Fusilli con pancetta, cipolla di tropea e scamorza

image
Quando si dice un primo leggero…..

Sapete qual’e’ il segreto affinché non si senta la cipolla nell’alito dopo averla mangiata? Che tutti i commensali lo abbiano fatto, semplice no!?

Del resto ogni tanto bisogna godere di questi sapori anche correndo il rischio di dover stare zitti per qualche ora.

I fusilli con pancetta, cipolla di tropea e scamorza non è un primo piatto propriamente ligh, ma solo per una questione di digeribilità soggettiva, in realtà a parte gli effetti collaterali dovuti alla presenza della cipolla che tra l’altro di qualità molto più dolce e digeribile, gli altri ingredienti sono semplici e naturali.
image
Per 300 grammi di fusilli,
100 grammi di pancetta arrotolata,
una cipolla di tropea, se grande metà,
150 grammi di scamorza affumicata,
due cucchiai di vino rosso,
sale qb.

Far bollire l’acqua salata e cuocere la pasta.

Tagliare a dadini la scamorza e tenere da parte.

Tagliare la pancetta a cubetti e affettare grossolanamente la cipolla.

In padella dove salteremo la pasta fare appena rosolare la pancetta senza nessuna aggiunta di olio; togliere la pancetta e tenere da parte; fare appassire la cipolla nel condimento lasciato dalla pancetta, bagnare con il vino e sfumare.

Quando la pasta sarà quasi cotta, scolarla e rovesciarla nella padella, aggiungendo un mestolo di acqua di cottura.

Saltare per un paio di minuti, aggiungere i dadini di scamorza e farli sciogliere mescolando continuamente.
image

A questo punto è pronta per essere servita.

Buon pranzo a tutti.

Precedente Bavette aglio, olio e pe.pe Successivo Frittata puf

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.