Crea sito

Corso di piatti tipici baresi: Strascinate, patate riso e cozze, sugo con le cozze ripiene.

Bari. Una città Medioevale immersa nel bianco candido della calce delle case, il cielo azzurro brillante e il sole caldo dell’ Oriente, il blu del mare. Qui, nei vari vicoli della città vecchia, il tempo sembra fermarsi, aleggia tutto intorno la storia di Federico II e San Nicola, tra mistico e profano, tra leggenda e verità.

E proprio per apprezzare la nostra storia e tradizione, che ho voluto fare questo corso. Un corso dove ti ritrovi faccia a faccia con un mondo fatto di ricordi dei tempi passati, dove la realtà sembra essere quasi una barzelletta, ma non lo era.

Il corso è stato organizzato dall’associazione Acli – Dalfino, che ha sede in piazza Odegitria (nelle vicinanze della Cattedrale di Bari) a Barivecchia. Il posto in cui ha avuto sede è in via San Marco dei Veneziani, presso ” ù settane “, che vuol dire il sottano. E sì, perchè, è una vera e propria stanza di 20-25 mq interrata, dove prima ci viveva una famiglia.

Anche qui dentro, sembra che il tempo si sia fermato al dopoguerra: i mobili sono quelli della nonna in legno massiccio, l’altarino merlettato dedicato a parenti defunti, le foto sbiadite dal tempo e i quadri maestosi di Gesù e Santi, che, ahimè, nelle case non si usano più.

Qui troviamo Vittoria, una donna minuta, ma con un cuore grande, ci ha insegnato oltre al saper fare le orecchiette, anche la pazienza e la calma del prova e riprova. Perchè le orecchiette non ti usciranno al primo colpo, ma neanche al secondo e al terzo e ci vorranno mesi prima che saranno perfette, ma tu ci dovrai provare lo stesso.

I primi due giorni sono stati all’insegna della pasta fresca, quindi strascinate (orecchiette), làneche (tagliatella) e quadrùcce (quadrucci).

past
Orecchiette, tagliatelle e quadrucci

 

Il terzo giorno è stato quello della teglia di patate riso e cozze, sfatando la famosa frase che in molti si chiedono: “Ma tu la metti la zucchina?”. La vera teglia barese, mi raccomando, non vuole la zucchina!

Di questa teglia, potete trovare la ricetta nel mio blog, perchè ne abbiamo già parlato abbondantemente in un altro articolo da me scritto.

pataterisecozz
Teglia di patate riso e cozze

 

L’ultimo giorno è stato quello della condivisione, quello dove abbiamo cucinato insieme le orecchiette con il sugo semplice e il sugo delle cozze ripiene, e poi abbiamo condiviso questo ben di Dio con chi abbiamo lavorato e passato del tempo.

DSC_0569
Orecchiette con sugo semplice

 

Sugo con le cozze ripiene
Sugo con le cozze ripiene

 

Ringrazio il presidente dell’ associazione Acli – Dalfino, Michele Fanelli, perchè con la sua semplicità ci ha fatto rivivere le tradizioni della nostra terra, che non dobbiamo MAI dimenticare!

Ringrazio la nostra maestra Vittoria per averci insegnato a fare la pasta fresca e per aver risposto alle nostre domande.(che erano tante!)

Ringrazio e saluto le mie “colleghe” di corso. 

 

 

Michele Fanelli - Vittoria Di Mario - corsiste
Michele Fanelli – Vittoria Di Mario – corsiste
IMG-20160506-WA0005
Vittoria Di Mario (maestra) – Giuditta Ambruosi (foodblogger) – Michele Fanelli (presidente ass. Acli-Dalfino)

Pubblicato da Giuditta

Amo cucinare, amo la mia città e le tradizioni. Il gioco del calcio fa parte di me come la squadra di calcio della mia città: ovvero Bari. Amo la fotografia. Amo viaggiare e assaporare le tradizioni e la cucina di ogni posto. Vorrei farvi assaggiare ogni piatto che cucino per un viaggio sensoriale nei vari posti che ho toccato con mia mano.