Il pancotto alla pugliese con verdure, fa parte dei buonissimi piatti poveri ma gustosi di una volta.

INGREDIENTI PER IL PANCOTTO ALLA PUGLIESE CON VERDURE

Per 4 pers.

500 gr. di bietole già pulite

300 gr. di pane casereccio raffermo

Tre patate medie

Due spicchi di aglio

Un pezzetto di peperoncino

Olio evo

Sale

PROCEDIMENTO

Pulire e lavare le biete, tagliarle a pezzi. In un tegame dai bordi alti versare un litro e mezzo di acqua, portare a ebollizione, salare e aggiungervi le patate pelate, lavate e tagliate a dadi, a metà cottura unire le biete spezzettate e il pane raffermo tagliato anche lui a pezzi, cuocere altri cinque minuti e aggiustare di sale. In un padellino far rosolare in 5 cucchiai di buon olio evo: gli spicchi di aglio a fettine e il peperoncino. Suddividere il pancotto alla pugliese con verdure nei piatti e distribuirvi l’olio con l’aglio. Servire subito ben caldo. BUON APPETITO

CURIOSITA’

LE BIETOLE

Le bietole, dal punto di vista botanico, sono strettamente legate alle barbabietole ma, mentre quest’ultime sono coltivate per le loro radici, le coste sono invece coltivate per le loro foglie. Se consumate crude sono leggermente amarognole mentre se vengono cotte perdono l’amaro ed acquistano un sapore delizioso e delicato che ricorda vagamente quello delle spinaci. Uno dei modi più utilizzati per consumarle è quello di saltarle in padella.
Contengono il 92,5 % di acqua, l’1,6 % di fibre, l’1,1 % di zuccheri, l’1,5 % di ceneri, l’1,8 % di proteine e lo 0,2 % di grassi. I minerali: calcio, fosforo, potassio, sodio, ferro, magnesio, zinco, rame, manganese e selenio. Le vitamine: vitamina A, vitamine B1, B2, B3, B5, B6, vitamina C, E, K e J. Le bietole contengono inoltre acido ossalico, folati alimentari, alfa e beta-carotene, luteina e zeaxantina. Aminoacidi: fenilalanina, arginina, isoleucina, leucina, istidina, metionina, treonina, valina e triptofano. Bietole Proprietà e Benefici
Diabete: una delle proprietà più significative delle bietole è la loro capacità di regolare i livelli di zucchero nel sangue. Questa proprietà è da ricondursi ad un flavonoide che prende il nome di acido siringico che, inibendo l’attività dell’enzima alfa-glicosidasi, è in grado di evitare picchi glicemici.

 

Tratto da: misterloto.it

Commenti disabilitati su PANCOTTO ALLA PUGLIESE CON VERDURE