Le scaloppine squisitezza al parmigiano, gustosissime, veloci e semplici da preparare. Quindi che aspettiamo a prepararle ??

INGREDIENTI PER LE SCALOPPINE SQUISITEZZA AL PARMIGIANO

Per 4 pers.

600 gr. di scaloppine di vitello

Uno scalogno

50 gr. di burro

Tre cucchiai di olio evo

1/2 bicchiere di vino bianco secco

300 gr. di polpa di pomodoro tritata finemente

Un ciuffetto di prezzemolo

60 gr. di parmigiano grattugiato

Sale e pepe

Farina 00 per infarinare

Infarinare le scaloppine di vitello. In una larga padella fare appassire lo scalogno tritato nel burro e olio evo, unire la carne, farla dorare da ambo le parti, salare e pepare. Sfumare con  il vino bianco, togliere la carne e tenerla in caldo, unire al condimento la polpa tritata di pomodoro,  aggiustare di sale e pepe, fare restringere per 5 min., rimettere la carne, cospargere di prezzemolo tritato e fare insaporire qualche min. Poi cospargere con il parmigiano. Coprire con un coperchio e far riposare 2 min. prima di servire le scaloppine squisitezza al parmigiano. BUON APPETITO

CURIOSITA’

LO SCALOGNO

Lo scalogno (A. ascalonicum L.) è una pianta appartenente al genere Allium, famiglia delle Liliaceae, la stessa di cipolla, aglio, porro ed erba cipollina; non a caso, è abbastanza simile alla cipolla anche se presenta dimensioni notevolmente più contenute. Lo scalogno cresce a piccoli cespi, ha foglie verdi, sottili, lesiniformi e vuote; in luglio fiorisce con piccoli fiori color porpora che poi maturano in semi neri. Dello scalogno se ne commercializzano prevalentemente due varietà, una piccola e precoce (più pregiata) ed una tardiva e più grossa (meno intensa).
Lo scalogno è coltivato da tempi remoti ma ciò che è strano è che NON se ne trovano manifestazioni puramente spontanee; pertanto, risalire all’eventuale zona di origine risulta complicato. Documenti storici lo collocano sia in Asia centrale, sia in Palestina ed Egitto, ma non tutti sono d’accordo sul fatto che costituisca una pianta spontanea autoctona; di conseguenza, è possibile che anche in tali luoghi abbia rappresentato una proliferazione post-colturale. Contrariamente a quanto molti sostengono, lo scalogno NON è un incrocio tra la cipolla gialla e l’aglio, bensì una specie botanica a se stante

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/alimentazione/scalogno.html

Commenti disabilitati su SCALOPPINE SQUISITEZZA AL PARMIGIANO