Il pane di tutti i giorni

image

Ormai ho un appuntamento bisettimanale con i miei impasti.

Preparare il pane di tutti i giorni è diventato un piacere a cui non riesco più a rinunciare, anche perchè da quando svolgo questa attività, circa un anno, non solo non ho più comprato il pane e non se ne è più sprecato neanche un pezzetto ma non avendo più la scusa giornaliera del pane per andare al supermercato sono riuscita anche a razionalizzare la spesa, che non è poco.

Avendo a che fare con la licoli, che come detto in altre occasioni, è anche più gestibile del LM solido, lo preparo in quantità necessaria per tre impasti e al terzo oltre all’impasto faccio anche il rinfresco.

Cerco di preparare, ogni volta, un pane diverso magari utilizzando farine di qualità diversa e mi piacerebbe riuscire a trovare un molino dove poterla prendere direttamente.

In linea di massima preparo l’impasto con queste quantità:

300 grammi di licoli,
un chilogrammo di farina 0,
due cucchiai di olio extravergine di oliva,
500 ml di acqua tiepida,
due cucchiaini di sale.

In un contenitore dove lasceremo lievitare la pasta sciogliamo il lievito con l’acqua tiepida, versiamo l’olio e la farina.

Impastiamo e solo adesso aggiungiamo il sale.

Lavoriamo l’impasto per un 20 minuti, fino a renderlo liscio, potrebbe essere necessaria ancora una manciata di farina.

Rimettiamo la pasta nel contenitore, copriamolo e lasciamo lievitare per il tempo necessario per il raddoppio; con la licoli potrebbero essere necessarie 6/7 ore.

Riprendiamo l’impasto, lavoriamolo leggermente e diamo la forma del pane che desideriamo.
image
Rivestiamo la teglia con la carta forno bagnata e strizzata, posizioniamo i pani e lasciamo lievitare ancora, coperti con una tovaglia, per 2/3 ore a seconda della temperatura.

A questo punto possiamo accendere il forno e portarlo a 220 gradi, posizionare sul fondo del forno un contenitore con l’acqua, infornare e cuocere per 20 minuti, trascorsi quali, abbassare la temperatura a 200 gradi e proseguire per ulteriori 15 minuti.

Questo pane si può consumare per i successivi 2/3 giorni conservato in un sacchetto di carta o se si vuole sempre fresco si può congelare e scongelare all’occorrenza.

Precedente Girelle di lasagne ai peperoni e mozzarella Successivo Torta con crema diplomatica

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.