Tiramisù

Il dolce classico in assoluto, quello che è stato “maltrattato”, nel corso degli anni, da mille varianti, ma resta intatto comunque: il tiramisù. Personalmente, mi piace sperimentare e cambiare anche in poco quelle che sono le ricette originali, ma non è il caso del tiramisù. Non amo molto modificare un dolce che è già perfetto dalla sua nascita, non voglio cambiarlo per il solo gusto di creare qualcosa di originale. L’originalità del dolce risiede già nel suo sapore, una cremosità unica che si accosta benissimo all’aroma del caffé che inzuppa i savoiardi. Inutile dirvi che le sue varianti sono: sostituire i savoiardi con biscotti secchi o pavesini oppure creare una crema zabaione con cioccolato o al cocco oppure sostituire la bagna al caffé con succo di frutta. Insomma, nessuno vi vieta di fare le giuste sostituizioni o aggiunte, io amo la tradizione, dunque, vi riporto la ricetta del tiramisù che si fa in casa mia, non sarà l’originale in assoluto, ma per me lo è.
Ingredienti per 10 persone:
  • 80 grammi di tuorli 
  • 80 grammi di albumi
  • 180 grammi di zucchero
  • 500 grammi di mascarpone di ottima qualità
  • 350 grammi di savoiardi 
  • 50 ml di latte fresco intero
  • 500 ml di caffé ristretto zuccherato
  • 30 grammi di cacao in polvere amaro
  • 1 pizzico di sale
Preparazione:
Montare con la fruste elettriche i tuorli con lo zucchero fino a renderlo chiare e spumose ( devono raddoppiare il loro volume). Incorporiamo, con una frusta a mano, il mascarpone a piccole dosi e mescoliamo energicamente, evitando i grumi. In una ciotola a parte, con le fruste elettriche, montiamo a neve fermissima (per evitare che la crema diventi liquida, montare benissimo gli albumi) con un pizzico di sale e versiamoli nel composto di uova, zucchero e mascarpone e mescoliamo delicatamente, con la frusta a mano, dall’alto verso il basso. Nel frattempo, mescolare il latte con il caffé zuccherato. In una pirofila rettangolare ( in alternativa potete usare i bicchierini singoli), fare un primo strato di savoiardi inzuppati nel caffelatte ( non esagerare con l’inzuppo ), aggiungere uno strato di crema al mascarpone, ripetere la stessa operazione per un’altra volta. Sull’ultimo strato di crema al mascarpone, spolverizzare di cacao amaro almeno un’ora prima di servire. Vi sconsiglio di mettere il cacao da subito per una questione di estetica. Mettere in frigo a riposare per almeno 4 ore. E’ ancora più buono se preparato il giorno precedente.

Precedente Biscotti occhi di bue senza glutine Successivo Frittata cotta in forno allo zafferano con patate, scalogno e formaggio Asiago