Pizza con lievito naturale

image

Pizza uguale festa, quindi se si vuole stare in allegria bisogna preparare la pizza quanto più è possibile.

Se poi l’impasto viene fatto con il lievito naturale, diventa ancora più buona e si fa più volentieri.

L’impasto perla pizza con il lievito naturale ha la peculiarità di rendere la pizza più leggera e digeribile, ma necessita di un tempo di lievitazione più lungo rispetto a quello più tradizionale con il lievito di birra.

Solo per dire che bisogna programmare, se si vuole utilizzare questo metodo, e mettere in conto qualche ora in più di anticipo.

In questo caso realizzato la pasta più idratata rispetto al solito.

Ho preparato la quantità relativa a un chilogrammo di farina,
600 ml di acqua,
3 cucchiai di olio extravergine di oliva,

un cucchiaino di sale,
300 grammi di licoli.

In un contenitore ho sciolto la licoli con l’acqua tiepida, ho versato l’olio e aggiunto la farina.

Ho impastato sommariamente e aggiunto anche il sale.

Come detto nella premessa l’impasto è risultato essere piuttosto morbido ma va bene così.

Lavoriamolo per quanto possibile e mettiamolo in forno spento, coperto per il tempo necessario perchè lieviti, ci vorranno dalle 6 alle 8 ore; io di solito impasto la sera e lascio lievitare con calma, tutta la notte.
image
Prendiamo l’impasto e distribuiamolo nelle teglie, ungendo la superficie con un pochino di olio.

Lasciamo riposare così per un’ora circa, comincerà a vedere qualche bolla di lievitazione.

Con questa quantità di pasta si possono realizzare 4 teglie, da forno casalingo, di pizza.

Due le ho condite con pomodoro e mozzarella, classica margherita che non delude mai,

due barattoli di polpa di pomodoro,
due cucchiai di olio evo,
origano,
400 grammi di mozzarella,
sale qb.

Una con una base di ricotta e formaggi,

250 grammi di ricotta spalmata sulla superficie,
200 grammi tra briè galbanino e provola tagliati a pezzetti e distribuiti sulla ricotta.
image
Una con la base di patate e poi ricoperta di mozzarella,

due patate grattugiate, condite con due cucchiai di olio evo, sale, pepe e rosmarino.
image
Per quanto riguarda la cottura della pizza margherita e quella con le patate, vanno cotte prima dell’aggiunta della mozzarella, per metà del tempo necessario.

Il forno deve essere a 220 gradi.

Un successo come sempre.

image

Precedente Rotolo di patate in fiocchi ripieno Successivo Orecchiette con le cime di rapa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.