tenero)

180 ml di Acqua tiepida

10 g di LMS

90 Zucchero semolato

10 g di sale

1 tuorlo

120/125 ml di latte parzialmente scremato

35 g di burro

la buccia grattugiata di mezzo limone

 

Per la Sfoglia 250 g che ci servirà per le pieghe : prendiamo il burro, porlo tra due fogli di carta forno e aiutandonci  col mattarello battendo, ricaviamo  un rettangolo di 26×20 cm circa.

Preparare un lievitino con 180 ml  di acqua dove si sarà fatto sciogliere il lievito e 150 gr di farina integrale,  mescolando quanto basta per amalgamare.
Coprire con pellicola e far riposare per almeno 1 ora o comunque fin quando non noterete che sono cominciate a formarsi delle bollicine e il lievitino è abbastanza gonfio con un sentore di acidità.
Versare il lievitino nella planetaria insieme a 2 o 3 cucchiai di farina, e impastare con il gancio K o foglia. Aggiungiamo  il tuorlo, far assorbire e uniamo metà dello zucchero. Ad assorbimento incorporare ancora poca farina, facciamo  assorbire, uniamo l’altra metà dello zucchero e impastiamo per circa 2 minuti.
Continuiamo  con latte e farina fino ad esaurimento, aggiungiamo il sale e impastiamo bene fino a che l’impasto sarà liscio ed elastico. Aggiungiamo la buccia grattugiata del limone, il burro poco alla volta e incordiamo, finendo col gancio a uncino. versiamo l’impasto sul piano di lavoro non troppo infarinato e continuiamo a lavorarlo con le mani
formiamo una palla DSC_3597
 poniamolo in una ciotola, coprire con pellicola e mettere a lievitare per circa 3 ore in forno con la luce accesa.
A questo punto tiriamo fuori l’impasto e col mattarello, stendiamolo  in un rettangolo di 38×22 cm circa.
Prendiamo il burro e posizioniamolo  sul rettangolo di impasto, pieghiamo verso il centro le due estremità ruotiamo di 90°, sistemiamo per bene la chiusura copriamo con pellicola trasparente e poniamo in frigo per almeno 30 minuti.
Passato questo tempo riprendiamo l’impasto stendiamolo e ripieghiamo sempre verso il centro sovrapponendo le due estremità ripetiamo tale operazione per almeno 4 volte.
Croissant integrali Ungiroincucina

Croissant integrali Ungiroincucina

Finita l’operazione di piegatura, stendiamo la pasta ricavando un rettangolo lungo e stretto DSC_3602Tagliamo dei triangoli isosceli con un coltello ben affilato che abbiano una base di 10 cm. e un’altezza di 20 cm. circa. ne verranno fuori circa 12.

DSC_3603 Formiamo i croissant tirando leggermente e delicatamente con le mani, più lungo è il triangolo più giri si riescono a fare e più bello viene esteticamente. Si inizia ad avvolgere strettino, partendo dalla base verso la punta e allargando il taglio.La punta si fa in modo di farla capitare sulla parte anteriore e sotto il cornetto, altrimenti in lievitazione o in cottura si solleva.
Dopo aver arrotolato, curvare leggermente le punte laterali verso di voi.

A questo punto abbiamo due strade:
 
  • Posizionare i croissant su una leccarda coperta da carta forno, coprirli con pellicola e attendere il raddoppio, circa 2 ore e 45 minuti a 20°.
    Cuocere a 160° ventilato per circa 20 minuti a doratura completa.
  • Disporli su un vassoio, metterli in freezer e, non appena congelati, trasferirli in un sacchetto per alimenti. Quando si vorranno cuocere, basterà tirarli fuori circa 8 ore prima, e proseguire come sopra.
 Buon divertimento ^_^

Muffin alla vaniglia per una merenda veloce

By ungiroincucina2

Questi muffin sono la base delle mie torte , la merenda veloce della mia piccolina, ma anche la nostra colazione, insomma valgono un pochino per tutto, quindi la riproduzione di questa ricettina diciamo  diventa consuetudine settimanale ^_^.
Vi confido un segreto questa è la ricetta convertita della moretta, nel senso che togliendo il cacao è diventata claretta :-D.
Ingredienti:
200 g di Farina 00
150 di zucchero semolato;
3 uova;
1 cucchiaino di estratto di vaniglia;
100 ml di latte;
100 ml di olio di semi di arachide;
1 bustina di lievito.
Nella planetaria con il gancio a frusta lavoriamo bene le uova con lo zucchero, non appena il composto risulta lavorato e abbastanza gonfio aggiungiamo a filo l’olio, e cerchiamo di farlo incorporare per bene, poi aggiungiamo a filo il latte, l’estratto di vaniglia  ed infine gli elementi in polvere, cercando sempre di non sgonfiare il composto. Inforniamo a forno già preriscaldato 180° per circa 20 minuti o comunque fino a prova delle stecchino.

Biscotti Inzupposi, Banderas mi fa un baffo :-)

By ungiroincucina2

Sono rientrata, ritornata, se volete, ma ci sono, ho avuto due mesi abbastanza impegnativi, tra partenze, mercatini di Natale, ed un bellissimo viaggio in Sardegna, sono riemersa, e di conseguenza è ritornato anche un post sul blogghino mio adorato.
Dunque, questa è la ricetta degli inzupposi, semplici biscotti da colazione, buoni anche per la merenda.
In casa nostra si fa colazione solo con questi, e Banderas, ve lo garantisco si può mettere da parte, scusate la presunzione, ma ci so fare con i biscotti ;-).
Ingredienti
500 g di Farina 00
175 g di zucchero
65 g di burro
65 g di strutto
la scorza grattugiata di un limone non trattato
3 uova piccole
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
mezza bustina di lievito per dolci.
 Nella planetaria con il gancio a K mettiamo la tutti gli ingredienti eccetto burro e strutto, cominciamo ad impastare lentamente fin quando non si formeranno tante mollichine a quel punto aggiungiamo il burro a pezzetti e lo strutto, lasciamo incorporare per bene a velocità bassa, ad un certo punto il composto prenderà forma, togliamolo dalla planetaria e impastiamo a mano, spolveriamo il nostro piano di lavoro di farina lavoriamo l’impasto fin quando non diventare abbastanza liscio ed omogeneo.
Formiamo una palla, avvolgiamola nella carta trasparente e lasciamola riposare in frigo per almeno 30 minuti,
A questo punto riprendiamo l’impasto, rispolveriamo il piano di lavoro di farina, arrotoliamo in un cilindro ritagliamo tanti cilindretti di circa 4 cm l’uno poniamoli nella leccarda  rivestita di carta forno, ed inforniamo a forno caldo 180 gradi per circa 30 minuti, o almeno fino a doratura.

Cupcakes alla ricotta versione italiana :-)

By ungiroincucina2


                                               

Del resto essere italiana varrà pur a qualcosa e dunque la versione dei classici cupcakes  ma alla ricotta ci riporta alla nostra italianità, oh insomma un pizzico di sano e puro patriottismo è uscito fuori. Va da sè che il british non serve adesso, quindi preparatevi carta e penna e scrivetevi questa ricetta che per una pausa caffè è l’ideale.

Ingredienti i muffin:
150 g di Farina 00;
3 uova;
150 g di zucchero;
50 g di cacao amaro;
100 ml di olio di semi;
100 ml di latte;
1 bustina di lievito per dolci;
aroma alla vaniglia. (CON QUESTO IMPASTO VERRANNO FUORI CIRCA 15)
Ingredienti per la crema di ricotta:
500 g di ricotta fresca (scolatela la notte prima)
200 ml di panna montata;
100 g di zucchero a velo;
30 g di  panna liquida;
3 fogli di gelatina
Per Decorare:
Scaglie di pistacchio 
Nella planetaria montate zucchero, le uova e l’aroma, fin quando il composto non vi risulterà denso e spumoso, abbassiamo la velocità della frusta,  aggiungiamo a filo l’olio e poi il latte ( sempre a filo) a questo punto aggiungiamo il cacao, e per finire farina e lievito mescolati precedentemente.
Prepariamo lo stampo dei muffin con i pirottini riempiamoli per circa 3/4 della loro profondità, ed inforniamo a 180° a forno già caldo per circa 25 minuti fin quando con la prova stecchino l’impasto risulterà asciutto.
A questo tiriamo fuori i muffin e lasciamoli raffreddare
 Nella planetaria montiamo la ricotta con lo zucchero a velo, lasciamo riposare in frigo per circa 30 minuti, sciogliamo la gelatina nei 30 g di panna liquida, ed incorporiamola alla ricotta, aggiungiamo un cucchiaio per volta di panna montata. Lasciamo rassodare il tutto in frigo per almeno 1 ora.
Muniamoci di un sac a poche e decoriamo i nostri cupcakes.

Buona merenda :-)

Ed eccomi dopo un mese vi regalo la mia frolla perfetta ^_^

By ungiroincucina2

Cari amici ben trovati, con questo post chiudo la stagione primaverile, e a dirla tutta credo chiuderò pure quella estiva, con questa frolla che a parer mio è perfetta…e che non credo cambierò mai più.
Dopo svariati tentativi e frolle gettate nella spazzatura, ecco finalmente la mia personalissima ricetta della frolla.
Diciamo che l’idea della ricetta l’ho presa in prestito da Lauretta della Farfalla di cioccolato poi ovviamente l’ho modificata, è la mitica 3-2-1
Ingredienti
Per la frolla
300 g di Farina 00
200 g di Zucchero a velo
1 uovo intero
100 g di strutto morbido
Per la crema:
150 g di Zucchero semolato
2 tuorli
70 g di Farina 00
la scorza a piacere grattugiata di limone
500 ml di latte tiepido
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
Nella planetaria con il gancio a foglia, mettiamo tutti gli ingredienti per la frolla eccetto lo strutto , a velocità elevata, vedremo che si formeranno tante mollichine, a quel punto è il momento di aggiungere lo strutto,  la frolla si compatterà immediatamente, formiamo una palla, foderiamo con della pellicola trasparente poniamo in frigo a lasciamo  riposare per almeno un’ora.
Intanto prepariamo la crema pasticcera, sempre nella planetaria con la frusta lavoriamo i tuorli con lo zucchero, fino a fare diventare il composto abbastanza cremoso, aggiungiamo l’estratto, la scorza del limone, la farina e lavoriamo, aggiungiamo il latte tiepido a filo, versiamo il tutto in un pentolino, e cuociamo a fuoco lentissimo e con una frusta giriamo sempre per evitare che si formino dei grumi, appena comincia ad
addensarsi togliamola dal fuoco immediatamente e lasciamo raffreddare.
Usciamo la frolla dal frigo, spolverizziamo il piano di lavoro con della farina stendiamo la pasta dello spessore di almeno 1/2cm, imburriamo lo stampo per la frolla e spolverizziamo di farina, stendiamo la frolla, bucherelliamo,con la forchetta, ed inforniamo a 180° fino a doratura dei bordi.
Appena la frolla sarà fredda versiamoci la crema, adagiamo della frutta a piacere nostro e gustatevela ^_^

Buone vacanze a tutti e divertitevi quest’estate…

Torta scrigno per UnLampoNelCuore

By ungiroincucina2

l’8 Marzo non si festeggia, l’8 marzo serve a ricordare cos’è una donna, e come ancora nel 21° secolo sia ancora vittima di sopprusi e violenze  ed oggi tanti foodblogger nello spirito della solidarietà si sono riuniti in questo flashmob per sostenere le donne di Bratunac

Con questa iniziativa, i food blogger che aderiscono a “unlamponelcuore” intendono far conoscere il progetto “lamponi di pace” della Cooperativa Agricola Insieme (http://coop-insieme.com/),nata nel giugno del 2003 per favorire il ritorno a casa delle donne di Bratunac, dopo la deportazione successiva al massacro di Srebrenica, nel quale le truppe di Radko Mladic uccisero tutti i loro mariti e i loro figli maschi. Per aiutare e sostenere il rientro nelle loro terre devastate dalla guerra civile, dopo circa dieci anni di permanenza nei campi profughi, è nato questo progetto, mirato a riattivare un sistema di microeconomia basato sul recupero dell’antica coltura dei lamponi e sull’organizzazione delle famiglie in piccole cooperative, al fine di ricostruire la trama di un tessuto sociale fondato sull’aiuto reciproco, sul mutuo sostegno e sulla collaborazione di tutti. A distanza di oltre dieci anni dall’inaugurazione del progetto, il sogno di questa cooperativa è diventato una realtà viva e vitale, capace di vita autonoma e simbolo concreto della trasformazione della parola “ritorno” nella scelta del “restare”. 
PERCHÉ I LAMPONI?

– perché sono la cultura tradizionale dell’area;

– perché la loro raccolta non richiede grande forza fisica e può essere praticata anche da donne sole e da famiglie con membri in età avanzata;

– perché con pochi investimenti una famiglia può diventare economicamente autonoma;

– perché nel mercato mondiale c’è richiesta di lamponi;

– perché i lamponi trasformano la parola “ritorno” nella parola “restare”, in quanto ogni pianta di lampone darà frutti per almeno dodici anni, costituendo un incentivo a rimanere per i coltivatori.
ERCHÉ ”LAMPONI DI PACE”?

 Perchè vogliamo contribuire alla ripresa economica e della convivenza multiculturale della regione, ma anche rappresentare un modo diverso di praticare la cooperazione allo sviluppo. Al centro del progetto c’è la comunità locale, la sua cultura eterogenea, il rispetto delle attività agricole tradizionali e la voglia di risollevarsi insieme.
Non ci sono esperti esterni che vengono con un approccio neo-coloniale, ma uno scambio alla pari tra persone che condividono le finalità del progetto e lavorano insieme per realizzarle.
I lavoratori, le lavoratrici e i soci della Cooperativa Insieme, con l’aiuto della rete di supporto a Lamponi di Pace, vogliono riconquistare il diritto a vivere una vita normale.


ECCO DOVE POTETE TROVARE ALTRE INFORMAZIONI

Ed ecco il mio misero contributo

Ingredienti.
1 disco di pasta frolla (ricetta qui)
più 1 disco di diametro inferiore 

225 g di Philadelfia
225 grdi mascarpone
1cucchiaio da te di estratto di vaniglia
100 g di zucchero a velo
300 g di panna montata..

Lamponi freschi e frutti di bosco per guarnire
1 cucchiaio di scaglie di mandorle
1 cucchiaio di scaglie di nocciole.
 Stendiamo la frolla e con l’aiuto di due piatti di dimensioni diverse ritagliamo dei dischi quello più grande lo metteremo nella teglia con una profondità di circa 6 cm e l’altro invece lo poniamo su un’altra teglia rivestita di carta forno e lasciamo cuocere in forno a 180° per circa 20 minuti,  lasciamo raffreddare, nel frattempo prepariamo la crema al formaggio mettiamo nella planetaria tutti gli ingredienti e lavoriamo fin quando la crema diventa soda e densa, mettiamola in frigo, appena la frolla  sarà abbastanza fredda versiamo non tutta  la crema all’interno , circa 200 g mettiamo da parte, ricopriamo con il secondo disco, versiamo la rimanente parte e poi decoriamo con i lamponi, e i frutti di bosco..

Versione dolce di strudel con fragole e noci per MTC

By ungiroincucina2

Come potevo non gareggiare anche con la versione dolce?
Infatti ho cercato una valida alternativa al classico strudel con le mele, e ho partorito questa ideuzza, anche qui non posso prolungarmi moltissimo ho da portare delle cosucce nella nuova casa, maledico IKEA e tutti i soldini che mi sta facendo spendere :-p
Dunque mia cara MARI hai creato un mostro
Ingredienti
Per la sfoglia
150 g di farina 00
100 ml di acqua
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
1 pizzico di sale
Per il ripieno
400 g fragole
50 g di noci sgusciate
6 cucchiai di zucchero di canna
20 g di scaglie di cioccolato al latte
due cucchiai di pangrattato
Per la salsa
6 fragole mature
2 cucchiai di zucchero di canna

Cominciamo con il preparare la sfoglia, ho seguito alla lettera la ricetta di MARI
Scaldate l’acqua, deve essere abbastanza calda ma non bollente. Setacciate la farina in un recipiente, aggiungete il sale e l’olio e versate a mano a mano l’acqua calda mescolando. Quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua, togliete l’impasto dal recipiente e cominciate a lavorarlo con le mani su una spianatoia per un paio di minuti, fino ad ottenere un impasto morbido, quasi appiccicoso ma che comunque non resta attaccato alla spianatoia o alle dita. Mettete l’impasto a riposare, coperto da un panno umido o da una pellicola, per circa mezz’ora.
In una terrina mettiamo le fragole, le noci lo zucchero di canna, ed infine il cioccolato ed il pangrattato, amalgamiamo tutti gli ingredienti e mettiamo da parte.

Stendiamo la sfoglia come ha spiegato MARI
Mettete una tovaglia pulita (possibilmente lavata con sapone neutro e ben sciacquata), di lino o di cotone, sopra a un tavolo. Infarinate leggermente la tovaglia, prendete l’impasto e cominciate ad appiattirlo con le mani sopra alla tovaglia, quindi spianatelo aiutandovi con un mattarello. Quando la sfoglia comincerà ad essere abbastanza sottile mettete da parte il mattarello, sollevate la sfoglia dal tavolo aiutandovi con le mani e, tenendola con le nocche nella parte sottostante, cominciate a tirarla verso l’esterno facendola girare ogni tanto e facendo attenzione che non si rompa. La sfoglia deve diventare praticamente trasparente. Riponetela nuovamente sulla tovaglia, dovreste aver ottenuto una sfoglia quadrata di circa cinquanta centimetri per lato. Siccome i bordi saranno rimasti un po’ più spessi, passate con le dita lungo tutta l’estremità della sfoglia tirando la pasta per assottigliarla. 

Versiamo gli ingredienti  spolverizziamo con dello zucchero a velo ed arrotoliamo

Rivestiamo di carta forno una teglia ed inforniamo a forno già caldo 180° per circa 35 minuti o comunque fino a doratura.
Nel frattempo che aspettiamo che si freddi, frulliamo le fragole con lo zucchero e adagiamo la salsa sul fondo del piatto, poniamo le fette di strudel e spolverizziamo con abbondante zucchero a velo.

Budino alla vaniglia con arancia caramellata

By ungiroincucina2

 Non mi ricordo neanche da quando non postavo una ricetta dolce, devo dire come tutti ormai bene sapete è davvero un evento unico, oggi ad esempio sto postando  una ricetta dopo l’ultima pubblicazione di giorno 17..mi meraviglio di me stessa!!
Del resto ormai sono disoccupata, e quindi nulla più mi allontanerà dal mio blogghino :-)
Questo dolcetto è venuto fuori dopo un testa croce con la mia vicina, ha vinto lei, quindi siamo andati a cena da lei ed io ho ovviamente portato un dolcino, lei mi aveva regalato giorni prima delle belle arance profumatissime e dolcissime, ed io ne ho approfittato con una bella caramellata.
Ingredienti:
  • 1 l di latte intero 
  • 100 g di zucchero semolato
  • 100 g di farina 00 
  • mezza bacca di vaniglia
  • 1 arancia
  • 2 cucchiai di zucchero di canna;
  • 1 cucchiaino di cannella
  • la scorza dell’arancia

Per cominciare portiamo il latte in ebollizione e togliamolo subito dal fuoco, mescoliamo in una ciotola il resto degli ingredienti piano piano e aggiungiamo il latte a filo facendo attenzione a non creare grumi, a questo punto rimettiamo il tutto sul fuoco e lasciamo addensare, bagniamo di acqua fredda lo stampo versiamo il composto e lasciamo raffreddare per almeno due ore in frigo.
Per ultimo in un’ampia padella mettiamo le fette di arance lo zucchero e la cannella e lasciamo caramellare, sformiano il budino serviamo su di un piatto da portata adagiamoci sopra le arance , grattuggiamoci sopra la buccia dell’arancia, spolveriamo con un altro pochino di cannella e serviamo. ^_^


Budino alla vaniglia con croccante di scaglie di mandorle

By ungiroincucina2

Sono sparita..lo ben so..ma la nostra attività ha avuto inizio e come tale “sà da lavurà”, e poi di mattina in ufficio, di pomeriggio compleanni vari, ora poi che la mia piccolina compirà il 30 di questo mese 4 anni indovinate cosa le sto preparando..bhè abbiate un pochino di pazienza che vi stupirò con effetti speciali :-p.
Non posso credere a quanto sia cresciuta e a quello che ogni giorno sa donarmi cuore di Mamma.
Ingredienti:
Zucchero 100 gr;
Vaniglia 1 bacca;
Latte fresco intero 350 ml;
Panna fresca 200 ml;
Uova 4 tuorli
Colla di pesce 9 gr.

Per il croccante:
150 gr di scaglie di mandorle;
5 cucchiai colmi di zucchero.
Ammorbidiamo i fogli di gelatina in acqua fredda, nel frattempo in un tegamino poniamo il latte, la panna e il baccello di vaniglia e portiamo ad ebollizione ma non solo nei bordi.
Togliamo dal fuoco e filtriamo il tutto per eliminare i residui di vaniglia,  In una ciotola lavoriamo i tuorli con lo zucchero amalgamiamo il tutto e sempre mescolando uniamoli al composto di latte e panna , finito questo passaggio mettiamo il composto così ottenuto in uno stampo e lo lasciamo raffreddare per almeno 4 ore Quando sarà il momento di sformare il budino, immergete lo stampo per qualche secondo in acqua bollente e poi sformate il budino capovolgendolo su di un piatto da portata. In un padellino mettiamo le scaglie e lo zucchero e lasciamo sciogliere, appena sciolto versiamo qualche cucchiata e facciamo raffreddare.
^_^

Sfogline alla crema di pistacchio e inizia una nuova vita (Gluten free)

By ungiroincucina2

Buon inizio settimana, buona vita, buon lunedì, oggi c’è aria nuova, chissà cosa succederà? mi sento forte e tenace e so che riuscirò a realizzare il mio progetto con la mia Terry solo che richiede impegno e forte spirito di sacrificio, e noi che siamo forti e pronte al sacrificio ce la stiamo mettendo tutta, presto arriveranno belle notizie…ci siamo quasi e tutto sarà pronto..
Ingredienti:
250 gr Pasta frolla gluten free (ricetta qui):
Per la crema al pistacchio gluten free:
Maizena 80 gr;

80 gr di pistacchio grattuggiato;
2 tuorli;
150 gr di Zucchero semolato;
500 ml di latte.
Per la decorazione:
Gocce di cioccolato 
 zucchero a velo
In una spianatoia mettiamo il burro ammorbidito con la farina di mais, la farina di riso e lo zucchero a velo e i tuorli e lavoriamo per bene il tutto impastiamo per bene fino ad ottenere un panetto compatto. A questo punto avvolgiamo nella solita pellicola trasparente e lasciamo riposare in frigo per almeno 2 ore.
Lavoriamo i tuorli con lo zucchero fin quando diventano una crema, appena pronta aggiungiamo la maizena ed il pistacchio e lavoriamola con le fruste, il composto risulterà molto spumoso, a questo punto mettiamo a riscaldare il latte aggiungiamo il composto di uova e lasciamo addensare e raffreddare.

Nel frattempo prepariamo i dischi di pasta frolla, e poggiamoli sulla placca da forno rivestita di carta forno, accendiamo e riscaldiamo il forno a 180°, cuociamoli per circa 25 minuti, appena pronti togliamoli dalla placca e prepariamo i nostri dolcetti monoporzioni,
Quindi un disco di pasta frolla, una cucchiata di crema qualche goccia di cioccolato qui e lì, chiudiamo con un altro disco, e sopra adagiamo altro cioccolato, e spolverizziamo con lo zucchero a velo .
Un consiglio: non preparateli prima, ma fateli sul momento prima di servirli, in questo modo eviterete che la frolla si inumidisca. Buon divertimento

1 2 3 4