Madeleines di Proust con gocce di cioccolato

“Un delizioso piacere m’aveva invaso, isolato, senza nozione di causa. E subito, m’aveva reso indifferenti le vicessitudini, inoffensivi i rovesci, illusoria la brevità della vita…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale. Da dove m’era potuta venire quella gioia violenta ? Sentivo che era connessa col gusto del tè e della maddalena.” 
Un bellissimo passo di Proust di ” Alla ricerca del tempo perduto”, il mio preferito, ottima introduzione per la mia prossima ricetta che condividerò con voi: Les madeleines. Cosa sono le maledeleines? Sempre riprendendo Proust “…mandò a prendere uno di quei dolci corti e paffuti, chiamati maddalene, che sembrano lo stampo della valva scanalata di una conchiglia di San Giacomo.” Sono dei dolcetti francesi, dalla forma a conchiglia e soffici e dal delicato aroma di fiori di arancio. La ricetta l’ho presa da un sito francese ( qui )e l’ho tradotta. La ricetta è del grande maestro pasticcere francese Lenôtre e sono di una bontà unica e unici nel loro genere. L’unica accortezza è preparare l’impasto il prima possibile e farlo raffreddare in frigo per ottenere la famosa cupoletta del dolce. Vi lascio la ricetta:

Ingredienti per circa 20 madeleines:

  • 3 uova
  • 130 gr. di zucchero semolato
  • 150 gr. di farina OO
  • 125 gr. di burro o margarina
  • 1 pizzico di sale
  • 5 gr.di lievito per dolci
  • aroma di fiori di arancio
  • 20 gr. di miele ai fiori di arancio
  • gocce di cioccolato q.b.
Preparazione:

Ammorbidire il burro e lavorare le uova con lo zucchero, il sale e il miele affinchè raddoppi di volume e diventi chiaro e spumoso. Aggiungere la farina mescolata con il lievito, il burro morbido e l’aroma di fiori di arancio. Incorporare, infine, le gocce di cioccolato. Far riposare l’impasto in frigo per minimo due ore, meglio dalla notte prima. 
Preriscaldare il forno a 230° e imburriamo i nostri stampi per le madeleines; infornare e abbassiamo la temperatura a 200° e dopo circa 5 minuti, abbassiamo ulteriormente a 180°.Farle raffreddare su una griglia e servire freddo.
Precedente Orecchiette di grano arso con cuore di stracciatella pugliese e gelée di salsa al basilico Successivo Frittatina di carote in insalata con pachino e cetrioli al profumo di basilico