Mostarda

La mostarda, una valida alternativa alla marmellata, che come sappiamo, è una mia grande passione.

Ideale per accompagnare il lesso, ottima con i formaggi.

image

Il procedimento di preparazione della mostarda è diverso da quello della marmellata e l’ingrediente essenziale è l’estratto di senape.

Mi sono dilettata in questa attività e il risultato è stato molto soddisfacente.

A seconda del tipo di frutta che si deve trasformare, cambia il trattamento, la differenza sostanziale sta nella consistenza della frutta stessa.

Nel caso in cui la frutta sia consistente,va prima leggermente scottata e poi la procedura è la medesima anche per quella più delicata.

Quindi scegliamo la frutta con attenzione, integra e mediamente matura.

Possiamo lavorare un tipo alla volta e poi mischiarla, così potremo approfittare della materia prima che ci offre ogni stagione.

 

Per iniziare ho selezionato, i kumquat, i fichi, le more e il melone bianco.

I kumquat fanno parte della frutta che va scottata, quindi laviamoli bene e tagliamoli a metà.

image

Facciamoli scottare in acqua bollente per cinque minuti,dopodiché scoliamoli bene.

Da questo punto il procedimento è comune anche alle altre qualità di frutta.

Gli ingredienti e la quantità in genere sono i seguenti:

per un chilogrammo di frutta,

400 grammi zucchero,

estratto di senape, dalle 10 alle 15 gocce a seconda del gusto personale.

image

Riprendiamo da dove abbiamo lasciato, prendiamo la frutta e disponiamola in un contenitore capiente, copriamo con lo zucchero nella quantità giusta, copriamo con la pellicola e lasciamo macerare in frigo per 24 ore.

image

Trascorso questo tempo scoliamo il liquido prodotto e facciamolo bollire per 5 minuti e riversiamolo sulla frutta, ripetiamo l’operazione per tre volte.

image

L’ultima volta versiamo la frutta e il liquido e facciamo bollire per cinque minuti.

Riversiamo il tutto nel contenitore e facciamo raffreddare.

image

A questo punto aggiungiamo l’estratto di senape, proteggendo il viso dalle esalazioni.

image

Mescoliamo bene e distribuiamo la mostarda in vasi che conserveremo in dispensa fino al momento di consumarla.

image

 

 

 

Precedente Bocconcini di tramezzino bresaola e rucola Successivo Linguine pomodorini e vongole

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.