Le mie sfince trapanesi sono: delle golose frittelle aromatizzate ai semi di anice,  che una volta venivano preparate durante il periodo natalizio, adesso  si preparano durante tutto l’anno e non mancano mai in qualsiasi fiera o sagra.

sfince

INGREDIENTI PER LE MIE SFINCE TRAPANESI

500 gr. di farina di semola di grano duro

250 gr. di patate

Un cucchiaio raso di semi di anice

Un grosso pizzico di sale

Il succo e la buccia di un’arancia non trattata

Una bustina di vanillina

Un cubetto di lievito di birra da 25 gr.

Olio di arachidi per friggere

Zucchero e cannella per completare

PROCEDIMENTO

Mettere nella planetaria o in una capiente ciotola: la farina di semola ( quella che si usa per il pane e la pasta ), le patate lessate e passate allo schiacciapatate, il succo e la buccia grattugiata dell’arancia, il sale, la vanillina, i semi di anice e il lievito sciolto in acqua tiepida. Iniziare a mescolare e poi impastare energicamente unendo man mano acqua calda non bollente,   fino ad ottenere un impasto morbidissimo e un po’ colloso.

sfince1

Fare lievitare un’ora ben coperto e in luogo caldo.  Scaldare in un tegame abbondante olio, E con le mani unte prendere dei pezzetti di pasta grandi come un mandarino, allargarlo un po’ facendo un buco al centro, Tuffarli  quando l’olio sarà ben caldo  e friggere fino a doratura. Farli scolare su carta cucina. Le mie sfince trapanesi: vanno mangiate calde e ben spolverizzate di zucchero e cannella.

CURIOSITA’

ANICE

Quella dell’anice ( Pimpinella anisum ) è una pianta erbacea annuale che appartiene alla famiglia delle Ombrellifere; il suo fusto raggiunge in media un’altezza di 40/50 centimetri, i suoi fiori sono piccoli, di colore bianco e fioriscono all’inizio dell’estate. Il suo frutto è piccolo con forma ovale e verde giallognolo, tende a scurirsi durante la maturazione.
Le parti che si utilizzano dell’anice sono i semi che vengono raccolti in agosto; la pianta è originaria dell’oriente e veniva già coltivato in tempi antichi dalla popolazione egizia, araba e greca. In Italia l’anice cresce spontaneamente in zone con clima caldo ed asciutto, in
particolar modo nel bacino mediterraneo.

Commenti disabilitati su LE MIE SFINCE TRAPANESI