Scaloppine di tofu al naturale con funghi pleurotus e semi di sesamo e di lino

tofu scaloppine

Il tōfu,

talvolta definito anche come caglio di semi (di soia), è un alimento diffuso in quasi tutto l’estremo oriente. Sebbene in occidente sia noto con il suo nome giapponese, ha origini cinesi. Viene ricavato dalla cagliatura del succo estratto dalla soia e dalla successiva pressatura in blocchi, generalmente in forma di parallelepipedo. Spesso si confonde il tōfu, nelle sue preparazioni al vapore o fritte, con il seitan.

Esiste una grande varietà di tōfu, disponibile sia nei mercati dell’Oriente che in quelli dell’Occidente. Nonostante le grandi varietà disponibili, il tōfu può distinguersi in due categorie principali: il ‘‘tōfu fresco’‘, direttamente prodotto dallla spremuta delle fave di soia, e il ‘‘tōfu conservato’‘, direttamente prodotto dal tōfu fresco.

La versatilità del tōfu e delle proteine della soia sono enormi: è possibile ottenere le forme ed i sapori più disparati: dal formaggio al pudding, all’uovo, al sapore di pancetta affumicata, ecc. La consistenza del tōfu può essere modificata tramite congelamento, in purea e con la cottura. In America, Europa, Australia e Nuova Zelanda, il tōfu viene frequentemente associato al vegetarismo o al veganismo come ottima sorgente di proteine non animali.

In Asia il tōfu viene usato in moltissimi modi: crudo, stufato, fritto, messo nelle minestre, cotto con salse, o farcito. In Oriente, una “fava” dall’aspetto verdastro e dal sapore di tōfu è molto apprezzata nella cucina asiatica, mentre il tōfu fresco viene spesso cucinato assoluto o semplicemente insaporito. In Giappone, d’estate, il pranzo di mezzogiorno è chiamato ‘‘hiyayakko‘‘; in questa occasione, il tōfu viene servito “delicato” o “solido”, con lo zenzero, le cipolle verdi e la salsa di soia. In molte parti della Cina, il tōfu fresco viene consumato con salsa di soia, o ulteriormente insaporito con scaglie di sarde, uova  e olio di semi di sesamo.

 

Scaloppine di tofu al naturale con funghi pleurotus e semi di sesamo e di lino

Ingredienti e dosi per 4 persone

8 fettine di tofu al naturale o alla piastra, 500 g di funghi pleurotus freschi, mezzo bicchiere d’olio, 1 mazzetto di prezzemolo, 1 spicchio d’aglio tritato, vino bianco secco, semi di sesamo, semi di lino, sale e pepe, facoltativa shoyu (salsa di soia).

Preparazione

Pulite i funghi con un panno umido, eliminando i gambi più fibrosi e duri. Mettete l’olio in una padella e fate colorare il  trito d’aglio, aggiungete i funghi spezzettati grossolanamente e fateli insaporire. Versate il vino e fatelo evaporare, quindi incoperchiate e portate a cottura. A questo punto condite con sale e pepe.

  tofu (3)tofu (4)tofu (5).

.

.

.

.Asciugate i panetti di tofu tamponandoli con un panno pulito o carta da cucina. Tagliateli a fette orizzontalmente, così da avere delle scaloppine, quindi passatele nei semi di sesamo e di lino premendo un po’. In una padella antiaderente rosolate le scaloppine di tofu da ambo i lati e aggiungete i funghi precedentemente cotti. Insaporite per qualche istante e distribuite sopra il prezzemolo tritato. Se volete potete condire con salsa di soia.

tofu

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Diploma, 18 anni, Laurea, Galateo di Donna Letizia, le Cerimonie Successivo Galateo: Onomastici e Compleanni

Lascia un commento

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.