Pappardelle al ragù di salsiccia

image

Diciamo che dopo un bel piatto di pappardelle al ragù di salsiccia il pasto potrebbe anche considerasi finito, passiamo direttamente al dolce e al caffè; la verdura la mangeremo per cena 🙂

Il punto è che per preparare un buon ragù necessita avere un pochino di tempo in più da dedicare alla cucina e allora riserviamo questa preparazione per la domenica e armiamoci di santa pazienza.

Per preparare il ragù di salsiccia necessario a condire 400 grammi di pappardelle all’uovo:
una carota,
una piccola cipolla o metà grande,
un gambo di sedano,
un pizzico di peperoncino,
un mazzetto di erbe, rosmarino, salvia e timo, in piccole quantità,
400 grammi di pomodoro, a scelta il tipo,

400 grammi di salsiccia,
due cucchiai di olio extravergine di oliva,
mezzo bicchiere di vino bianco,
sale qb.

Ovviamente laviamo la carota e il sedano, sminuzziamoli con la cipolla e prepariamo per il soffritto che faremo cuocere insieme alla salsiccia che avremo provveduto a spellare e sbriciolare con i due cucchiai di olio.
image
Tagliuzziamo anche le erbe aromatiche e aggiungiamole al resto, quando la salsiccia sarà ben rosolata sfumiamo con il vino, lasciamo evaporare versiamo il pomodoro.

Dovrà cuocere molto lentamente per un paio di ore, potrebbe essere necessario aggiungere un bicchiere di acqua tiepida se dovesse asciugare troppo.

Solo a fine cottura saliamo il necessario, ho recepito il fatto che nelle preparazioni che devono restringere non bisogna salare all’inizio poichè il risultato finale potrebbe risultare troppo salato avendo assorbito tutto o quasi il liquido.
image
Regoliamoci per far bollire l’acqua salata, cuociamo le pappardelle lasciandole al dente e saltiamole un minuto in padella con il ragù.

Serviamo belle calde e come abbiamo detto all’inizio, dolce, frutta e caffè.

Precedente Torta con crema diplomatica Successivo Tagliata con salsa al pepe verde

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.