Cotolette di pollo al forno con patate ( N°1)

Da oggi, vorrei ricondividere con voi quelle ricette che hanno suscitato più interesse e visibilità sul blog. Ovviamente le alternerò a ricette nuove, ma mi piacerebbe creare quel piccolo blocco/classifica di ricette “evergreen”. Oggi, inizio questo lavoro ripubblicando la ricetta delle cotolette di pollo impanate al forno con patate. E’ strano vedere come abbia deciso di partire da questa ricetta banalissima e scontata. Bene, non è stata una mia scelta, ma la vostra. Dalle statistiche private che quotidianamente controllo, emerge che è stato uno dei post più visitati e cliccati nell’anno e, ringraziandovi, ripubblico il piatto e la ricetta.

Ingredienti per 3 persone:
● 3 patate grandi
● 3 fettine di petto di pollo
● 4 cucchiai di pangrattato
● 2 cucchiaini di Grana Padano
● rosmarino fresco q.b.
● olio extravergine di oliva q.b.
● sale e pepe q.b.
● 1 spicchio d’aglio
Preparazione :
Tagliare a tocchetti grossi le patate e metterle in acqua fredda per mezz’ora. Questo procedimento consente il rilascio dell’amido, fondamentale se si vogliono delle gustose patate croccanti. Scolare le patate, asciugarle e scottarle in acqua bollente salata per 5 minuti circa. Mettere le patate, scolate e asciugate in una teglia antiaderente e versare un giro di olio, sale, pepe, lo spicchio di aglio schiacciato e il rosmarino e mescolare. Cuocere per 40 minuti, rigirandole di tanto in tanto. Nel frattempo, salare le fettine di petto di pollo e passarle nel pangrattato miscelato al Grana e premere bene le fette per far aderire bene l’impanatura. Adagiare il pollo in una teglia foderata di carta forno e leggermente oliata. Mettere un nuovo giro di olio sul pollo, aggiungere rosmarino fresco e cuocere in forno caldo a 200° per 30 minuti, rigirandole a metà cottura. Servire caldo.

Precedente Plumcake allo yogurt con farina di riso profumato alla vaniglia e copertura di cioccolato bianco Successivo Spaghetti con polpette

0 commenti su “Cotolette di pollo al forno con patate ( N°1)

  1. Grazie Chiara! È un classico che, nonostante le mille ricette alternative e innovative, non morirà mai..e questo mi consola visto che adoro questo piatto e la mia versione light nasce dal bisogno di non rinunciare al gusto, ma a qualche caloría si! 😀