Polpo croccante, crema di patate e paprika affumicata, julienne di sedano alla vaniglia.

Un secondo piatto che potrebbe sembrare troppo complicato o chic da replicare, invece, vi stupirà. Accostando l’affumicato della paprika al profumo della vaniglia e giocando con le consistenze, otterrete un piatto davvero gourmet in pochi passi. Poter creare ricette raffinate ma semplici è il mio motto e voglio condividerlo con voi<3.

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    40 minuti
  • Cottura:
    40 minuti
  • Porzioni:
    2 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • polpo 500 g
  • Patate 500 g
  • Scalogno 1
  • Brodo vegetale q.b.
  • Paprika affumicata 1 cucchiaio
  • Sedano 1 rametto
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • vaniglia 1 bacca
  • acqua q.b.
  • Pepe nero q.b.

Preparazione

  1. Pulire il polpo e lavarlo sotto acqua fresca corrente, togliere le viscere contenute nella sacca, gli occhi, il dente centrale. Calare il polpo nell’acqua bollente tenendolo per la testa, arricciando i tentacoli. Tuffarlo nell’acqua e cuocerlo per 20 minuti, coperto. Una volta cotta, fatelo raffreddare nella sua acqua di cottura.

  2. Nel frattempo, soffiggere lo scalogno in un giro di olio, aggiungere le patate tagliate a tocchetti e ricoprire con brodo vegetale, portando a cottura le patate. Regolare di sale e pepe. Una volta cotte, frullare con il minipimer e passare al setaccio. Aggiungere la paprika affumicata.

  3. Tagliare a julienne il sedano. Sbollentarlo per 1 o 2 minuti in acqua bollente aromatizzata alla vaniglia (tagliatela a metà, prelevate i semi e buttateli nell’acqua insieme alla bacca stessa).  Scolare e mettere da parte.

  4. Su una piastra unta, grigliare il polpo per un minuto per lato a fiamma viva, fino a renderlo croccante. Impiattare con la crema di patate e la julienne di sedano alla vaniglia.

Precedente Risotto alle cime di rapa al sentore di arancia, scaglie di buccia di pomodoro essiccate alla cannella, ricotta ghiacciata. Successivo Plumcake marmorizzato al cioccolato fondente, caffé e latte di mandorle.

Lascia un commento