Pizza con l’impastatrice

La domenica, a casa mia, è dedicata alla pizza con l’impastatrice, ovviamente fatta a casa.

Pizza con l'impastatrice

D’inverno ho il solito problema dei geloni che non mi permettono di impastare a mano vari impasti e allora ho il mio aiuto in casa, anche per fare la pizza con l’impastatrice, il mio aiuto si chiama Kenwood km280. Come avete potuto vedere nelle altre foto mi ha aiutato molto per la realizzazione dei dolci e oggi invece vi mostro come preparo l’impasto della pizza. Vediamo gli ingredienti:

*piccola modifica sugli ingredienti

Parto col dire che questo impasto lo realizzo circa poco prima di pranzare (d’inverno se non fa molto freddo). In un pentolino intiepidisco l’ acqua, poi la metto nella ciotola della planetaria e sciolgo il lievito a mano, aggiungo qualche cucchiaio di farina e metto a velocità 2. Man mano aggiungo diversi cucchiai di farina, fino ad avere una consistenza molliccia e lascio lavorare l’impasto aggiungendo il cucchiaino e mezzo di sale e i due cucchiai di olio.. passato qualche minuto continuo con la farina fino a che l’impasto non si stacca dalla ciotola.

Può essere che a seconda dell’assorbimento della farina non utilizzerete tutti i 500 gr, ma poco meno o poco più.

20130203_142424

Metto l’impasto in una ciotola con coperchio.

Quanto deve lievitare la pizza?

Faccio lievitare per circa 4 ore – 4½ ore , poi prendo l’impasto e lo divido in pagnottelle, su 500 gr di farina ne escono 2 (io faccio l’impasto di 1 kg la domenica) e le appoggio su un canovaccio, lo copro con lo stesso e sopra metto un altro canovaccio che ho bagnato con l’acqua e strizzato di modo che la parte superiore non formi la crosta. Quando desideriamo accendiamo il forno a 240° e lo facciamo arrivare a temperatura. Nel mio caso passano circa 2 ore e mezza dall’ultima lievitazione. Procediamo quindi a ungere con un filo d’olio la teglia e stendere l’impasto, aggiungere la salsa di pomodori ed eventuali funghi o olive, dopodiché inforniamo. A quasi metà cottura aggiungo la mozzarella, di modo che non si asciuga col calore eccessivamente e inforniamo nuovamente. Quando i bordi sono ben colorati la pizza è pronta!

Nulla di più facile eeeeeeee buon appetito!

E da oggi 25/11/2014 è disponibile anche il video della pizza con l’impastatrice! Clicca sull’immagine per collegarti alla pagina YouTube e visualizzarlo!

video pizza

Sai stendere una pizza rotonda?

Stendere pizza

 

[line]

I gusti della pizza

Ecco una carrellata di pizze che preparo a casa. Suggerite i vostri gusti preferiti!

1071463_540988639270980_370170325_o

Pomodoro e mozzarella (Margherita)

1072394_540988522604325_749825949_o

Pomodoro, peperoni e salame piccante
(variante con pomodoro, peperoni, salsiccia, ‘nduja e pochissima mozzarella)

474852_540988592604318_1752554247_o

Pomodoro, salame piccante e mozzarella

1072539_540988695937641_49578464_o

Pomodoro e cipolla precedentemente appassita

20130922_200442

Pomodoro, prosciutto cotto, olive verdi e nere e mozzarella

20140706_201853

Base bianca (mozzarella) e zucchine grigliate

IMG-20140721-WA0000

Pomodoro, mozzarella, olive verdi, capperi e acciughe

20140727_202212

Base bianca (mozzarella) bresaola, pomodorini, rucola e scaglie di grana

20140803_202500

Base bianca (mozzarella) speck, pomodorini, rucola e scaglie di grana

20140930_195652

Base bianca (mozzarella) mortadella, granella di pistacchi e mozzarella di bufala a pezzi

20141026_192138

Base bianca (mozzarella), acciughe, fette di pomodoro fresco, olive e capperi

20141026_193830 Base bianca (mozzarella), funghi, zucchine grigliate e carciofini sott’olio

20141116_193258
1. Gorgonzola e pere (base pere / gorgonzola / pere)
2. Gorgonzola e aceto balsamico
3. Gorgonzola e gherigli di noce

20141207_194053


Base bianca con salame piccante e scamorza affumicata

20141207_194105


Base bianca, gamberetti, zucchine grigliate e pomodorini

[line]

 

Che pomodoro uso sulla pizza?
Prendo il mio bellissimo barattolo di conserva di pomodori a pezzi,

SONY DSC

prendo la quantità che mi serve e lo frullo velocemente con il minipimer aggiungendo sale, olio, basilico e rosmarino. 😉

 

 

 

 

 

 

[line]

Può interessarti l’uso della pizza cucinata nel forno di casa con la pietra refrattaria?

Pietra refrattaria pizza pietra 2Pietra refrattaria

 

35 Comments

  1. Good write-up, I am normal visitor of oneˇ¦s website, maintain up the excellent operate, and It is going to be a regular visitor for a long time.

     
  2. Finalmente la ricetta della pizza per la mia planetaria, devo usare il gancio non la foglia vero? Nn ho ancora capito la differenza.
    Grazie

     
    • Scusa, non ho visualizzato in tempo il tuo commento!
      C’è la differenza tra il gancio e la foglia e questo dipende dal tipo di impasti che si devono preparare.
      Solitamente per impasti come lievitati con lievito di birra come pane, brioche, pizza ecc.. viene utilizzato il gancio a “spirale” o come altro si vuole chiamare (braccio impastatore solitamente)
      Per gli impasti più morbidi come ad esempio, babà, pasta choux, biscotti, frolle è utile la foglia
      🙂
      Per creme, pan di spagna soffici, montaggio di albumi, tuorli, meringhe ecc.. il frullino

       
  3. Grazie della risposta. Ho provato a fare la pizza seguendo la tua ricetta e finalmente sa di pizza nn di lievito……grazie ancora

     
  4. Ciao,
    ho appena ricevuto in regalo la km 280 propsero e nopn vedo l’ora di provarla con questa ricetta!

     
  5. Ciao, ho appena ricevuto in regalo la km 280prospero e non vedo l’ora di sperimentare! Volevo provare la tua ricetta, è possibile farla con la farina integrale? SE SI, le dosi restano uguali? Grazie in anticipo!!

     
    • È possibile con tutte le farine, ma l’assirbimento dell’acqua è diverso dalla farina 00.
      Onestamente non ho mai provato, quindi non so come si comporta. Potresti provare a fare la stessa ricetta, nel caso sia troppo molle l’impasto aggiungi più farina, nel caso contrario aggiungi acqua con molta calma perché poi l’impasto diventa scivoloso.
      Potresti casomai aggiungere l’acqua e lavorare a mano, ti viene sicuramente più facile e meno faticoso per l’impastatrice, questo solo per la prima volta, per quantificare quanta acqua ti servirà la prossima volta.

      Mi consigliano di fare un’altra cosa .. mettere la farina nell’impastatrice e aggiungere l’acqua poco alla volta. Secondo me è meglio

       
  6. Ciao Laly, sabato ho provato la tua ricetta! è stato davvero un successone!! Ho impastato poco meno di 500gr di farina, metà integrale, metà bianca tipo 00.. grandissima!!!!

     
  7. Mi puoi far sapere per cortesia che tipo di mozzarella usi? Non sembra la classica mozzarella da scolare. Grazie

     
    • Uso la mozzarella del lidl (che praticamente sono prodotte da Francia – faccio riferimento al sito ioleggoletichetta)
      Prima di metterle sulla pizza le taglio a cubetti almeno 4 – 5 ore prima e li metto in una ciotola forata, come quella della ricotta per esempio, a scolare. Quando la devo mettere sulla pizza la strizzo ulteriormente. Odio i surrogati. L’importante è che la mozzarella sia ben asciutta, altrimenti inumidisce troppo la pizza, rimane cruda e non si cuoce. Occhio anche a non esagerare con il quantitativo di condimenti 🙂

       
  8. Ciao!!!
    Sono una novellina alle prese con la planetaria, ho visto la tua video ricetta. Scusami l’ignoranza ma con le dosi indicate mi fai capire quante pizze ci fai?? Per quante persone??
    Vorrei anche sapere come la stendi, usi le mani oppure con il mattarello??
    Grazie un saluto. Cla’

     
    • Ciao Clà.
      Con la dose di 500 g di farina come nella ricetta che ho indicato, faccio 2 pizze.
      La domenica impasto 2 volte perché capita che siamo in 5 persone a casa e 4 pizze sono sufficienti per noi, quindi utilizzo 1 kg di farina e faccio 4 pizze.
      Il tutto dipende dalle teleglie che usi. Ogni teglia sono circa dai 200 ah 250 g di impasto. A me la pizza finissima non piace.
      Per la stesura se ti riferisci alla teglia io faccio così. Ungo la teglia con poco olio di oliva (deve essere poco, altrimenti frigge) prendo il mio panetto e cerco di passarlo un paio di volte tra una mano e l’altra in modo che si allarga un pochino, senza esagerare se no il centro del panetto si buca.
      Lo metto al centro della teglia e con tanta tanta e tanta pazienza inizio a schiacciata con i polpastrelli e la allargo sulla teglia. Nessun mattarello. Se la pizza tende a ritirarsi, insistere su qualche parte più alta e schiacciarla fino al bordo teglia.
      Mentre con la pietra refrattaria faccio così.
      Su una pala di legno spolvero abbondante farina di grano duro. “impano” delicatamente il mio panetto senza “smontarlo” dalla lievitazione.
      Delicatamente con i polpastrelli premo su tutto l’impasto cercando di allargare piano piano facendo un cerchio. Infine con le mani “piatte” e unite le poggio sull’impatto e delicatamente lo allargo divergendo le mani e rotante l’impasto in modo che si allarga, evitando di toccare troppo i bordi e stando attenta a non farla troppo sottile al centro perché rischia che si buca.
      Quest’ultima è un po’ complessa da fare.
      Se hai altri dubbi scrivimi.
      Buona giornata!

       
      • Buongiorno Laly!!
        Questa mattina ho provato subito la tua ricetta, ora sta’ lievitando.
        Forse un piccolo aiutino mi serve, perchè alla fine a me l’impasto dal bordo della ciotola non si è staccato del tutto. E, volevo anche capire meglio come usi la velocità dell’impastatrice. Dimmi se ho sbagliato sono partita al minimo, dopo aver aggiungo l’olio ed il sale ho aumentato la velocità a 2 fino alla fine.
        La prossima volta sarò più brava!! 😉
        Grazie mille per i suggerimenti.
        Ciao Cla’

         
        • Non si staccherà tutto completamente, l’importante è che esce un impasto morbido, non troppo asciutto e non troppo bagnato.
          La velocità che uso all’inizio è bassa, poi aumento un pochino, anche fino a 3. Basta farla lavorare un po’ come da video. Piano piano capirai tutto con l’esperienza. 😉

          Tienimi aggiornata

           
  9. Ciao Laly
    la pizza ha avuto un discreto successo, ho letto tardi il tuo messaggio ed ho usato la mezza dose per 4 persone quindi è risultata un po’ pochina….prossima volta la doppia dose 500+500 di farina e così via. Ci è piaciuta tantissimo xkè come già faceva notare qualche altra persona non si sente il lievito.
    Volevo chiederti se tu usi il contenitore per la lievitazione. Ho fatto caso nel video che metti un coperchio al tuo contenitore. Mi puoi dare qualche suggerimento per acquistarne uno??
    Grazie mille un saluto Claudia

     
    • Uso un contenitore che avevo preso al lidl, molto utile perché mantiene la temperatura essendo di plastica e non ho bisogno della pellicola. Ti sconsiglio di usare ciotole di metallo, non sono adatte per la lievitazione dato che sono fredde. In alternativa la ciotola di plastica con la pellicola trasparente va benissimo, l’importante è che non poggia su una superficie fredda come il marmo o metallo.
      Per la seconda lievitazione non uso nulla, semplicemente, per comodità, uso una tavola di legno e poggio sopra una tovaglia, sopra gli metto i “pesetti” ovvero la pizza divisa per grammi e avvolgo la tovaglia sopra, infine un canovaccio bagnato e strizzato bene bene sopra di modo che non si secca e non fa la crosticina. In alternativa si possono comprare dei contenitori apposta di plastica, come quelli che usano nelle pizzerie, ma per la quantità che faccio per me non ne vale la pena.

       
  10. Ciao Laly ho la tua stessa impastatrice e ho provato a fare la pizza seguendo la tua ricetta punto per punto ed è venuta benissimo :)… oggi ho provato a rifarla e vorrei chiederti due cose: secondo te posso fare l’impasto con 1 kg di farina (tutto insieme) o è meglio fare un impasto alla volta (di 500g)? Poi dato che devo cuocerla domani sera puo’ lievitare per molto piu’ tempo rispetto alle tue 4 ore + 2 e mezza?

     
    • Buongiorno Didi. Il massimo che ho provato a impastare è 600 g di farina. Non consiglio di impastare di più perché la macchina sforza troppo e si rischia un surriscaldamento, oltretutto l’impasto si intreccia troppo sopra il gancio, quindi si rischia che non viene impastato bene.
      Se impasti il giorno prima mettila in frigo nella parte bassa. La lievitazione continuerà, ma sarà più lenta. Poi nel pomeriggio tiri l’impasto fuori dal frigo e lasci procedere come sempre.

       
  11. Ho appena letto la tua ricetta di “pizza con impastatrice ma con 3 g di lievito”!!!! A leggerla prima…ora ormai l’ho già impastata e i due impasti sono in due ciotole a t ambiente chiuse ermeticamente. Conviene lasciarle cosi’ fino a domani????

     
    • Metti l’impasto in frigorifero. Dipende anche dalla temperatura che c’è a casa tua. Rallenta la crescita dell’impasto con il freddo.

      Secondo me non serve fare 2 ciotole. Basta mettere i sue impasti da 500 g in un unica ciotola grande mescolati insieme, tanto poi dopo la lievitazione andranno fatti i panetti.

      Scusa per la risposta troppo tardi, ma stavo già dormendo a quell’ora

       
  12. Laly grazie per i consigli! Ho messo in frigo l’ impasto come mi hai suggerito e poi un po’ a t ambiente e cotto in forno ferrari…squisita!!!

     
  13. Ottima recensione. Nel weekend proverò subito e ottimo anche il video.
    Solo una domanda: se faccio lievitare la sera prima e lo lascio lievitare durante la notte? Lo tengo chiuso fino al pomeriggio successivo quando lo avvolgero nel canovaccio, si può fare?

    grazie e complimenti per il blog.
    Fabio

     
  14. Pizza fatta…ottima!!! E’ venuta buonissima….grazie per i consigli.
    L’unica cosa che credo di aver sbagliato è di aver messo poca farina….quando ho avvolto i panetti nel canovaccio un po’ di pasta è rimasta attaccatta al canovaccio. Impasto troppo molliccio?

     
    • Wow! Sono felicissima!
      A volte dipende dalla farina. Non tutte le farine assorbono allo stesso modo. A volte anche lo stesso tipo di farina assorbe in modo diverso, oppure basta un po’ di acqua in più o in meno, alla fine non è un problema, a volte capita anche a me che si attacca, ma con l’esperienza questo lo correggerai e riuscirai a trovare la giusta soluzione. 😉

       

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.