Ciabatta di semola rimacinata di grano duro

image
Vorrei postare questa panificazione, solo per soddisfazione personale, pero’.

La ciabatta di semola rimacinata di grano duro e’ nata un po’ per caso, anche se mi aspettavo questo risultato gia’ vedendo la prima lievitazione.

Ho fatto il solito rinfresco periodico e l’ennesimo impasto, continuo a misurare gli ingredienti, per eventuali trasmissioni ma potrei fare tutto ad occhio ormai.

Insomma, tengo da parte 400 grammi di licoli fuori dal frigo per due ore,
Preparo:
500 Ml di latte, uso il latte in quasi tutti gli impasti,
250 ml di acqua tiepida, parto da questa quantita’ di liquidi e poi mi regolo con la farina, se preparo solo il pane come i questo caso ho la scorta per 4/5 giorni,
3 cucchiai di olio evo,
Una bustina di zucchero

Un cucchiaino colmo di sale,
1 chilogrammo di semola rimacinata,
300 grammi circa di farina 00.

Bisogna spendere due parole per l’impasto; se si vuole si puo’ sostituire il latte con l’acqua e modificare le quantita’ per le proprie necessita’, la semola rimacinata assorbe meno liquidi quindi a parita’ di quantità l’impasto resta piu’ idratato, la farina 00 serve appunto ad assorbire parzialmente il liquido.

Versiamo il latte e l’acqua nella licoli, proseguiam con l’olio e lo zucchero, versiamo di botto la farina rimacinata e cominciamo ad impastare.

E’ la volta del sale e a questo punto, aggiungiamo man mano che occorre la farina 00, 300 grammi e’ indicativo, l’impasto deve essere morbido quel tanto che basta per poterlo lavorare.
image
Copriamo l’impasto e teniamolo in frigo per 8 ore, tiriamolo fuori e lasciamolo a temperatura ambiente per sei, qua salta la notte, io ho impastato alle 10 del mattino, riprendiamo l’impasto e formiamo il pane della forma che desideriamo, io preparo panini e pagnotta.

Mettiamo le teglie in forno spento e torniamo a letto, dormire e’ un’altra cosa.
image
Passate altre 6 ore l’impasto e’ pronto per essere infornato.
image

Portiamo la temperatura a 220 gradi ventilato e saranno sufficienti 25 minuti per una cottura perfetta; ovviamente ognuno compatibilmente con il proprio forno.
image

Precedente Pesto di zucchine Successivo Fagiolini, patate e pomodori alla menta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.