Timballini di cavolfiore e patate

Timballini di cavolfiore e patate

 Ingredienti e dosi per 4 persone

250 gr. di patate, 250 gr. di cavolfiore, 50 gr. di fagiolini lessati al dente, 1 cipollotto, 50 gr. di prosciutto cotto a dadini, 2 uova, 30 gr. di parmigiano grattugiato, 100 ml. di panna da cucina, noce moscata in polvere, sale e pepe.

Preparazione

Riscaldare il forno a 180 gradi. Lessate il cavolfiore a cimette in poca acqua bollente. Lessate i fagiolini, devono rimanere croccanti. Sbucciate le patate, tagliatele a dadini e scottatele in acqua bollente. Unite, quindi, il tutto in padella e fate rosolare. Mondate i cipollotto e tagliatelo a striscioline. Tagliate a dadini il prosciutto cotto.

Timballini di cavolfiore e patate (3)Timballini di cavolfiore e patate (4)Timballini di cavolfiore e patate (2)

.

.

.

.

In una ciotola mescolate tutti gli ingredienti: le patate e il cavolfiore, i fagliolini spezzettati, i dadini di prosciutto cotto, le uova, la panna, il parmigiano, il sale, il pepe e la noce moscata. Distribuite il composto ottenuto in stampini da crème caramel unti col burro e spolverizzati di pangrattato. Passate nel forno caldo e fate indorare per circa 30-40 minuti. Prima di servire rosvesciate i timballini sui piattini. Guarnite con i fagiolini e il prosciuttto cotto a striscioline.

Vino

Pinot bianco, Soave, Prosecco, Albana secca.

I timballi sono specialità culinarie cotte al forno in un apposito stampo per essere serviti sformati. Diversi possono essere gli ingredienti, sempre molto ricchi: dalla pasta al riso, carni, pollame, ecc. Talvolta vengono preparati mettendo gli ingredienti all’interno di pasta sfoglia o pasta frolla.

Esistenti nella cucina siciliana già dal tempo degli arabi (a cui è probabilmente dovuto il nome), nella cucina napoletana tra il ‘700 e l”800 erano molto in voga presso le cucine dei nobili. Ricette di timballi della cucina napoletana sono riportate nelle opere di Vincenzo Corrado e di Ippolito Cavalcanti. Ancora oggi è diffuso a Napoli, seguendo questa tradizione, il sartù di riso, mentre a Palermo è tipico il timballo con gli anelli siciliani e le melanzane.

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Le Pinze in legno si vestono a festa Successivo Deliziose queste Frittelle salate di riso avanzato

Lascia un commento

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.