Il raduno cooka

Cooka

Che dire…. trovarsi per caso e restare per convinzione, questa la mia avventura in cookaround.

Mai avrei immaginato che questa cosa, accaduta per caso, avrebbe avuto un’evoluzione così importante.

Alla base di tutto ci sono le persone ed è questo che fa la differenza, il blog è si, una cosa propria, per certi versi viva, ma fa capo solo a te, condizionato dal tuo umore.

Quando si va a curiosare sui blog degli altri, lo si fa quasi in punta di piedi, con una certa diffidenza e anche concedetemi, con sufficienza.

Poi accade quello che è accaduto in questi due giorni: i blog diventano persone, hanno un nome proprio e un aspetto fisico, allora tutto cambia…. colleghi questi visi, sorridenti a quei blog, fino ad ora asettici.

Visi di persone bellissime che si accettano per quello che sono, senza la minima ombra di critica, ognuno con il proprio bagaglio e la propria personalità, un’amalgama che non avevo mai visto prima,

Completamente assenti concetti come competizione, presunzione e intolleranza, un’unica famiglia, di quelle vere, dove ci si aiuta a vicenda.

Detto ciò cambia anche il modo di proporsi, adesso si fa attenzione a quello che si vede pubblicato, alle notifiche che arrivano; sai chi c’è dietro quella ricetta, non entri più in punta di piedi ma spalanchi la porta perchè stai entrando nella casa di un tuo amico.

Trovo che questo sia molto bello ed quello che è accaduto a me.

 

Precedente Confettura di fragole e rabarbaro Successivo Involtini di pollo e funghi

2 commenti su “Il raduno cooka

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.