Golosissimo questo rotolo alla crema nocciola, un dessert per tutte le occasioni.

INGREDIENTI PER IL ROTOLO ALLA CREMA NOCCIOLA

PER LA BASE

50 gr. di fecola

50 gr. di farina 00

100 gr. di zucchero semolato

4 uova

Un cucchiaino di lievito per dolci

Un pizzico di sale

PER LA CREMA NOCCIOLA

4 dl. di latte

Due cucchiaiate di crema nocciola

4 tuorli

125 gr. di zucchero semolato

40 gr. di maizena

PER COMPLETARE

Zucchero a velo

ciliegine candite

bagna all’alchermes o al maraschino

scagliette di cioccolato

PROCEDIMENTO

Montare a spuma gonfia i quattro tuorli con lo zucchero, unire poco per volta e sempre mescolando: la fecola e la farina 00 setacciate insieme al cucchiaino di lievito. Montare a neve ferma i quattro albumi con il pizzico di sale e incorporarli delicatamente all’impasto.

Versare su placca foderata con carta forno, livellare con una spatola e infornare a 175° forno ventilato o 180° forno elettrico o a gas per 15 min. circa. Sfornare subito

e rovesciare su un telo da cucina inumidito,

arrotolare a salame e far raffreddare.

Nel frattempo preparare la crema alla nocciola. Scaldare il latte facendovi sciogliere le due cucchiaiate di crema nocciola. Montare i 4 tuorli con lo zucchero, unire 40 gr. di maizena sciolta in poco latte. Poi unire a filo il rimanente latte caldo. Fare bollire due minuti mescolando, lasciare raffreddare. Srotolare il rollè ormai freddo, spruzzare leggermente con una bagna a piacere (io ho usato quella all’alchermes). Spalmarvi la crema fredda e arrotolare di nuovo con carta forno. Tenere in frigo almeno tre ore. Infine decorare il rotolo alla crema nocciola spolverizzando con zucchero a velo, distribuirvi le scagliette di cioccolato e le ciliegine. BUON APPETITO

CURIOSITA’

MAIZENA

Nota sin da tempi antichi, e di recente tornata in voga nelle ricette dello Stivale, la maizena è uno degli ingredienti alimentari più amati e impiegati in cucina. Conosciuta anche come amido di mais, viene ricavata da questo importante cereale attraverso uno speciale processo di lavorazione.

 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*