Crea sito
Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Apr 16, 2018 in Attimi di dolcezza! |

Alimentazione, la “rivincita” dei golosi di dolci: accumulano meno grasso.

Alimentazione, la “rivincita” dei golosi di dolci: accumulano meno grasso.

Secondo uno studio inglese, la passione per gli zuccheri è dovuta alla variazione di un gene, responsabile anche di una minore tendenza ad aumentare lʼadipe. Ma non bisogna esagerare…

Gli amanti dei dolci possono prendersi una piccola rivincita: il gene associato con questa passione è anche legato alla tendenza ad accumulare meno grasso. E’ quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Cell Reports e condotto dall’Università inglese di Exeter, che ha scoperto la variazione di un gene, denominato FGF21, legata alla passione sfrenata per gli zuccheri. Una realtà che, però, non invita i “fortunati” ad abbuffate sconsiderate. “Questa scoperta contraddice un po’ il comune intuito, ma è importante ricordare che questo è solo un piccolo pezzo del puzzle che descrive le connessioni tra la dieta e il rischio di obesità e diabete”, ha commentato Niels Grarup dell’Università di Copenhagen, che ha preso parte alla ricerca. Le nuove conoscenze saranno importanti soprattutto in relazione allo sviluppo di nuovi farmaci e trattamenti per diabete e obesità.

dolciumi

Gli scienziati hanno infatti evidenziato che gli effetti secondari legati alla variazione del gene FGF21 non sono tutti positivi: la stessa mutazione è anche associata a una pressione sanguigna leggermente più alta, anche se di pochissimo, e a una maggiore tendenza a concentrare il grasso nella zona addominale. Non bisogna inoltre dimenticare che un eccessivo consumo di zuccheri può arrecare gravi danni al cervello e triplicare il rischio di malattie cardiache.

Le conclusioni dei ricercatori guidati da Timothy Frayling si basano su una grande quantità di dati, inclusi campioni di sangue, questionari sulle abitudini alimentari e campioni di Dna di più di 450mila persone registrati in un grande database britannico, la Biobank. “Siamo certi che i nostri risultati siano accurati, circa il 20% della popolazione europea presenta questa predisposizione genetica”, ha concluso Grarup.

Fonte: Tgcom24