Chiacchiere di Carnevale

E’ tempo di Carnevale ed è tempo di chiacchiere! Alzi la mano chi non ha mai assaggiato, una volta nella vita, quelle deliziose sfoglie croccanti ricoperte di tanto zucchero a velo?? Beh se esiste ancora gente che non lo ha ancora fatto, vi invito a leggere questo post e a provarle immediatamente! La mia ricetta è quella di famiglia, vegan, ma deliziosa e leggera. Personalmente, non amo molto il sapore alcolico nei dolci e, ahimé, le chiacchiere lo prevedono e, al tempo stesso, l’odore di fritto intenso che è anche difficilmente digeribile. Questo sta nel metodo di frittura, bisogna saperla fare e nel tipo di olio utilizzato. Ma, bando alle chiacchiere, iniziamo ad impastare:

Ingredienti:

  • 250 gr. di farina di grano tenero tipo OO
  • 1 cucchiaino raso di zucchero
  • 1 cucchiaino raso di vanillina o scorza di limone ( facoltativo)
  • 50 gr. di vino bianco
  • 25 gr. di olio extravergine di oliva
  • zucchero a velo vanigliato q.b.
  • acqua calda q.b.
Preparazione:

Disporre a fontana la farina con lo zucchero e gli aromi. Riscaldare leggermente il vino. Aggiungete l’olio e il vino e iniziamo a mescolare. Aggiungere anche, a piccoli sorsi, tanta acqua calda per ottenere un panetto liscio, morbido e compatto. Ora, preleviamo piccoli dosi di impasto e sulla spianatoia ben infarinata, stendiamo molto molto sottile l’impasto. Io ho steso la sfoglia con la classica nonna papera ma potete benissimo armarvi di pazienza e stendere la pasta col mattarello.Ritagliamo le chiacchiere con l’apposito attrezzo a lame seghettate e diamo spazio alla nostra fantasia per quanto riguarda le forme. A me piace essere molto astratta nel ritaglio, secondo me, le chiacchiere tagliate in modo irregolare mi ricordano più l’effetto “impastrocchiato” dei coriandoli di Carnevale. Riscaldiamo l’olio, io uso quello di sansa di oliva perchè, a mio parere, è quello che rilascia meno il sapore “olioso” del fritto. Attenzione a non bruciare le chiacchiere! essendo molto sottili, occorre calarle nell’olio bollente e non appena arrivano a doratura, toglierle immediatamente. Una volta fredde, spolverizzatele di abbondante zucchero a velo e..buona chiacchierata! 
Precedente Paccheri alla Sorrentina Successivo Risotto al ragù di pesce