Pollo alle mandorle semplice e gustoso

Share

Pollo alle mandorle

 pollo alle mandorle

Prepariamo un secondo piatto di petto si pollo alle mandorle un piatto molto conosciuto nella cucina cinese.Io ho vi propongo la mia versione semplice e gustoso.

Pollo alle mandorle

Prepariamo un secondo piatto di petto si pollo alle mandorle un piatto molto conosciuto nella cucina cinese.Io ho vi propongo la mia versione semplice e gustoso.

Ingredienti per 4 persone

300 gr di petto di pollo
1 albume
2 cucchiai di amido di mais
1 cucchiaino si salsa di soia
1 porro affettato
1/2 tazza di mandorle
1 cucchiaino per ciascuno dei seguenti ingredienti: (amido di mais,salsa di soia, sakè, zucchero, zenzero frattugiato, un pizzico di curry)

Preparazione

Tagliate il petto di pollo a dadini, salatelo, passatelo prima nell’ albume e poi nell’ amido di mais.
Tritate finemente le mandorle spellate, affettate il porro e tagliate a dadini una carota.
Mettete a soffriggere in una padella antiaderente il porro affettato unite una carota tagliata a dadini piccoli il petto di pollo, e la mandorle intere, rigirateli per qualche minuto e quando il pollo sarà dorato sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco secco fate evaporare abbassate la fiamma e lasciate cuocere il tutto per pochi minuti.
Poi unite una salsa ottenuta amalgamando lo zucchero, l’amido, con il sakè, la salsa di soia, lo zenzero, un pizzico di curry e due cucchiai di acqua.
Quando la salsa sarà densa servite il pollo con le mandorte tritate.

Con la stessa preparazione potete unilizzare anche la carne di manzo. Si possono sostituire le mandorle con le noci, oppure le arachidi. Piatto molto conosciuto nella cucina cinese ma la possiamo assaporare anche preparandola con le nostre mani e magari personalizzarla a nostro piacimento.

Pollo alle mandorle semplice e gustoso

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan page di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Share

Arrosto ripieno di castagne prugne e pinoli

Share

Arrosto ripieno di castagne prugne e pinoli

Arrosto ripieno di castagne prugne e pinoli

Arrosto ripieno di castagne prugne e pinoli

Oggi prepariamo insieme un arrosto ripieno di castagne prugne e pinoli molto semplice da realizzare. Una tasca di carne con un interno morbido di carne trita castagne prugne e pinoli

Ingredienti per 4 persone

800 gr di noce di vitello
200 gr di carne trita
200 gr di castagne cotte
100 gr di prugne secche
50 gr di pinoli
una manciata di prezzemolio tritato
1 uovo
50 gr di parmigiano
sale, pepe q.b.
brodo q.b.
un bicchierino di brandy
50 gr di burro

Preparazione

Fate una incisione nella carne formando una tasca, oppure fate tagliare una fetta unica dal vostro macellaio.
Preparate la farcia nel modo seguente: mettete in una terrina la carne trita, l’uovo, il parmigiano grattugiato, il prezzemolo, le castagne cotte e sminuzzate, le prugne tagliate, i pinoli, sale e pepe.
Amalgamate bene e introducete il composto nell’apertura della carne, poi ricucite con ago e filo incolore.
Se preferte potete utilizzare una fetta unica, disponete la farcia su tutta la fetta di carne arrotolatela e legate tutto l’arrosto con della spago da cucina per evitare che si deformi, se utilizzate la tasca riempitela con il ripieno e cucite l’estremità con del filo bianco di cotone.
Adagiate l’arrosto in una pirofila imburrata, irrorate con l’olio extravergine di oliva, fate dorare da tutti i lati, quindi spruzzatelo con il brandy, salate e pepate.
Bagnatelo con un mestolo di brodo caldo e continuate la cottura per due ore circa.
Passato questo tempo, lasciate raffreddare l’arrosto ripieno di castagne prugne e pinoli prima di tagliarlo a fette, e servite con( funghi trifolati facoltativo)  e un’insalata mista

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan page di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Share

Polpette speziate con cipollotti

Share

Polpette speziate con cipollotti

Polpette speziate con cipollotti

Polpette speziate con cipollotti

Le polpette si sa piaciono un pò a tutti dai grandi ha i più piccini, e per questo oggi voglio proporvi queste squisite polpette speziate con cipollotti.

Ingredienti per 4 persone:Difficoltà: facile – Preparazione: 25 minuti -Cottura: 12 minuti

  • 400 grammi di carne di manzo macinata
  • 1uovo,
  • 50 gr di grana padano
  • pane grattugiato q.b.
  • un pezzetto di zenzero fresco
  • un ciuffetto di prezzemolo tritato
  • 4 cipollotti
  • 2 carote
  • 2 foglia di alloro
  • 2 foglia di salvia
  • 1rametto di rosmarino
  • mezzo bicchiere di vino rosso
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • noce moscata q.b.
  • farina q.b.
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale e pepe q.b.

Procedimento:

Mettete la carne trita in una terrina, unite l’uovo, lo zenzero grattugiato fresco, il prezzemolo tritato, una grattugiata di noce moscata, il formaggio grattugiato, il pangrattato,sale e pepe.
Amalgamate il tutto e, formate delle polpette, infarinatele leggermente compattandole con le mani.
Trasferite le polpette in una pirofila con un filo di olio extravergine di oliva e fate cuocere in forno a 180°c circa 10 minuti.
Mondate i cipollotti e affettateli, pelate le carote e tagliatele a bastoncini.
Cuocete i cipollotti e le carote in un tegame, con un cucchiaio di olio extravergine di oliva, la salvia, l’alloro e il rosmarino.
Dopo 5 minuti di cottura aggiungete il vino bianco e il vino rosso, salate pepete e amalgamate il tutto, quindi fate cuocere per 15 minuti, in modo che il fondo di cottura si asciughi.
Versate la salsa di cipollotti sulle polpette e fate riposare per 30 minuti. Irrorate con un filo di olio a crudo prima di servire. Le vostre polpette speziate con cipollotti sono ora da gustare.

Polpette speziate con cipollotti

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan page di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Share

Pane con pomodori secchi fatto con lievito madre

Share

Pane con pomodori secchi fatto con lievito madre

Pane con pomodori secchi fatto con lievito madre

Pane con pomodori secchi, fatto con lievito madre. Ottima idea per un aperitivo o accompagnato a un antipasto. Ottimo anche per una scampagnata con amici.

 

Pane con pomodori secchi fatto con lievito madre

Pane con pomodori secchi, fatto con lievito madre. Ottima idea per un aperitivo o accompagnato a un antipasto. Ottimo anche per una scampagnata con amici.

Ingredienti

200 gr di lievito madre
1 kg di farina tipo 1
500 gr di passata di pomodoro
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
1 cucchiaino di sale
10/15 pomodori secchi
2 cucchiai di olio extravergine di oliva

Preparazione

In una planetaria versate la farina, unite il lievito madre e incominciate ad impastare, versate il concentrato e la passata di pomodoro, il sale e 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, azionate la planetaria e fate impastare fino ad ottenere un’impasto morbido e lisco.
coprite con un canovaccio e fate lievitare tutta la notte.
La mattina seguente dividete l’ impasto in due parti uguali e formate due filoncini.
Imburrate e infarinate una teglia a forma di ciambella, sistemate un filoncino sulla base della teglia distribuite i pomodori secchi sott’olio ben tamponati con carta assorbente da cucina per eliminare l’olio in eccesso.
Sistemate il secondo filoncino sui pomodori, fate aderire bene sui bordi, spennellate con un po di olio la superficie e lasciate lievitare l’impasto in luogo tiepido per 4-5 ore.
Fate riscoldare il forno a 200°c e infornate il vostro pane con pomodori secchi per 20 minuti, poi abbassate a 180°c e lasciate cuocere per altri 10 minuti.
Qualche consiglio: Potete utilizzare 500 gr di farina 00 e 500 gr di farina di semola di grano duro o manitoba. Versate la passata di pomodoro un po per volta cosi tenete sotto controllo la morbidezza dell’impasto, se vedere che l’impasto e un po duro aggiungete altra passata, (io non ho utilizzato acqua ma solo passata di pomodoro).

Pane con pomodori secchi fatto con lievito madrePane con pomodori secchi fatto con lievito madre

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan page di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Share

Quiche di topinambur e porro per le feste di natale

Share

Quiche di topinambur e porro

Quiche di topinambur e porro per le feste di natale

Quiche di topinambur e porro un tortino molto semplice da preparare.

Quiche di topinambur e porro

Oggi vi do in’idea par l’antipasto per le feste di natale, questa quiche di topinambur e porro un tortino molto semplice da preparare. Potete prepararlo in anticipo anche il giorno prima poi tagliarlo a quadrotti e prima di servire passate a riscaldare in forno.

Ingredienti
4 uova, leggermente sbattuto
un pizzico di pepe
3 topinambur
2 porri
40 gr di pancetta
100 gr di formaggio emmental
50 gr di parmigiano grattugiato
un rotolo di pasta sfoglia
Preparazione

In una ciotola, mescolare uova, sale e pepe; e mettere da parte. In una padella sofriggere il porro e il topinambur lavato e affettato sottilmente, aggiungere la pancetta tagliata a striscioline e fare dorare per 15 minuti, fare raffreddare.Versare nel composto di uova i formaggi il porro con il topinambur e la pancetta. Rivestire uno stampo con la pasta sfoglia. Versare il composto nello stampo livettare bene chiudere con la pasta che fuori esce dallo stampo e cuocere 20 minuti o fino a quando non risulta dorato.. Lasciare riposare per 10 minuti; tagliare a spicchi prima di servire la

quiche di topinambur e porro.

Il topinambur è anche conosciuto come rapa tedesca ha un sapore delicato e dolciastro che ricorda quello del carciofo ed ecco perchè viene anche chiamato carciofo di gerusalemme. Il topinambur è un tubero e la sua pianta appartiene alla famiglia della Asteracee. Il fiore del topinambur sembra quello della margherita gialla. Se ne volete sapere di più cliccate QUì

Vi invito a visitare le pagine di ricette per il menù di natale e capodanno.

Quiche di topinambur e porro per le feste di natale

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan page di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!
 

 

Share

Capesante gratinate al bacon -ricetta di Natale-

Share

Capesante gratinate al bacon -ricetta di Natale-

Capesante gratinate al bacon -ricetta di Natale-

Capesante gratinate al bacon secondo piatto molto sfizioso, un piatto veloce da realizzare.

Capesante gratinate al bacon -ricetta di Natale-

Che ne dite se per la vigilia di Natale facciamo questo sfizioso secondo? Capesante gratinate al bacon

Ingredienti per 4 persone

  • 12 polpe di capesante
  • 12 gusci di capesante
  • 1 fetta spessa di pancetta affumicata (o bacon)
  • 6 cucchiai di pan grattato
  • 1 spicchi di aglio
  • prezzemolo q.b.
  • germogli  di bietola rossa per decorare
  • burro
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

Staccate il mollusco dalla conchiglia, pulite e sciaquate sotto l’acqua corrente le capesante, dopo averle asciugate bene con carta assorbente da cucina, conditele con sale, pepe e tenetele da parte.

Frullate il pane raffermo di due giorni  con uno spicchio d’ aglio, una manciata di prezzemolo, un pizzico di sale e un paio di cucchiai di olio extravergine di oliva, tagliate finemente il bacon a coltello, poi mescolatelo insieme al pangrattato aromatizzato.

Adagiate la polpa delle capesante dentro le conchiglie, mettete sopra ad ogni capesanta un ricciolo di burro, cospargete con abbondante pangrattato e infornate a forno caldo180° per 10/15 minuti.

Servite le capesante gratinate al bacon ben calde guarnendo con qualche germoglio di bietola rossa.

Le capesante le trovate fresce in pescheria oppue le potete aquistare congelate, se avete gia le conchiglie vuote comprate solo la polpa che trovate nei reparti dei surgelati. Se invece comprate le capesante fresche staccate il mollusco dalla conchiglia. Se preferite potete utilizzare lo stesso composto per farcire le cozze, utilizzando lo stesso procedimento.

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan page di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

 

Share

Zuppa di farro perlato con guanciale

Share

Zuppa di farro perlato con guanciale

Zuppa di farro perlato con guanciale

Questa calda Zuppa di farro perlato con guanciale e un’ottima idea per questi giorni grigi

Zuppa di farro perlato con guanciale

Questa calda Zuppa di farro perlato con guanciale e un’ottima idea per questi giorni grigi. Io ho utilizzato il farro perlato che è privato completamenre della sua pellicina  esterna così  evitiamo l’ammollo, accorciando i tempi di cottura. Il farro è composto per circa il 10 % da acqua, proteine al 18%, il 6,8 % di fibre alimentari, amido 58,5 %, grassi 7 % e zuccheri 2,7%. Ricco di vitamine: Le vitamine sono la vitamina A, le vitamine B1, B2, B3, B5, B6, vitamina E e K. I minerali sono: potassio, ferro, calcio, rame, sodio e fosforo. Per saperne di più visitate QUI’

Ingredienti per 4 persone

400 gr di farro perlato
100 gr di guanciale
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 cipolla
1 carota
1 peperoncino rosso
1/2 litro di brodo vegetale
sale, pepe q.b.
Preparazione
Tritate la cipolla, la carota e fateli imbiondire nell’olio caldo insieme a un pezzetto di peperoncino.
Aggiungete il guanciale tagliato a dadini e fatelo rosolare.
Prima che il guanciale si secchi troppo,versate il brodo caldo e portatelo ad ebollizione: appena l’avrà raggiunta, unite il farro lavato sotto l’acqua corrente e ben scolato.
Abbassate la fiamma, chiudete la casseruola e portate la zuppa a cottura completa aggiungendo, se necessario , ancora un pò di brodo, salate e pepate.
Quando la vostra zuppa di farro perlato con guanciale sarà ben cotta versatela in una terrina di servizio calda, e portatela in tavola accompagnandola con rettangoli di pane casareccio affettato grosso.

Zuppa di farro perlato con guanciale

Questa calda Zuppa di farro perlato con guanciale e un’ottima idea per questi giorni grigi.

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan page di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Share