Cheesecake ai lamponi senza cottura

 

Ormai la cheesecake non ha più bisogno di presentazioni, si propone e basta.

La riuscita è scontata ormai e il gradimento sempre altissimo.

image

La versione senza cottura è sicuramente appannaggio quasi esclusivo della stagione estiva, trasmette un senso di freschezza anche solo a guardarla, se poi la decoriamo con i lamponi, beh…. a voi il giudizio.

La cheesecake ai lamponi senza cottura ha voluto onorare la mia raccolta annuale, che mi da sempre una grande soddisfazione.

 

 

A me piace tantissimo e se avete la possibilità di avere questi frutti strepitosi, suggerisco caldamente di replicarla.

500 grammi di ricotta,

125 grammi di panna,

125 grammi di mascarpone,

2 uova,

una bustina di vanillina,

il succo di un limone,

3 cucchiai di zucchero,

125 grammi di biscottii petit,

60 grammi di burro,

lamponi freschi per decorare,

500 grammi di confettura di lamponi.

Per il procedimento seguiamo i soliti step:

sbricioliamo i biscotti, io lo faccio con il frullatore, impastiamoli con il burro ammorbidito e rivestiamo lo stampo schiacciando bene per far aderire, lasciamolo rassodare in frigo mentre prepariamo la farcia.

Montiamo la panna e teniamola in frigo.

Incorporiamo tutti i formaggi finendo con la panna, delicatamente per non smontarla, battiamo le uova e aggiungiamole con lo zucchero, il succo del limone e la vanillina.

Riprendiamo la base e e versiamo il composto livellando la superficie.

image

 

Teniamolo nel freezer un paio d’ore per farla rassodare, riprendiamola, trasferiamola su un piatto da portata  e cospargiamola con la confettura di lamponi in questo caso, ma si può scegliere quella che si vuole.

image

 

Decoriamo con i lamponi freschi e serviamo.

image

 

 

Volendo si può congelare la base e decorarla all’occorrenza, in questo caso va tirata fuori con un leggero margine di anticipo.

 

 

 

 

 

Precedente Insalata nizzarda Successivo Tagliatelle al parmigiano reggiano con pomodori e pinoli tostati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.