Food Channel: “A tavola con Guy”…Allucinante!

a-tavola-con-guyTi si intasano le arterie solo a guardare il programma: A Tavola con Guy! Per noi, veramente oltre ogni immaginazione e pensare che, secondo gli autori, è una rassegna di locali americani dove si mangia bene! Tutto cotto al momento, con amore, ma soprattutto con ingredienti killer! Frutti di mare (già grandi fonti di colesterolo) cotti con burro, panna e messi in una bella sfoglia che contiene più strutto che farina… Le famose salse barbecue che hanno tutte più o meno gli stessi ingredienti: sciroppo d’acero, miele, ketchup (industriale), salsa worcester, zucchero bianco e zucchero di canna, sale, pepe, burro, aceto, montagne di spezie, il tutto ribollito in pentoloni da caserma, in cui annegano letteralmente gli hamburgers e i burritos. Fate vedere il programma, basta una volta, ai vostri ragazzi adolescenti, perché le ricette di base sono del tutto simili a quel che mangiano nei fast food. Magari capiranno la quantità bestiale di grassi saturi, zuccheri e altri veleni chre ingeriscono ogni volta che mangiano in quei posti. Come riescano poi a mangiare quei panini altissimi che colano salse (perché mica ne usano una sola, devo stordirti il palato) è ancora un mistero per me. Non sono mai riuscita a mangiare un molto più salutare, club sandwich intero, durante i miei primi tredici anni nel New Jersey. L’ho sempre dovuto spezzare per farlo entrare fisicamente in bocca; ma Guy, il simpatico conducente, spalanca le sue allenate fauci, senza slogarsi la mandibola e mugola di soddisfazione. Chissà se percepisce un extra per i pericoli per la sua salute? L’unica cosa che veramente invidio a questi locali è l’affumicatoio, che rende i cibi già molto gustosi (usano pure legni pregiati come il noce e il ciliegio) senza dover ricorrere a  quelle salse letali. Ho visto molte puntate purtroppo, perché il caldo estivo m’impedisce di dormire e facendo zapping mi fermo su Food Channel per curiosare. Mi stupisce il numero inconsapevole di commensali, che ingurgitano questi concentrati di colesterolo e zuccheri, così soddisfatti, come se avessero degustato uno dei capolavori di cucina italiana. Gli uomini hanno quasi tutti addomi tali da rendere l’intimità complicata e le donne, dopo una certa età, hanno volti molto “morbidi” e sorridenti. Addio finanziamenti statunitensi da capogiro contro l’obesità!

Info su Maria Lanzone

Sono figlia di uno Chef emigrato negli Stati Uniti, e la cucina del ristorante era la mia seconda casa fino ai miei tredici anni. L'arrivo in Italia mi ha arricchita delle ricette della Nonna napoletana e dei parenti liguri. Sto ancora integrando le bontà siciliane dell'infanzia di mio marito. Amo molto viaggiare e cerco di assaggiare quasi ogni stranezza veda. Finisco spesso in cucina a chiacchierare lo chef.... nostalgia dei tempi passati.

I commenti sono chiusi.