Petto d’anatra con patate schiacciate e riduzione di vino

Si fa presto a dire chef su instagram

Petto d’anatra con patate schiacciate e riduzione di vino

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    5 minuti
  • Cottura:
    25 minuti
  • Porzioni:
    1 persona

Ingredienti

  • Petto d’anatra 1
  • Vino rosso 100 ml
  • Miele (cucchiaino abbondante da caffè) 1
  • Patate 2
  • Sale e Pepe q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Arancia (biologica) 1

Preparazione

  1. Petto d’anatra con patate schiacciate e riduzione di vino.

    Come primissima cosa, prendiamo una pentola, riempiamola d’acqua e portiamola a bollore.

    Appena bolle buttiamo le patate. Nel frattempo procediamo con la preparazione del petto d’anatra.

    Preparare il petto, ben pulito dalle parti di grasso e da eventuali rimasugli di penne.

    Praticare sulla pelle delle incisioni in obliquo, prima in un senso e poi nell’altro. Incidere solo la pelle, non si deve vedere il rosso della carne per intenderci.

  2. Far scaldare per bene una padella su fuoco medio/basso e posizionare il petto con la pelle verso il basso. Lasciarlo andare finche la pelle non sia ben cotta. A questo punto nella padella ci sarà tutto il grasso rilasciato dal petto. Buttare via il grasso e girare il petto per continuare la cottura.

    Quando si pensa possa essere cotto a puntino, finire la cottura per 4/5 minuti in forno a 180 gradi. Toglierlo e avvolgerlo per almeno 2 minuti in carta stagnola, in questo modo la carne stressata riassorbirà i suoi liquidi e diventerà morbida.

    Nel frattempo nella stessa padella in cui si è cotto il petto d’anatra, aggiungere il vino ed il succo di mezza arancia, appena comincia a restringere, aggiungere  anche il miele.

    Amalgamare per bene il vino col miele, aggiustare con sale e pepe e lasciar cuocere fino a che la salsa non si sia addensata fino alla consistenza desiderata. Per intenderci non deve essere caramellosa ma neppure troppo liquida.

  3. Appena pronte le patate, le speliamo e schiacciamo per bene, aggiustiamo il sapore con sale, pepe ed olio evo. Alle patate ancora calde andremo ad aggiungere la zest dell’arancia, senza esagerare ma che si senta il profumo ed il retrogusto.

    Con il composto di patate possiamo preparare del quenelle per una migliore presentazione nell’impiattamento.

    Il petto d’anatra lo andremo a scaloppare e dovrà essere presentato con la pelle (croccante mi raccomando) rivolta verso l’alto.

    Completare il tutto con la riduzione di vino e miele.

     

Note

Piatto ottimo per chi è celiaco

Il vino deve essere assolutamente un vino rosso ancor meglio se si utilizza un Porto, ma un buon vino rosso corposo italiano va benissimo.

Precedente Tortillas integrale con peperoni e seitan o peperoni e pollo Successivo Tortelli tofu e olive taggiasche ai carciofi alle 2 consistenze

Lascia un commento