novembre 2012 archive

Frittata di Ricotta..povera povera ma buona buona

By ungiroincucina2

Oggi finalmente dopo un lungo fine settimana durato all’incirca 4 giorni..grazie all’asilo di mia figlia che ha creduto bene di mandare in giardino i bambini; vi lascio immaginare cosa è accaduto…chi era raffreddatissimo, chi ha avuto mal d’orecchie (vedi mia figlia), chi febbre altissima, e poi mi sento dire..”Signora ma l’anno scorso lei non si lamentava mai, invece qust’anno abbiamo notato che ci sono molte cose che non le vanno”..chissà perchè mi chiedo..visto che l’anno scorso c’era la scusa che mia figlia avesse le difese immunitarie basse, quest’anno invece contribuiscono loro a portamela a casa malata..Comunque bando alle ciance o ciancio alle bande..come diceva qualcuno di mia conoscenza passiamo alla ricetta..altrimenti mi salgono i bollori..e mi lascerei andare a sproloqui che sono meglio evitare…!!

Ingredienti:
250 gr di ricotta fresca (scolata tutta la notte)
2 cucchiai di parmigiano grattugiato;
4 uova;
2 cucchiai di mollica di pane tostata;
+1 cucchiaio per la padella;
Olio evo (io olio Dante)
Sale  e pepe q.b.
Mentuccia fresca almeno 20 foglioline…a me piace saporita
1/2 cipolla.
In una ciotola sbattiamo le uova, aggiungiamo la ricotta scolata, poi incorporiamo il  parmigiano, la menta e la cipolla tritata finemente,a questo punto  il composto risulterà abbastanza liquido quindi sarà il momento di aggiungere  la mollica per renderlo più denso, aggiustiamo di sale e pepe.
Nella padella, nel frattempo, mettiamo almeno 4 cucchiai di olio, spolveriamo con la mollica facciamo tostare appena appena senza toccare nulla, buttiamoci tutto il nostro composto e facciamo cuocere la frittata, appena un lato sarà pronto giratela con l’aiuto di un piatto che abbia lo stesso diametro della padella rispolveriamo di mollica e cuociamo l’altro lato della frittata..un consiglio io la mangio calda..a me piace moooolto calda…ma voi sentiatevi liberi di mangiarla come volete ^_^

Zucca in agrodolce

By ungiroincucina2

Per questa ricettina ci vuole veramente poco…e ve la descrivo velocemente ottimo contorno e veloce realizzazione:
Ingredienti:
500 gr di zucca dolce tagliata a fette;
150 gr di Farina 00;
Sale e pepe q.b.
Olio evo;
Bei ciuffi di prezzemolo;
1 bicchiere di Aceto di vino bianco;
6 cucchiai di zucchero.
Tagliamo la zucca e saliamola passiamola nella farina e friggiamola in abbondante olio evo, appena abbiamo finito di friggere tutte le fette, nel fondo di cottura sfumiamo con l’aceto..e aggiustiamo di zucchero passiamoci le fette di zucca e serviamo con un bel ciuffettino di prezzemolo.

Arancine per L’MTC…

By ungiroincucina2

Secondo voi…visto il proliferarsi di arancine di questi ultimi tempi nella blogsfera potevo mancare?
Ma no, ovvio che no!
E così mi sono data da fare..ma che dico, ci siamo dati da fare…
Ho chiamato a rapporto marito e figlia e ci siamo messi a lavorare, è stato un momento meraviglioso, la Sofietta aveva tutte le mani sporche di formaggio e litigava con mio marito perchè voleva assolutamente preparare le arancine …insomma poi alla fine,ma molto alla fine, ha messo il formaggio e si è divertita da morire.
Adesso non voglio dileguarmi in discussioni varie ed eventuali, circa la derivazione esatta del nome stesso “Arancina” o “Arancino”.. del resto vanno a finire sempre in “panza”, ma in ogni caso è giusto sapere che nella sicilia occidentale è Arancina, mentre nella sicilia orientale è Arancino. E siccome..io sono molto imbastardita..mia mamma di Trapani, mio padre di Messina, io ho vissuto per anni a Giarre, ed è risaputo che impazzisco per Trapani..la chiamo …lo dico….lo sto per comunicare…mi scappa…ARANCINA!.
E che ci posso fare io?
In più ne ho fatte un paio con l’uovo di tonno, potevo non chiamarle Arancine?
Al solito la ricetta è presa tale e quale al vincitore dell’MTC di Novembre nonche Puppacena
Ingredienti:

1 kg di riso originario (alcuni usano il Roma)
2,5 l circa di brodo vegetale (con carota, cipolla, sedano)
una bustina di zafferano
50 g di burro
50 g di parmigiano grattugiato
una cipolla medio-piccola
olio evo q.b.
sale q.b.

Per il ripieno all’Uovo di Tonno
30 gr di Uovo di tonno grattugiato;
6 pomodorini ciliegini;
2 spicchi d’aglio;
Niente Sale;
Olio evo
Per il ripieno ai Broccoli e Ricotta
2 cimette di broccoli;
150 gr di ricotta fresca (fatta sgocciolare tutta la notte)
7 pomodorini pachino
1/2 cipollina fresca;
Olio evo;
Sale e pepe q.b.
Per il ripieno ai carciofi e pancetta
3 Carciofi;
60 gr di pancetta dolce a cubetti;
3 spicchi d’aglio;
1 cucchiaino di besciamella per ogni arancino;
80 gr di formaggio filante a cubetti;
Sale e pepe q.b.
Olio evo.
Per la besciamella

125ml   di latte magro
2 cucchiai rasi di farina
1 cucchiaio di parmigiano grattugiato
1 pizzico di sale

Per la lega

600 ml d’acqua
300 gr di farina
Sale q.b.

Per la panatura 
600 gr di pan grattato sono più che sufficenti
Per la frittura
1.5 l di Olio di semi di arichidi.
Ricopio la ricetta della preparazione del riso tale e quale a Pupaccena  (perchè è così che si fa) non cambio una parola, mentre per il ripieno ci penso da me!
Il riso va preparato con qualche ora d’anticipo, perché al momento della preparazione delle arancine dev’essere ben freddo.
Preparare il brodo vegetale con gli aromi. Una volta pronto, rimuovere la carota, il sedano e la cipolla di cottura e sciogliere lo zafferano nel brodo. Regolare di sale.
In un tegame capiente, dare un giro abbondante di olio evo e fare appassire la cipolla tagliata finemente. Versare il riso e fare tostare un pochino. Versare nel tegame buona parte del brodo, non tutto in modo da poterne aggiungere all’occorrenza regolandosi in funzione del tipo di riso e della sua cottura.
Fermare la cottura quando il riso sarà al dente e si presenterà piuttosto compatto (ovvero non dev’essere cremoso come un tipico buon risotto!). Immergere il tegame nel lavello riempito d’acqua fredda (evitando che l’acqua entri all’interno) e mantecare con il burro e il parmigiano grattugiato. Se serve, per abbattere la temperatura ed evitare che il riso continui a cuocere, rinnovare l’acqua fredda dentro il lavello.
Una volta tiepido, versare il riso dentro una teglia e lasciare da parte affinché raffreddi completamente. Poi coprire con carta d’alluminio e conservare in frigorifero per almeno 3-4 ore.

Ecco le mie versioni:

Arancine all’uovo di Tonno
In una padella facciamo rosolare l’aglio rigorosamente in camicia saltiamo appena appena i pomodorini…e facciamo raffreddare..
In una ciotola versiamo dell’acqua fredda e bagniamoci le mani prendiamo un po’ di riso, come se volessimo creare una polpetta, la poniamo sul palmo della mano e con una leggera pressione spingiamo la polpetta e apriamola, poniamo uno o  due pomodorini e 1/2 cucchiaino di uovo di tonno e richiudiamo con un altro po’ di riso, chiudiamo per bene, passiamo la palla nella lega precendentemente fatta e poi nella panatura friggiamo in abbondante olio di semi.
 Arancini ai broccoli e ricotta

Per il ripieno con i broccoli vale la regola quanto sopra, con un’unica variante per me, per quanto mi riguarda questi li ho fatti a piramide, Prepariamo la solita polpetta ma stavolta sopra il condimento ho messo un’altra polpetta e poi lavorata a piramide..(mi sembrava essere tornata ai tempi della plastilina ^-^)
 ecco la ricetta:

Puliamo i broccoletti (tenerissimi), in una padella facciamo rosolare la cipolla aggiungiamo i broccoletti li facciamo saltare una decina di minuti, dopo aggiungiamo i pomodorini, e cuociamo per altri 10 minuti, alla fine aggiungiamo la ricotta e facciamo asciugare il tutto per non più di 5 minuti.

Arancine ai carciofi e pancetta
Per il ripieno ai carciofi vale sempre la regola quanto sopra descritto, ecco la ricetta del ripieno:
Puliamo i carcioci, tagliamoli i cuori e poniamo all’interno di una ciotola con acqua fredda e tanti spicchi di limone per evitare che si anneriscano.
In una padella rosoliamo l’aglio con olio evo, saltiamo i carciofi aggiustiamo di sale e pepe e appena saranno abbastanza cotti versiamo la pancetta facciamola cuocere e togliamo dal fuoco. Nella polpetta mettiamo un pochino di carciofi un cucchiaino di besciamella e alla fine tre pezzettini di formaggio e richiudiamo.
*Utile consiglio: per preparare qualsiasi arancina dovete assolutamente aspettare che sia il ripieno che il riso siano abbastanza freddi da poter essere lavorati.
Servitevi Signori…oggi in ufficio si mangiano ARANCINE ^_^

Red Velvet Cake

By ungiroincucina2

Finalmente anch’io l’ho fatta…e oggi e domani e dopodomani..e dopodomani l’altro..mi chiedevo quando avrei dovuta farla…avevo paura..la prima che feci mi risultò abbastanza “biscotto”, mi dissi tu guarda…che cacchiarola ho combinato…l’ho presa così come si trovava e l’ho buttata..!
Dopo, la mia Terry e la mia Patty..mi hanno consigliato di provare la loro versione e così fu..!
Ingredienti:

260 gr farina per dolci setacciata;
1/2 cucchiaino di sale;
7 gr cacaco amaro;
115 gr burro non salato a temp ambiente;

300 gr di zucchero;
2 uova grandi;
240 ml di buttermilk – fate inacidire per 20 minuti il latte con un cucchiaio di limone;
2 cucchiai e mezzo di colorante rosso liquido;
1 cucchiaino di aceto bianco;
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio;

Pre-riscaldare il forno a 180°C.

In un recipiente mischiate farina, sale, cacao.
Nel recipiente del vostro mixer, sbattete il burro per 2-3 minuti. Finche’ soffice.
Aggiungete poi lo zucchero, e sbatti per altri 3 minuti.
Aggiungi le uova, una alla volta, sbattendo 30 secs dopo ogni aggiunta.
Aggiungi il colorante rosso al buttermilk. Adesso metti il mixer ad una velocita’ bassa ed aggiungi un po’ di farina, poi un po’ di buttermilk, poi ancora farina ed ancora buttermilk, finche’ non termini entrambi. Ma se puoi inizia e finisci con la farina.
per la farcia…..direi una bella cheescream….io la faccio cosi’
227 gr di Philadelfia
227gr di mascarpone
1cucchiaio da te di estratto di vaniglia
115 gr di zucchero a velo
360 gr di panna montata…

Ecco l’interno un po’ sporcuccio..ma c’è…

Pitoni messinesi Fritti

By ungiroincucina2





Buongiorno Signori..come promesso oggi posto la ricetta dei pitoni messinesi fritti..avevo già postato la ricetta ma li avevo fatti al forno..e vi garantisco che non è la stessa cosa…parlando con voi in gran segreto..se volete mantenervi in forma al forno..vanno benissimo ma se volete sgarrare e farvi del male…fateli fritti che è la morte loro. Ci va l’ndivia superriccia…io l’adoro…!

I pitoni messinesi sono una ricetta tipica della rosticceria di Messina, in tutti i bar, panifici, rosticcerie li trovati e sono tutti con gli stessi ingredienti..a parte c’è chi usa le acciughe..io non l’ho fatto…per motivi..di ipertensione del mio bel maritozzo…ma ci vanno e danno un tocco in più. A casa mia si fanno per Natale..quando siamo tutti riuniti, si facevano dalle mie nonne..sia da una parte che dall’altra..vista la contaminazione di una delle mie nonne…e quindi era una festa…Ma passiamo alla ricetta..con questa partecipo al Contest di Mariella

Ingredienti:
Base per la pizza la mia ricetta la trovate qui
1 Mazzo di indivia riccia;
250 gr di formaggio a pasta filante tagliato a cubettini;
Sale e pepe q.b.
Olio evo per friggere;
Prepariamo tanti panetti del peso circa di 120 gr, tagliamo la verdura saliamola e pepiamola e mettiamoci l’olio, tagliamo il formaggio
Panetti
Indivia riccia
Formaggio a dadini
Stendiamo i panetti anche con l’aiuto delle mani e poniamo sopra la verdura condita ed il formaggio..

poi chiudamo mò di sofficino
 Con l’aiuto di una forchetta..chiudiamo..e friggiamo in abbondante olio..Serviamo caldi.

Cheescake al pistacchi per il Recipe-Tionist di Novembre

By ungiroincucina2

Anche questo mese ci siamo con il recipe-tionist di Elifla..ma stavolta mi sono premurata di fare presto, ogni volta sono sempre in ritardo sempre per il rotto della cuffia, ed invece stavolta sono riuscita a sbrigarmi..soprattutto questa signora qui..vincitrice del mese di Ottobre…fa taaaaaaaaaaaante cosine deliziosine…quindi non mi fermerò certo solo alla cheescake sappiatelo…e mi presenterò con tante ricette che mi serviranno pure per fare bella figura a qualche invito a cena…io ho aggiunto un tocco rosso di melograno spero possa corrompere i giudici ahahahah^_^

Intanto per questa ricettina servono questi ingredienti:
200 gr di biscotti secchi;
100 gr di burro;

250 gr di yogurt al pistacchio;
200 gr di panna fresca da montare;
250 gr di ricotta fresca, fatta abbondantemente scolare;
100 gr cucchiai di zucchero a velo;
10 gr di colla di pesce;
100 gr di pistacchi di bronte frullati;
20 ml di acqua fredda;
50 gr di cioccolato bianco;
50 gr pistacchi di bronte;
1/2 melograno (solo i semi)

Tritiamo con un robot i biscotti, mettiamoli in una ciotola e bagniamoli con il burro fuso, amalgamiamo bene, su un piatto da portata stendiamo un foglio di cartaforno inseriamo il composto di biscotti e con le mani bagnate adagiamo i biscotti dentro un cerchio apribile, mettere a rassodare in frigo per almeno 30 minuti
Nel frattempo che mettiamo a bagno la colla di pesce  in acqua fredda per almeno 10 minuti,  montiamo la panna con lo zucchero a velo incorporiamo yogurt e ricotta, facciamo sciogliere completamente la gelatina e aggiungiamola al composto solo alla fine frulliamo i pistacchi e li aggiungiamo, mescoliamo bene e poniamo il tutto sulla base di biscotto conserviamo in frigo per almeno 3 ore a me serviva per la domenica a pranzo..io l’ho fatta il sabato mattina..ecco l’interno.. 

Bavette all’uovo di tonno

By ungiroincucina2

Sabato sono riuscita a mangiarne 150 gr solo io……100 gr mia figlia…e 200 gr mio marito….quindi in tre abbiamo mangiato 350gr di pasta…l’uovo di tonno l’ho comprato a Trapani…
Ingredienti:
80 gr di Uovo di tonno grattugiato
350 gr di Bavette 
10 pomodorini;
4 spicchi d’aglio;
1 bel rametto di prezzemolo;
Sale e pepe q.b.
Olio evo (io olio Dante)
Nel frattempo che facciamo cuocere la pasta in abbondante acqua salata, saltiamo i pomodorini con l’aglio, scoliamo la pasta saltiamola e cospargiamo di uovo di tonno e prezzemolo..
Non ho mai scritto una ricetta così velocemente. Buon appetito ^_^

Collaborazione Polenghi Cultura dei sapori

By ungiroincucina2

POLENGHI GROUP è il centro produttivo specializzato nella produzione e il confezionamento del succo di limone e condimenti. L’azienda all’avanguardia nel proprio settore, riesce a controllare tutta la filiera dei limoni siciliani: dai processi di spremitura con macchinari tecnologicamente molto evoluti, come le brillatrici e sfumatrici, che consentono di ottenere il succo solo dal cuore del limone e un olio essenziale puro di limone ricavato dalle bucce degli agrumi.

Da oggi collaboro con loro..ed ecco i loro prodotti.

Polpette in umido con piselli e carote

By ungiroincucina2

Non cazziatemi….con 500 gr di tritato ne sono venute fuori 22, (vi rivelerò il mio segreto), ed io ne ho fatti fuori 4, mia figlia 2, mio marito 5..che cosa ne abbiamo fatto delle altre?..sono nella borsa frigo..con me…per il pranzo in ufficio, e per chi mi dovesse dire…”ma non eri a dieta”…ecco è giusto rispondere…”hai detto bene lo ero!”
Ingredienti:
500 gr di macinato di maiale;
5 fette di pan carrè;
80 gr di parmigiano grattugiato;
100 ml di latte;
1 uovo;
belle foglie di prezzemolo;
Sale e pepe q.b.;
1 noce di burro;
250 gr di pisellini freschi;
4 carote;
1/2 cipolla;
1 gambo di sedano;
1 dado.
Olio evo
2 bicchieri di acqua calda.
Nel wok facciamo rosolare la cipolla con il sedano, la noce di burro, e il dado, l’olio,  le carote ed i piselli (già cotti, io li cuocio a vapore) nel frattempo prepariamo l’impasto delle polpette..in una ciotola versiamo il macinato, il pan carrè ammollato già nei 100 ml di latte, l’uovo, il prezzemolo, il parmigiano, aggiustiamo di sale  pepe e impastiamo con le manine bagnate, dopo formiamo delle palline ( con tutto quelle fette di pan carrè hai voglia…di polpette..ecco il mio segreto) e le adagiamo nel wok… versiamo l’acqua copriamo con il coperchio  e facciamo cuocere per circa 25 minuti a fuoco basso..^_^ serviamo le polpettine calde.

Pan Brioche al cioccolato ma solo sopra

By ungiroincucina2

Signori una buona giornata oggi vi mostro il “mostro che è venuto fuori con l’impasto della mia Terry.
E’ rimasto morbido per circa una settimana, e poi abbastanza soffice per essere una via di mezzo tra pane e  una brioche…Per la teglia da plumcake è perfetto ma deve essere cotto almeno 40 minuti a forno statico a 180° e poi passarlo a 220° per altri 10 minuti a forno ventilato..e viene fuori questa magnificenza…Dunque veniamo agli 
Ingredienti:
550gr di Farina Manitoba (io Molino Chiavazza);

250gr di latte;
25gr di lievito di birra;
40 gr di zucchero;
1 uovo;
60gr di Olio evo
10gr di sale
1 tuorlo per spennellare

30 gr di ciocc fondente!

In una ciotola versiamo la farina e formiamo una fontana,  nel frattempo facciamo intiepidire il latte e sciogliamo il lievito, poi versiamo tutto il resto degli ingredienti nella ciotola anche il latte con il lievito e impastiamo a mano e lavoriamo…abbastanza, o in alternativa versiamo il tutto nell’impastatrice e facciamo lavorare per circa 10 minuti il gancio!
 Foderiamo la teglia del plumcake con carta forno, versiamo il composto e poggiamo sopra le gocce di cioccolato; poniamo la tegia all’interno del forno chiuso e lasciamo lievitare per circa un’ora, al passare del tempo di lievitazione, quando l’impasto sarà abbastanza gonfio, inforniamo a forno statico già caldo a 180° per circa 40 minuti, dopo alziamo la Temp a 220° e cuociamo per altri 10 minuti a forno ventilato…il risultato è una bomba! …ma se preferite potete dimezzare l’impasto…e ridurre i tempi di cottura..Buona colazione adorati ^_^

1 2