La Torta Sbrisolona era detta “torta delle tre tazze”

torta sbrisolona (2)Torta sbrisolona della Casa del pane a Mantova

La sbrisolòna

(anche detta sbrisulòna, sbrisolìna, sbrisulùsa o sbrisulàda) è una specialità dolce della città di Mantova (ma prodotta e consumata anche in tutta la Lombardia, in Emilia-Romagna e nel Veronese).

Il nome deriva da brìsa, che in mantovano vuol dire briciola. Pare che la ricetta risalga a prima del ‘600 quando arrivò anche alla corte dei Gonzaga.

Si tratta di una torta di povere origini. All’inizio infatti gli ingredienti erano quelli tipici della tradizione contadina (farina di mais, strutto e nocciole) e negli anni si sono raffinati.

La ricetta oggi prevede che le farine (bianca e gialla) e lo zucchero siano in parti uguali, ragione per cui in passato questo dolce era detto “torta delle tre tazze”, inoltre gli ingredienti non devono essere sminuzzati, anzi, il tratto caratteristico del dolce sta nella sua consistenza irregolare, dovuta alla lavorazione veloce e al taglio grossolano delle mandorle.

Caratteristica inconfondibile della torta è la sua friabilità che la porta a sbriciolarsi con estrema facilità (da cui il nome che nelle lingue gallo-italiche significa “sbriciolona” o “sbriciolata”). In Veneto viene comunemente chiamata “rosegotta” e “fregolotta”, termine quest’ultimo che indica anche un altro dolce assai simile.

torta sbrisolona (1)

Ingredienti e dosi

200 gr. di farina gialla finissima, 200 gr. di farina bianca, 200 gr. di zucchero, 200 gr. di mandorle, 2 tuorli, 1 limone. 150 gr. di burro.

Preparazione

Fate la fontana con le farine, lo zucchero, la scorza grattugiata del limone e le mandorle pelate e tritate grossolanamente. Mettete nel mezzo il burro sciolto a bagnomaria, i tuorli. Impastate con le mani lavorando velocemente. Sistemate in una tortiera imburrata ed infarinata e cuocete nel forno a calore medio (200 gradi) per 30 minuti circa. Quando la torta sarà quasi fredda, cospargetela di zucchero semolato e mandorle intere e tritate.

Questo dolce non dev’essere tagliato in fette regolari, ma spezzato con le mani.

Vino

È tradizione consumare la torta accompagnata dalla grappa, ma è perfetto l’abbinamento con un vino liquoroso come il Malvasia, il Vin Santo o il Passito di Pantelleria.

torta sbrisolona 3

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Crema di patate americane con i broccoli Successivo Involtini di gamberoni e lardo di Colonnata con mozzarella

Lascia un commento

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.