Arance aromatiche per profumare armadi e cassetti

arance

Sembra che la tradizione di questi frutti aromatici risalga al Medioevo, quando erano usati per tenere lontani le infezioni e i cattivi odori. Durante il regno di Elisabetta I d’Inghilterra, i nobili racchiudevano le erbe aromatiche, che portavano in viaggio, in preziose sfere di oro, argento o avorio.

Occorrente per 4 arance

200 g di chiodi di garofano, 4 cucchiai di cannella in polvere, 4 cucchiai di drogapura, 4 cucchiaini di cardamomo, nastri colorati, nastro adesivo (largo come i nastri).

Esecuzione

Usate soltanto frutta perfettamente sana, meglio se un po’ acerba. Appiccicate due cerchi verticali di nastro adesivo ad angolo retto sulla scorza delle arance. Infilate direttamente nella scorza rimasta libera i chiodi di garofano, tenete in mano le arance senza schiacciarle e premendo i chiodi con la radice. Dovete ricoprire tutta la scorza. Posate le arance su di un vassoietto. Mescolate la cannella, la drogapura e il cardamomo e cospargeteli sulle arance. Conservatele così per 10 giorni, cospargetele ogni tanto con la polvere di spezie. Con un pennellino togliete la polvere in eccesso. Togliete il nastro adesivo e legate un nastro colorato al suo posto. Aspettate altri 10 giorni prima di chiudere le arance in una scatola. Potete anche ricoprire tutta la scorza delle arance con i chiodi di garofano, se non desiderate legarle con i nastri per appenderle. Queste arance si conservano per 5-6 anni.
Per ravvivare il profumo, cospargetele ogni tanto con la polvere di spezie e conservatele così per due o tre giorni. Pulitele quindi con il pennello.

“Regali dalla mia cucina 1978″


 

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Minestra di riso e zucca della Petronilla Successivo Riso allo sgombro

Lascia un commento

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.