Foglie o talli di zucchine in padella…

share_save_120_16 Foglie o talli di zucchine in padella...

Foglie o talli di zucchine in padella

12027658_974857485912509_4932079392200823389_n Foglie o talli di zucchine in padella...

Foglie o talli di zucchine in padella

 Foglie o talli di zucchine in padella. I talli sono le foglie della pianta delle zucchine (ma sono commestibile anche le parti della pianta della zucca) in quanto, finendo il loro ciclo vitale non dando più il loro frutto sono un’ottima verdura. Un secondo facile da realizzare, ma un po di tempo in più  vi ci vuole  per pulire foglie o talli di zucchine.

Ingredienti
500 grammi di foglie o talli  della pianta di zucchine (detto anche talli di zucchine)
2 spicchi di aglio, sale q.b.
Olio extravergine di oliva
3 pomodori san marzano

Procedimento

 Foglie o talli di zucchine: Per pulire Foglie o talli di zucchine:  Per prima cosa dovete pulire le foglie delle zucchine prendendo le parti tenere le foglie piccole, le piccole zucchine che sono attaccati, mentre i gambi e le foglie più grandi vanno puliti togliendo i loro filamenti.
Cuocere in abbondante acqua salata le verdure pulite e lavate molto bene.
In una padella riscaldare l’ olio extravergine di oliva con due spicchi di aglio, fare dorare l’aglio e aggiungere 3 pomodori san marzano tagliati a dadini.
Fare cuocere per qualche minuto ed aggiungere le Foglie o talli di zucchine in padella lessate precedentemente, fare saltatere in padella con aglio, olio, e pomodoro, (è importante amalgamare molto bene il tutto.
Servire con una  bella grattugiata di pecorino o grana,  decorare con  fiori di zucchine.

Spero che questa ricetta sia stata di vostro gradimento, se vi va seguitemi anche su fb e blog In cucina con Marghe per rimanere sempre aggiornati...

12038565_974857379245853_7493100581667604704_n Foglie o talli di zucchine in padella...

share_save_120_16 Foglie o talli di zucchine in padella...

Pagnotta di pane ripiena con friggitelli

share_save_120_16 Pagnotta di pane ripiena con friggitelli

Pagnotta di pane ripiena con friggitelli

pixiz-07-06-2015-19-41-01 Pagnotta di pane ripiena con friggitelli

Pagnotta di pane ripiena con friggitelli

La pagnotta di pane ripiena è un piatto povero lucano, che preparavano le donne ai loro mariti quando andavano a lavorare nei campi. Un piatto tipicamente dell’Italia meridionale, rivisitato da ciascuna cucina regionale. Preparavano questa pagnotta di pane ripiena  con le cime di rapa stufate, oppure preparavano la ciambotta con melanzane, peperoni, cipolle, pomodori, e patate. Un’altra versione lucana sarebbe salsiccia e uova. La pagnotta di pane ripiena, davvero semplice da preparare, è un’idea davvero originale per il pic nic  o per un pranzo all’aperto!   Ecco la pagnotta di pane ripiena che mi ha preparato la mia amica Lina.
Preparazione

 In questa ricetta non stò a darvi gli ingredienti, lascio a voi decidere la quantità. Lavate i friggitelli e friggeteli in poco olio, poi aggiungete del pomodoro a pezzi e fate amalgamare per pochi minuti, salate. Intanto tagliate la calotta a una pagnotta di pane di grano duro.Svuotatela e togliete la mollica alla pagnotta, poi riempite la pagnotta con peperoni (friggitelli).Coprite con l’altra metà del pane e lascia riposare in frigo per un paio di ore il tempo che il pane assorba il condimento. Servite la pagnotta di pane ripiena taglianta a grossi spicchi e lasciate che i vostri commensali si servano da soli, a questo punto..vi auguro un buon appetito con questo piatto originale. Pagnotta di pane ripiena. Vi mando a visitare il mio 2° blog e pagina fb
pixiz-07-06-2015-19-42-35 Pagnotta di pane ripiena con friggitelli
share_save_120_16 Pagnotta di pane ripiena con friggitelli

Maccheroni con salsiccia lucanica lucana

share_save_120_16 Maccheroni con salsiccia lucanica lucana

Maccheroni con salsiccia lucana.

pixiz-20-04-2015-14-29-40 Maccheroni con salsiccia lucanica lucana Maccheroni con ragù di salsiccia lucana

Maccheroni con salsiccia. La lucanica, salsiccia dolce o piccante originaria della basilicata. Può essere consumata fresca (lucanica) stagionata (salame)

Ingredienti per 4 persone
400 gr di maccheroni freschi
150 gr di salsiccia lucana fresca
100 gr di pancetta a cubetti
un bicchiere di vino rosso
un cucchiaio di pomodoro concentrato
un bicchiere di brodo di carne
2 rametti di rosmarino
2 cucchiai di verdure per soffritto
olio extravergine d’oliva
sale, pere q.b.
Preparazione per maccheroni con salsiccia
Sbricciolate la salsiccia dopo averla privata della pellicina e fatela rosolare in un tegame con le verdure del soffritto, qualche ago di rosmarino e 2 cucchiai di olio. Cuocete per 5 minuti mescolando, unite la pancetta e, sempre mescolando, soffriggetela finchè diventerà dorata e croccante.
Irrorate con il vino e sfumate a fuoco dolce.
Quando sarà evaporato, versate il concentrato e il brodo, regolate di sale, insaporite con una macinata di pepe e proseguite la cottura ancora 15 minuti.

1688548_892072914190967_9203953071013243373_n-300x225 Maccheroni con salsiccia lucanica lucana
In una pentola, portate ad ebollizione l’acqua, cuocete i maccheroni poi scolate la pasta e trasferitela nella padella con il ragù di salsccia mescolandoli con il condimento per qualche instante, perchè si insaporiscano.Serviteli, a piacere,con del parmigiano reggiano grattugiato fresco e buon appetito con i maccheroni con salsiccia.
10987505_892072984190960_5834820611859323016_n-300x225 Maccheroni con salsiccia lucanica lucana Visitate il mio blog quì
pagina fb

 

 

share_save_120_16 Maccheroni con salsiccia lucanica lucana

Testina di agnello al forno piatto lucano

share_save_120_16 Testina di agnello al forno piatto lucano

Testina di agnello al forno piatto lucano

10678451_891467617584830_1577342553579559278_n Testina di agnello al forno piatto lucano

Testina di agnello al forno piatto lucano

Testina di agnello al forno Come da tradizione i lucani molto spesso amano cucinare  i piatti a basa di carne d’agnello, come l’interiora,( fegato, polmone, e cuore, non è altro che un piccoli involtini avvolto nella reticella dell’ agnello stesso e legato con le budella. che in dialetto chiamano i gnumadedd) e la testina di agnello al forno che solitamente viene cosparsa di  pangrattato e erbe aromatiche. 

Ingredienti per 2 persone

  • 1 testina di agnello
  • 40 gr di pecorino grattugiato
  • 30 gr di mollica di pane grano duro
  •  1 spicchio di aglio
  • olio extra vergine di oliva
  • sale, pepe q.b.
  • prezzemolo tritato
  • salvia e rosmarino
  • 1 bicchiere di vino bianco

Preparazione per testina di agnello al forno

  • Fate tagliate a metà la testina di agnello dal vostro macellaio.
  • Lavatela  molto bene togliete la cartilagine e lasciate occhi e lingua.
  • Lasciatela in acqua fredda per un’ora cambiando l’acqua un paio di volte, lasiatela immersa per le ultime 10 minuti in acqua e vino bianco.
  • Per ottenere una testina più morbida e ben rosolata fate questo passaggio di pre cottura, In una pentola  portate a bollere dell’acqua e tuffateci la testina di agnello, lasciatela cuocere per 10 minuti.
  • Scolate la testina di agnello dall’acqua, disponete la testina su una teglia da forno unta con olio, mettete la parte tagliata verso l’alto, cospargete la superficie e le cavità della testina con un mix di mollica, aglio, prezzemolo, origano, pecorino, sale e pepe; aggiungete i pomodori tagliati, l’olio extra vergine d’oliva mezzo bicchiere di vino bianco salvia e rosmarino.
  • Mettere in forno caldo a circa 200 gradi e far cuocere per circa un 30 minuti fino ad ottenere una testina bella dorata.
  • Potete aggiungere in cottura delle patate tagliate a tocchetti per arricchire il piatto. Servite con i pomodori e patate la vostra testina di agnello al forno.   Seguitemi blog     Pagina fb
share_save_120_16 Testina di agnello al forno piatto lucano

Pastiera napoletana ricetta tradizionale

share_save_120_16 Pastiera napoletana ricetta tradizionale

Pastiera napoletana ricetta tradizionale

1560640_788632994482625_2886445798066840616_n Pastiera napoletana ricetta tradizionale

Pastiera napoletana ricetta tradizionale

La pastiera napoletana questa e la ricetta tradizionale.E’ un dolce tradizionale della cucina  del sud meridione,viene preparato in occasione della Pasqua.

INGREDIENTI

Per la pasta frolla

125 g burro
250 g farina
1 tuorlo d’uovo
100 g zucchero

Per il ripieno
250 g grano bollito nel latte
350 g di ricotta
350 g zucchero
4 uova
1 cucchiaino di cannella
80 g di frutta candita
1 buccia limone grattugiata
1 bustina essenza di vaniglia in polvere

Procedimento per la vostra pastiera napoletana
Per la pasta frolla
Preparare la pasta frolla tagliando il burro (appena tolto dal frigo e ben freddo) in piccoli pezzi, setacciare la farina con un pizzico di sale e metterla sul tavolo a fontana, impastare velocemente con il burro. Quindi aggiungere lo zucchero, i tuorli d’uovo e impastare lbrevemente per ottenere un impasto omogeneo. Avvolgere l’impasto con la pellicola trasparente e lasciare riposare in frigorifero per almeno un’ora.

Per il ripieno
Setacciare la ricotta, aggiungere i 4 tuorli d’uovo e mescolare incorporando anche la cannella, la scorza di limone grattugiata e l’essenza di vaniglia in polvere. Unire poi i chicchi di grano bollito e aggiungere la frutta candita. Infine montare a neve gli albumi con lo zucchero e poi amalgamarli alla crema di ricotta delicatamente. Stendere la pasta frolla nella teglia fino ai bordi. Aggiungere il ripieno. Decorare la superficie della pastiera napoletana con striscioline tagliate di pasta frolla. Cuocere la torta a 180 ° C per circa 50 minuti, fino a quando la parte superiore è dorata. Terminare spolverando con zucchero a velo. E buon appetito con la pastiera natoletana. Visitate anche la mia pagina

 

share_save_120_16 Pastiera napoletana ricetta tradizionale

Piccillato di pasqua tipico pane lucano.

share_save_120_16 Piccillato di pasqua tipico pane lucano.

Piccillato di pasqua tipico pane lucano

1003497_604404876291107_1194561122_n1 Piccillato di pasqua tipico pane lucano. Piccillato di pasqua

Il piccillato di pasqua  E’ una ricetta tipica lucana che si prepara il periodo pasquale,che potete preparare il giorno prima di Pasqua e poi portarlo in tavola.

Ingredienti

1kg di farina tipo “00”
6 uova per l’impasto
1cubetti di lievito di birra
300gr di strutto sciolto
1 bicchiere di vino bianco secco
1 bicchiere di latte
1 cucchiaio scarso di sale

Procedimento per un picillato di pasqua
Mettere la farina settacciata su una spianatoia,fate un buco in centro e fate sciogliere il lievito  con un po di latte, aggiungeteci le uova, lo strutto il vino ed il sale ed impastate insieme gli ingredienti fino a quando il composto non si e amalgamato, impastate fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico.Lasciar lievitare per un paio d’ore in un luogo caldo.
Quando la pasta ha raggiunto il doppio delle sue dimensioni lavorarla con olio o sugna.  Dividere l’impasto in 2 parti uguali e formare due rotoli di uguale lunghezza  ed intrecciarlo
Arrotolare  e formare una corona, qui prende il nome il piccillato  metterlo in una teglia precendentmente imburrata e infarinata cospargere i semi di sesamo e lasciar lievitare il piccillato di pasqua ancora per 2 ore.
Infornare in forno già caldo, a 170°c, per 45 minuti. Un’alternativa per preparare  il piccillato di pasqua  e di aggiungere del formaggio e del salame allinterno della treccia. Il piccillato di pasqua è abbastanza semplice da preparare, però la preparazione è lunga perchè servono circa 4 ore di lievitazione più quella della cottura. Qui potete gustarvi un’altra rivìcetta ancora più golosa.

share_save_120_16 Piccillato di pasqua tipico pane lucano.

Scarcella Pasquale tipicamente lucana…

share_save_120_16 Scarcella Pasquale tipicamente lucana...

Scarcella Pasquale tipicamente lucana

18682_881521551912770_4063898478579892847_n Scarcella Pasquale tipicamente lucana...

Scarcella Pasquale tipicamente lucana ricetta facile

Vi propogo la ricetta per la scarcella , visto che si avvicina il giorno di Pasqua e con questo dolce voglio continuare il mio viaggio alla scoperta dei piatti tradizionali che si preparano in lucania  in questo periodo Pasquale.. Questo dolce Sarebbe una sorta di pasta frolla intrecciata e arrotondata, detta anche  (scarcella), che può assumere le forme più svariate (cestini, conigli, colombe, cuori…) Viene ricoperta con glassa bianca su cui poi vengono adagiati  delle codette di zucchero multicolore, oppure liscia senza classa.

INGREDIENTI per 2 scarcella pasquale

  • 400 gr di zucchero
  • 1 kg di farina 00
  • 2 bustine di lievito per dolci
  • 250 gr di burro o margarina
  • 6 uova per la pasta frolla
  • uova a piacere per la decorazione
  • un pizzico di sale
  • 1 limone grattugiato non trattato
  • latte per spennellare.
  • PROCEDIMENTO

Su una spianatoia mescolate farina, zucchero, lievito e un pizzico di sale. Formate un buco al centro rompeteci le uova, la scorza di limone grattugiata, il burro se è necessario il latte tiepido, impastate velocemente e amalgamando  il tutto, fino a ottenere un impasto morbido e soffice. Se necessario, aggiungete un altro po’ di latte. Formate un panetto avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare per 30 minuti a temperatura ambiente.

10478355_881539808577611_4470847921033006568_n-300x225 Scarcella Pasquale tipicamente lucana... 11081315_881539835244275_2254762858227411353_n-300x225 Scarcella Pasquale tipicamente lucana...
Intanto accendete il forno a 180°C così da preriscaldarlo. Per ottenere una scarcella pasquale suddividete l’impasto in tre parti uguali (250 gr al pezzo)  e formate dei cordoncini lunghi 30 cm e modellate una grossa treccia da chiudere a forma di corona. Prendete le uova lavatele bene ed asciugate, incapsulatele, con il guscio, nella treccia, con la frolla formate dei bastoncini e formate una griglia sopra le uova.

11021267_881539925244266_5273855224166709061_n-300x225 Scarcella Pasquale tipicamente lucana... 10246806_684467604951500_1453038607_n-225x300 Scarcella Pasquale tipicamente lucana...
A questo punto  spennellate sulla treccia il latte e ricoprite con le codette di zucchero colorato.. Infornate a 180°C per circa 40 minuti.sfornare e lasciare raffreddare. Con queste dosi si ottengono 2 scarcelle Pasquale da 750 grammi l’una, oppure 3 scarcelle se le fate  più piccole,lascio a voi la fantasia.

883776_500744479990481_462825472_o-300x185 Scarcella Pasquale tipicamente lucana... 11102772_881402088591383_2361877840452872487_n-300x225 Scarcella Pasquale tipicamente lucana...

share_save_120_16 Scarcella Pasquale tipicamente lucana...

Calzone con salame tipico lucano ricetta

share_save_120_16 Calzone con salame tipico lucano ricetta

Calzone con salame tipico lucano ricetta

2013-03-24-19.15.36 Calzone con salame tipico lucano ricetta Calzone con salame

La ricetta del calzone con salame rappresenta un piatto tipico della lucania che si prepara in occasione della Santa Pasqua. Questa che oggi vi propongo è con il salame tipico lucano.

Per la pasta

1 kg di farina 00
400 ml di acqua
20 gr di lievito di birra,
sale q.b.

Per il ripieno
500 gr salame luganega tipico lucano

2 uova +1 per spennellare
200 gr di formaggio tipo toma

Preparazione  per la pasta dei calzone con salame

Procedimento
Mettere la farina con cinque  grammi di sale  su una spianatoia, fare un buco al centro e mettervi il lievito.
Riscaldare l’acqua in un pentolino ed aggiungerla lentamente al lievito fino a quando non si scoglie. A questo punto aggiungere lentamente il resto della farina e amalgamare il tutto, fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico.Lasciar lievitare per un paio d’ore in un luogo caldo.

Intanto che la pasta lievita preparate il ripieno. Sbricciolate il salame morbido in una ciotola, aggiungete le due uova leggermente sbattute il formaggio tipo toma tagliato a dadini e mescolate tutti gli ingredienti e  amalgamate bene il composto.

Quando la pasta ha raggiunto il doppio delle sue dimensioni (due ore) stendetela sul piano da lavoro con le mani, tagliate la  pasta in pezzi  del peso di 100 grammi l’una. Con il matterello,
stendete la pasta in un diametro di circa 20 centimetri metti sulla metà del disco il ripieno richiudi con l’altra metà di pasta per formare una mezza luna tipico calzone e sigillate bene per evitare che fuoriesca il ripieno durante la cottura, spennellate la superfice con l’uovo sbattuto e infornate a 200 gradi per 20 minuti o fino a quando saranno dorati. Lasciate intiepidire e poi buon appetico con il calzone con salame lucano. Ci sono altre alternative per preparare i calzoni, es.con bietole, ricotta. preparate in occasione della Pasqua. Ma oggi preparate il calzone con salame. Leggete anche quì

share_save_120_16 Calzone con salame tipico lucano ricetta

Lampascioni in padella piatto lucano….

share_save_120_16 Lampascioni in padella piatto lucano....

Lampascioni in padella piatto lucano….

222_pixiz Lampascioni in padella piatto lucano.... Lampascioni in padella con paprica

Il piatto che vi propongo oggi sono i lampascioni in padella con paprica. Un piatto tipico lucano e del sud Italia. I lampascioni  si riconoscono dal carettesistico e inconfondibile sapore amarognolo. Il lampascione non’è altro che un bulbo, ricco di sali minerali e che cresce a 12-20 cm circa nel sottosuolo, è simile a una piccola cipolla di sapore amarognolo ed è consumato specialmente nell’Italia meridionale; particolarmente in Basilicata e Puglia.

  • INGREDIENTE per 4 persone
  • 500 gr di lampascioni
  • 4 cucchiai d’olio extravergive d’oliva
  • 1 cucchiaio di paprica
  • sale, pepe q.b
  • PROCEDIMENTO PER I lampascioni in padella
  • lampascioni sono sporchi di terra, privateli dalle radici e con un coltellino sbucciate i lampascioni come una normale cipolla, lavateli a lungo e con cura sotto il getto dell’acqua corrente, strofinandoli tra loro in modo da eliminare ogni impurità.
  • Una volta lavati i lampascioni, tagliateli per il senso della lunghezza.
  • In una padella mettete a riscaldare un po d’olio aggiungete i lampascioni il sale e un po di pepe.
  • Lasciate cuocere a fiamma bassa, rigirateli spesso con un cucchiaio di legno, se è necessario aggiungete un po d’acqua e portare a cottura.
  • Quando sono cotte schiacciateli con una forchetta aggiustate di sale, pepate e aggiungete un cucchiaio di paprica, e lasciate cuocere ancora  per qualche minuto. Servite caldo questo ottimo contorno dal sapore unico che hanno solo loro iLampascioni in padella.
 222-150x150 Lampascioni in padella piatto lucano....
share_save_120_16 Lampascioni in padella piatto lucano....

Pizza alla lucana ricetta facile facile.

share_save_120_16 Pizza alla lucana ricetta facile facile.

Pizza alla lucana

11071151_873822092682716_3541028502496089009_n Pizza alla lucana ricetta facile facile. Pizza alla lucana

Ingredienti
500 GR DI FARINA 00
300 GR DI FARINA MANITOBA
200 GR DI FARINA DI GRANO DURO
1 CUBETTO DI LIEVITO DI BIRRA
3 CUCCHIAI DI OLIO EVO
1 CUCCHIAIO DI SALE
1 CUCCHIAINO DI ZUCCHERO

Per la farcia della pizza alla lucana  500 gr di pomodori, mozzarella per pizza q.b.

Preparazione pizza alla lucana
Versiamo le farine, mescolata al sale zucchero OLIO sulla spianatoia. Mettiamo il lievito di birra e un pò di acqua tiepida, e lasciamolo sciogliere al centro della farina. Cominciamo ad incorporare la farina agli ingredienti nel centro aggiungendo di mano in mano un pò di acqua tiepida. Bisogna ottenere un impasto morbido, facile da lavorare e liscio. Lavoriamolo energicamente fino a quando non si stacca qualsiasi traccia di impasto dalle dita. La pasta deve essere a questo punto morbida ma anche elastica. Formiamo una palla, copriamola con un tovagliolo e lasciamola lievitare in un luogo tiepido, al riparo da correnti d’aria, per circa 3 ore. Trascorso il tempo stabilito spendere la pasta nella teglia unta con un filo d’olio,  farcire con pomodori a pezzi mettiamo la mozzarella un po di origano, mettiamo ancora un filo d’olio e cuocere la pizza alla lucana in forno a 250 gradi per 20 minuti. Lascio a voi la fantasia per farcire a vostro pizza alla lucana.

Trovate quì altre ricette

share_save_120_16 Pizza alla lucana ricetta facile facile.

Frittelle Dolci Lucane ricetta originale

share_save_120_16 Frittelle Dolci Lucane ricetta originale

Frittelle Dolci Lucane ricetta originale

1463648_623929154338679_333782597_n Frittelle Dolci Lucane ricetta originale

Frittelle Dolci Lucane

Qeste frittelle sono tipici della cucina lucana. Sono frittelle molto facili da realizzare

Ingredienti
150 gr di farina bianca
1 cucchiaio colmo di semolino
1 foglia di alloro
3 cucchiai di olio d’oliva
1/2 litro di acqua
olio per friggere
zucchero a velo e sale
Preparazione: per frittelle dolci lucane
In una casseruola portate ad ebollizione l’acqua con un pizzico di sale, la foglia di alloro e l’olio d’oliva. Togliete la casseruola dal fuoco, versate in una volta sola la farina mischiata omogeneamente con il semolino e mescolate il tutto con un cucchiaio di legno. Mettete nuovamente la casseruola sul fuoco e fate cuocere a fiamma bassa per circa 10 minuti, rimescolando a 8 in modo da passare sempre per il centro della casseruola. Quando il composto sarà liscio e compatto, eliminate l’alloro, e versatelo su un piatto largo leggermente bagnato o unto, livellatelo con una spatola e lasciatelo raffreddare. Tagliate la pasta a rombi e friggeteli in olio caldo. Appena le frittelle dolci lucane saranno dorate, mettetele a scolare su carta assorbente da cucina, quindi disponetele su un piatto, spolverizzate con lo zucchero a velo e servite le vostre frittelle dolci lucane.

share_save_120_16 Frittelle Dolci Lucane ricetta originale

Involtini di cotica piatto tipico lucano

share_save_120_16 Involtini di cotica piatto tipico lucano

Involtini di cotica piatto tipico lucano

11002042_863068947091364_623485623_o Involtini di cotica piatto tipico lucano

Involtini di cotica

Oggi voglio proporvi un classico  piatto della antica tradizione contadina lucana, gli involtini di cotica di maiale, che venivano allevati nel territorio lucano. Siccome che dal maiale non veniva buttato via nulla conservavano anche la pelle (cotica, o cotenna)  del maiale. La cotica del maiale veniva fatta a pezzi piccoli, ben ripuliti e insaporiti con aglio, prezzemolo, pepe, formaggio, avvolta e legata con lo spago,e formavano gli involtini. Quindi venivano appesi su pertiche di legno e lasciati asciugare in un locale dotato di focolare. Una volta asciugati, gli involtini di cotica venivano consumati subito o conservati sotto sugna. Poi preparavano la Ncantarat’,  testa di maiale, un piedino, le orecchie, il susino le cotenne e venivano messi in grandi vasi di terracotta e con del sale grosso. Le cotiche venivano accompagnate con la verdura tipo verze, o cicorie. La carne, prima di essere cotta veniva grattata da eventuali impurità, quindi lavata e messa a bagno in acqua fredda in ambiente fresco per 3 o 4 giorni , cambiandola almeno due o tre volte al giorno.
Le cotiche si metteva a bollire in acqua fredda con i soliti classici odori del bollito, cipolle, carote e sedano, si faceva cuocere ,si aggiungevano le verdure la ( NNugghie o NNuglia o Pezzente)  la chiamano nei d’ intorni di Potenza, una salsiccia poverissima fatta con tutte le rimanenze della lavorazione del maiale) e si lasciava cuocere piano, piano in pignata di terracotta vicino alla brace del focolare.. Oggi siccome che stiamo attenti alle calorie e ai grassi ho semplificata questa ricetta.

Ingredienti

cotica di maiale 4 fette
2 cucchiai di Prezzemolo
2 spicchi di Aglio.
Formaggio grattugiato q.b.
Sale, pepe
Mezza cipolla
400 gr di fave
Basilico
passata di pomodoro
mezzo bicchiere di vino bianco

Preparazione

Pulite molto bene la cotica e lavatela.
Tagliate la cotica in rettangoli di circa 10 x 7 cm,
allargatela su un piano da lavoro.
Preparate il formaggio grattugiato, il sale, il peperoncino, l’aglio e il prezzemolo tritato.
Farcite la cotica, con gli ingredienti preparati , arrotolate per formare gli involtini, legate gli involtini con dello spago da cucina. .
Intanto in una padella mettete a rosolare la cipolla nell’olio,aggiungete gli involtini di cotica e fate cuocere per circa un’oretta. Lessate la verza e quando è cotta versatela nella padella con gli involtini e fate cuocere ancora per quanche minuto, sono pronti i vostri involtini di cotica

share_save_120_16 Involtini di cotica piatto tipico lucano

Fusilli con mollica piatto tipico lucano

share_save_120_16 Fusilli con mollica piatto tipico lucano

Fusilli con mollica piatto tipico lucano

11000001_860888213976104_927511350_o Fusilli con mollica piatto tipico lucano

Fusilli con mollica piatto tipico lucano

Fusilli con mollica è un piatto tradizionale della cucina lucana   Questo piatto è la preparazione lucana più povera. Si prepara facendo soffriggere in una padella con olio extravergine d’oliva aglio e mollica di pane di grano duro raffermo abbrustolito, piatto facilissimo da preparare.
Si scolerà quindi la pasta già salata (solitamente fusilli fatti in casa) e la si salterà in padella insieme alla millica bella croccante.
Il piatto fumante andrà infine condito con altra mollica , e olio di peperoncino piccante, macinato, quindi portato in tavola. Andiamo ora a preparare i fusilli con mollica

Ingredienti per 4 persone

400 gr di fusilli fatti in casa
4 cucchiaini Olio di oliva
2 spicchi Aglio
200 gr di mollica raffermo di grano duro e sbricciolato
Procedimento per i fusilli con mollica
Mettete a bollire una pentola di acqua, e quanbo prende bollore aggiungete i fusilli. Nel frattempo preparate il soffritto: Sbucciate l’aglio e fatelo dorare in una padella con l’olio, levatelo una volta cotto. Sbricciolate la mollica aggiungete un cucchiaio di paprica e mescolate. Agguingete la mollica di pane sbricciolato nell’olio dove avete dorato l’aglio e fate tostare per meno di un minuto. Cuocere i fusilli, scolate i fusilli  al dente e mantecateli nella padella con la mollica, se vi risultasse troppo asciutta aggiungete un po di olio evo. Servite con altra mollica abburstolita e peperoncino.  Ricetta per I fusilli,

450 gr Farina di semola
200 acqua tiepida un pizzico
di sale
Preparazione: per i maccheroni o fusilli fatti in casa
Mettete la farina sulla spianatoia e versare al centro l’acqua tiepida,e un pizzico di sale(vi consiglio di aggiungere l’acqua un po per volta, impastare per 10 minuti  fino ad ottenere un impasto morbido e omogeneo. Formare dei “bastoncini” che taglierete a tocchetti di circa 5 cm di lunghezza,e 1/2 cm,di diametro. con un ferro o uno stecchino da spiedino  Fate una piccola  pressione sui bastoncini e   tirateli prima verso di voi, e poi indietro a questo punto avrete i vostri fusilli fatti in casa.

share_save_120_16 Fusilli con mollica piatto tipico lucano

Lagane e ceci tradizione cucina lucana..

share_save_120_16 Lagane e ceci tradizione cucina lucana..

Lagane e ceci tradizione cucina lucana..

10998166_857660054298920_163992622_o Lagane e ceci tradizione cucina lucana..

Ricetta piatto lucano : lagane e ceci

Il piatto che vi  presento oggi è tipico della tradizione  contadina  meridionale, più precisamente di quella  lucana e anche calabrese (lagane e cicciari, lagane e cirici, lagane e ceci).

Ingredienti per 4 persone

300 gr di ceci

400 gr di lagane fatte in casa

2 spicchi di aglio

un mazzetto di salvia e rosmarino

mezza cipolla,

un gambo di sedano

sale,olio,peperoncino

Procedimento per le lagane e ceci

Mettete i ceci a bagno la sera prima in acqua con mezzo cucchiaino di bicarbonato e poi la mattina seguente sciacquateli e metteteli a cuocere in acqua fredda con l’aggiunta della cipolla, aglio, sedano,un mazzetto di salvia e rosmarino legati con dello spago da cucina. Quando  i ceci hanno raggiunto il giusto grado di cottura,toglietene la metà e  schiacciatele con una schiumarola rimettetele insieme nella pentola con i ceci interi  e lasciate cuocere a fiamma bassa per ancora 5 minuti. Ora prepariamo le lagane che sono delle tagliatelle larghe

Mettete la farina sulla spianatoia, fate la fontana, versarvi al centro un pizzico di sale e  impastate con tanta acqua tiepida quanto basta per ottenere una pasta liscia; lavorarla energicamente ancora per qualche minuto, poi usando il matterello, stendete la pasta facendo una sfoglia sottile. Lasciatela asciugare un poco e tagliatela a lagane (tagliatelle larghe) le lagane sono delle tagliatelle molto larghe, un po più larghe delle classiche papardelle

11001187_857649570966635_1797170045_o-300x179 Lagane e ceci tradizione cucina lucana.. 11002283_857650467633212_1764532084_o-300x225 Lagane e ceci tradizione cucina lucana..

In una pentola di acqua salata e bollente cuocete le lagane, scolatele  al dente, versate la pasta in una terrina, unite i ceci (ben scolati).  In una padellina con dello strutto rosolate uno spicchio d’aglio e un pizzico di peperoncino, mescolate insieme a le lagane e ceci e servite questo piatto leggero sapori e molto gustoso.Buon appetito con le lagane e ceci della lucania. Accompagnato con un buon vino lucano

share_save_120_16 Lagane e ceci tradizione cucina lucana..

Piatti tipici della nostra lucania bella

share_save_120_16 Piatti tipici della nostra lucania bella

Piatti tipici della nostra Lucania

Piatti tipici lucane

E’ questa terra che, secondo la tradizione, ha dato i natali alla pasta: lavorata a mano, fatta con la sola farina di grano duro, acqua e sale dà origine a fusilli, lasagne, maccheroni, cavatelli, calzoni, orecchiette. La lucania vanta inoltre la creazione della salsiccia (detta anche, non a caso, lucanica). La salsiccia lucana è considerata pregiata, per intenditori, e viene consumata fresca oppure invecchiata. stagionata sott’olio. Un ruolo importante nella cucina lucana viene giocato dalla verdura, utilizzata sia come accompagnamento di pasta o legumi, come primo piatto o singolarmente, come piatto unico. L’olio extravergine della Basilicata, oltre ad essere anch’esso immancabile in tutta la cucina tipica locale, è considerato dagli esperti una vera e propria raffinatezza: poca produzione, ma altissima qualità. Importante anche il ragù lucano, preparato con tre tipi di carni, suina, di agnello e capretto, e sugo di pomodoro.

10923277_841730019225257_8339162202810942602_n-286x300 Piatti tipici della nostra lucania bella 10462496_840497969348462_385325441269617560_n-300x245 Piatti tipici della nostra lucania bella 10920904_840497836015142_2546454933169017769_n-300x219 Piatti tipici della nostra lucania bella

pixel Piatti tipici della nostra lucania bella
share_save_120_16 Piatti tipici della nostra lucania bella