Paccheri con gallinella di mare

Ecco una ricetta che avrei voluto postare da tempo con un sapore di mare a 360°. Un piatto dove il pesce si sposa con la pasta rendendola cremosa e decisamente appetitosa. Unico difetto: la quantità! Non esagerate con la quantità perchè una volta entrati nel tunnel dell’assaggio non ne uscirete più! Nel mio caso, ho pulito e sfilettato la gallinella ma potete farvelo fare tranquillamente dal vostro pescivendolo di fiducia. L’obiettivo è ricavare più polpa possibile per amalgamarla bene nel condimento. Un’altra accortezza è quella di non buttare via testa e lische del pesce perchè le useremo per aromatizzare l’acqua di cottura della pasta. Inoltre, vi consiglio di acquistare gallinelle di grandi dimensioni, quelle piccole sono adatte per le zuppe e non per la pasta. Attenzione anche alla qualità del pomodorino usato. Personalmente, preferisco il datterino al ciliegino perchè più pastoso e più saporito per creare sughetti freschi. Come pasta, io ho usato il pacchero perchè, per me, è la pasta per eccellenza da abbinare al pesce. Potete tranquillamente cambiare il formato e, perchè no, farci anche un bel risotto.
Ingredienti per 2 persone:
  • 1 gallinella di mare di taglia grande
  • 1 spicchio di aglio
  • 15-20 pomodorini datterini
  • prezzemolo fresco q.b.
  • olio evo, sale e peperoncino q.b.
  • 80 ml di vino bianco
  • 250 grammi di paccheri
Preparazione:
Pulire e sfilettare la gallinella e mettiamo da parte la testa e la lisca. Tagliamo a piccoli pezzetti il pesce e laviamolo con acqua e sale. Prepariamo l’acqua di cottura della pasta nella quale ci tuffiamo la testa e la lisca della gallinella e le lasciamo cucinare per circa 30 minuti, il tempo di insaporire la stessa acqua. Nel frattempo, in una padella capiente, versiamo l’aglio schiacciato insieme ad un giro di olio e facciamo soffriggere per qualche minuto. Aggiungere i datterini tagliati a pezzetti e cuciniamo per qualche minuto. Tuffare il pesce e sfumare a fiamma alta con il vino bianco. Una volta evaporato quest’ultimo, abbassare la fiamma e prosegui la cottura per circa 10-15 minuti. Filtrare l’acqua di cottura della pasta che nel frattempo avrà raggiunto l’ebollizione già da un bel pò di minuti, salarla e buttiamo i paccheri. Scolarli al dente e mantecarli a fiamma bassa nel sugo della gallinella. Spegnere, spolverizzare con prezzemolo fresco tritato e un bel giro di olio extravergine di oliva. Servire immediatamente.

Precedente Risotto ai broccoli, zafferano e zenzero Successivo Crostata di riso e soia con crema alla nocciola