Finto risotto agli asparagi

in evidenza

 

 

 

 

 

Il finto risotto di oggi non è nient’altro che orzo perlato!  Il procedimento è simile a quello di un risotto semplice ma direi che è mooooooolto meno calorico dato che contiene meno amido e non necessita il brodo di carne basilare per la riuscita di un ottimo risotto!

 

Ingredienti per 4/5 persone:

  • 250 gr. orzo perlato
  • 6/7 asparagi meglio freschi (io ho usato quelli congelati)
  • 80 gr. di porro
  • 1 spicchio di aglio
  • 2 bicchieri di acqua
  • 1 dado vegetale
  • un pochino di prezzemolo
  • due cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale q.b.

 

Procedimento:

Tagliare il porro, pulire uno spicchio d’aglio togiendo l’anima  e metterli  in una padella insieme all’olio per farli imbiondire un pochino  (tranquilli, questi sono tutti i grassi necessari, non ne aggiungeremo altri!)

1

 

 

 

 

 

 

Aggiungere gli asparagi che avremo tagliato a tocchetti.   In questo caso ho aggiunto prima gli asparagi perchè il mio orzo deve essere cotto solo per 10 minuti.  Se avete l’orzo che necessita la cottura più lunga vi consiglio di mettere prima l’orzo e poi gli asparagi altrimenti la verdura si spappola!

2

 

 

 

 

 

 

Dopo due minuti circa possiamo aggiungere l’orzo perlato

 

3

 

 

 

 

 

 

mescoliamo bene,  facciamo tostare un minuto dopodichè aggiungere l’acqua

 

4

 

 

 

 

 

 

sembrerà una zuppa più o meno così

 

5

 

 

 

 

 

 

aggiungere un dado vegetale (io utilizzo quello fatto in casa) o in alternativa anche semplicemente del sale grosso; la quantità è poco meno di un cucchiaino da caffè.

Facciamo addensare e aggiungere una manciata di prezzemolo sminuzzato grossolanamente

 

6

 

 

 

 

 

 

Il piatto è pronto!

in evidenza

 

 

 

 

 

 

Nota: se volete potete insaporire maggiormente aggiungendo a fine cottura un ricciolo di burro ed una spolverata di parmigiano.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Cordon bleu con farina di farro e mais Successivo Torta profumata alle mele, mandorle e miele