Tigelle

Le tigelle sono delle sofficissime focaccine della zona del modenese particolarmente morbide e delicate.   Sono leggere perché cotte in padella, quindi non necessitano di alcuna aggiunta di grassi.  Particolarmente versatili sono perfette se farcite con gli affettati di ogni genere. Mia figlia le adora con la Nutella.

Le tigelle le ho realizzate con un impasto modificato rispetto alla ricetta originale per non appesantirlo dall’eccessivo lattosio.

Le tigelle sono semplicissime sia da realizzare che cucinare, un’ottima idea per buffet o finger food.

Ideali anche se avete a cena degli amici, le tigelle si riveleranno adeguate a tutti i gusti.  Le tigelle sono deliziose se mangiate subito, se invece ve ne avanzerà qualcuna, vi consiglio di conservarle in un paniere coperte con un tovagliolo di cotone. In questo modo rimarranno morbide solo per un altro giorno.

 

Ingredienti:

  • Preparazione: 10 min. + 3 ore lievitazione Minuti
  • Cottura: 3 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 6 persone
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • 250 g Farina 00
  • 250 g Semola di grano duro rimacinata
  • 2 cucchiaini Sale
  • 1 cucchiaino Zucchero
  • 25 g Lievito di birra fresco
  • 220 g Acqua
  • 80 g latte vaccino o latte riso

Preparazione

  1. Metti in una terrina capiente l’acqua, il latte, lo zucchero e il cubetto di lievito sbriciolato.  Mescola bene

  2. Aggiungi il sale ed  un pochino alla volta la farina e la semola.  Impasta con le mani fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

  3. Lavora l’impasto su  una spianatoia infarinata per circa un minuto dopodichè forma una palla con l’impasto e riponilo nella terrina.

  4. Incidi con un coltello l’impasto formando una X dopodichè con le mani unte con un goccino di olio spalma sulla superficie della palla.  Questo procedimento non permetterà all’impasto di attaccarsi in superficie alla pellicola trasparente con cui devi coprire la terrina.

  5. Avvolgi la terrina con una coperta o un pile e riponila in un posto privo di correnti d’aria.  Lascia lievitare l’impasto per circa 3 ore.

  6. Passate le 3 ore stendi l’impasto con un mattarello e forma un rettangolo di circa 1 cm. e mezzo.   Con un bicchiere capovolto ricava tanti dischetti.

    Copri i dischetti con una tovaglia e fai lievitare ancora per 1/2 ora dopodichè sono pronti per la cottura.

  7. Scalda una capiente padella antiaderente e quando sarà bollente poni i dischetti di pasta uno di fianco all’altro cucinando per circa 1 minuto e 1/2 per parte.

    Si gonfieranno in cottura!

    Mi raccomando di coprire con un coperchio durante la cottura.

    La fiamma del gas deve essere al massimo per scaldare la pentola ma una volta che porrete in cottura le tigelle abbassate al minimo altrimenti si bruceranno troppo!

    Farcitele come preferite, dolci o salate!

Note

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Tartufi di pandoro Successivo Cassoeula

2 commenti su “Tigelle

  1. Elisa il said:

    La ricetta che proponi e la cosa che ne salta fuori alla fine (se l’immagine è reale) NON HA NULLA A CHE FARE CON LE TIGELLE.
    Puoi chiamarle panini… puoi chiamarle come vuoi ma NON TIGELLE!!!

    • loscrignodeisapori il said:

      Cara Elisa, grazie di aver letto la mia ricetta e di aver visitato il mio blog!
      Per quanto riguarda la ricetta, ci tenevo solo a dirti che seguo quella che mi ha dato
      una mia cara amica modenese con cui mi sono sempre trovata molto bene… il gusto personale è
      indiscutibile quindi può capitare che la ricetta possa non piacere come probabilmente nel tuo caso.
      Per scelta personale ho preferito l’immagine che hai visto con la farcitura ma per accontentarti ho
      aggiunto anche quella in cui ho trasferito le tigelle nel paniere. A proposito, questa è la ricetta
      delle tigelle, se poi li vuoi chiamare panini… libera di farlo.
      Per quanto riguarda le immagini, sottolineo che sono abituata a lavorare seriamente, SOLO ED ESCLUSIVAMENTE con
      ciò che produco. Non so se hai fatto caso che le fotografie sono rigorosamente coperte da copyright,
      infatti trovi scritto anche se a volte in modo poco percettibile il nome del mio blog!
      Spero di aver chiarito ogni tuo dubbio. Ti auguro una buona giornata! Manuela

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.